Cani di taglia grande a maggior rischio di problemi articolari se sterilizzati precocemente

349

Attenzione, genitori di cani: i cani di razza mista più grandi sono destinati ad avere problemi articolari se sterilizzati o sterilizzati in anticipo, ha rivelato un nuovo studio dei ricercatori dell’Università della California, Davis.

Al rischio più considerevole sono i cani di razza mista che pesano più di 44 libbre e sono stati castrati di età inferiore a uno, indicano i risultati, che sono stati pubblicati sulla rivista Frontiers in Veterinary Science.

La buona notizia è che i cani che pesano 43 libbre o meno non hanno avuto problemi di rischio articolare.

(Foto: Pexels)
I cani di razza mista più grandi sono destinati ad avere problemi articolari se sterilizzati o sterilizzati precocemente, ha rivelato un nuovo studio dei ricercatori dell’Università della California, Davis.

LEGGI: ​​Quando è il momento giusto per sterilizzare il tuo cane? Uno studio recente risponde alla domanda

Lo studio ha esaminato e analizzato i dati di migliaia di cani negli ultimi quindici anni presso l’UC Davis Veterinary Medical Teaching Hospital.

Il team di studio ha analizzato i disturbi articolari comuni nei cani, vale a dire, le lesioni del legamento crociato cranico, la displasia dell’anca, la displasia del gomito, le lesioni al ginocchio e le ha correlate a cinque categorie di peso.

Sono stati anche esaminati i rischi dei cani di razza mista che sviluppano tumori in base al peso. Il team di ricerca non ha riscontrato un aumento del rischio di sviluppare il cancro indipendentemente dal range di peso rispetto ai cani intatti.

Il rischio di avere disturbi articolari per cani sterilizzati più massicci potrebbe essere alcune volte superiore rispetto ai cani lasciati intatti. Le femmine che pesano più di 43 libbre, ad esempio, aumentano enormemente il rischio di avere problemi articolari dal 4% per i cani intatti al 10-12% per i cani che sono stati sterilizzati prima di raggiungere l’età di un anno.

LEGGI ANCHE: Salvare il panda gigante a spese di leopardi, leopardi delle nevi, lupi e cani selvatici asiatici

Una revisione delle politiche di sterilizzazione

Negli Stati Uniti e in Europa, i cani vengono comunemente castrati entro i sei mesi di età. Un autore dello studio, Lynette Hart, ammette che l’indagine pone “sfide uniche”. I cuccioli, ad esempio, vengono adattati da un rifugio. Ciò pone un problema in quanto le razze miste, che sono comuni in un rifugio, possono essere difficili per determinare quanto diventerà grande il cane se non ci sono informazioni dai genitori del cane.

Le organizzazioni della società umana, gli allevatori di cani e i rifugi in genere richiedono la sterilizzazione prima dell’adozione. Sulla base dei risultati di questo studio, gli autori suggeriscono che le politiche di sterilizzazione dovrebbero essere riviste e opportunamente riviste e prendere in considerazione la possibilità di rivedere la loro età standard di sterilizzazione a più di un anno per i cani che diventeranno più grandi.

Importanza dello studio soprattutto per i proprietari di animali domestici

Hart ha affermato che questo studio è particolarmente rilevante per le persone o le organizzazioni che allevano cani guida e quindi deve essere preso in seria considerazione.

“I disturbi articolari possono ridurre la vita lavorativa utile di un cane e influire sul suo ruolo come membro della famiglia”, ha detto Hart.

Un precedente studio dei ricercatori della UC Davis sottolinea anche che la vulnerabilità ai tumori e ai disturbi articolari dei cani sterilizzati o sterilizzati entro il primo anno dipenderebbe anche dalla razza.

Gli Alani e gli Irish Wolfhound, due razze giganti, ad esempio, non avevano alcun rischio di disturbi articolari se sterilizzati a qualsiasi età.

Questi due studi recenti suggeriscono che la sterilizzazione del cane deve essere considerata attentamente dal proprietario dell’animale e la questione dovrebbe essere discussa con i loro veterinari.

Come ha affermato Benjamin Hart, uno degli autori dello studio, “pensiamo che sia la decisione del proprietario dell’animale, in consultazione con il loro veterinario, non le aspettative della società che dovrebbero determinare quando sterilizzare”.