Burrowing Animals i primi a riprendersi dopo l’estinzione di massa del Permiano: nuovo studio

48

È stato scoperto che animali scavatori come gamberetti e vermi sono stati tra i primi a riprendersi dopo l’estinzione di massa della fine del Permiano circa 252 milioni di anni fa. Chiamato anche il “Grande Morire”, l’evento di un secondo quanto riferito ha ucciso circa il 90% di tutta la vita sulla Terra entro la fine del periodo Permiano.

I risultati si basavano su un nuovo studio condotto da un team internazionale di scienziati provenienti da Cina, Stati Uniti e Regno Unito. Il team ha portato alla scoperta quando stavano studiando antiche tane e sentieri del fondale marino, scoprendo che le specie che scavano sul fondo sono state le prime a tornare in un mondo post-estinzione.

Varie ricerche nel campo della geologia e della paleontologia sottolineano che una serie di massicce eruzioni vulcaniche in quella che oggi è la Siberia aveva causato la catastrofe globale del Permiano. Il fenomeno pose fine alla vita di varie specie animali e vegetali, anche molto prima che dinosauri e mammiferi vagassero per il Pianeta Blu.

La scoperta mette in evidenza l’importanza dei fondali marini e la capacità biologica di nascondersi sotto terra. In tempi contemporanei, questo comportamento scavatore è ancora posseduto da alcuni gruppi animali, inclusi mammiferi, crostacei, ricci di mare, insetti, ragni e vongole.

Recupero dall’estinzione

(Foto: JEAN-FRANCOIS MONIER/AFP via Getty Images)

Il nuovo articolo sull’argomento è stato pubblicato su Science Advances. Nello studio, gli scienziati hanno rintracciato fossili da 26 sezioni del fondale marino della Cina meridionale, ingrandendo 7 milioni di anni cruciali e 400 punti di campionamento verso la ricostruzione del recupero post-estinzione degli animali scavatori.

Secondo il dottor Xueqian Feng, autore principale dello studio e membro dello staff della China University, la documentazione di tracce fossili come tracce e tane è stata lasciata dalla maggior parte degli animali dal corpo molle degli oceani del mondo, come il caso di gamberetti e vermi. di Geoscienze, come citato da Phys.org.

Feng e il team hanno anche notato che c’era solo un numero molto piccolo di sopravvissuti dopo l’estinzione di massa del Permiano. Tuttavia, il recupero della vita iniziò nelle acque più profonde, probabilmente incontaminate o meno colpite dal disastro naturale preistorico.

Mentre la vita è ancora riuscita a sopravvivere, il suddetto antico evento di estinzione ha causato l’annientamento di alcuni importanti animali marini, inclusi i trilobiti che hanno vissuto negli oceani per oltre 250 milioni di anni, secondo il Sam Noble Museum.

Leggi anche: L’estinzione di massa del Permiano è avvenuta in un batter d’occhio geologico

Comportamento scavando

Il comportamento scavatore riguarda la capacità e la tendenza di alcuni animali a scavare una buca o un tunnel a scopo di abitazione o rifugio temporaneo, secondo National Geographic.

La cosiddetta “tana” mira a proteggere un animale dai predatori e anche dal clima come condizioni meteorologiche estreme, caldo e freddo.

Le tane hanno anche altre funzioni chiamate “dispensa” in cui gli animali conservano il cibo raccolto. Inoltre, può essere il risultato della “locomozione” quando gli animali si spostano da un punto diverso.

Il suddetto comportamento risale addirittura a centinaia di milioni di anni fa, come evidenziato dal nuovo studio.

In Australia, una tana di dinosauro di 110 milioni di anni è stata scoperta nella costa sud-orientale del paese, rendendola la più antica tana di dinosauro conosciuta. Negli Stati Uniti, una tana preistorica simile è stata trovata nello stato del Montana nel 2006, come menzionato da Nat Geo.

Articolo correlato: Zuppa tossica: la peggiore estinzione di massa del mondo ha ucciso migliaia di animali 252 milioni di anni fa

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.