Capodoglio intrappolato nella rete da pesca: una lotta per i soccorritori

134

21 luglio 2020 07:00 EDT

Un capodoglio intrappolato in una rete da pesca illegale lungo la costa delle Isole Eolie in Sicilia ha destato grande preoccupazione tra soccorritori e biologi.

Sabato un marinaio ha avvistato la balena con la sua 10 coda impigliata nella rete. Le guardie costiere locali e i biologi hanno risposto prontamente alla scena. Il monitoraggio della balena è stato effettuato durante la notte per assicurarsi che non scappasse prematuramente.

Domenica è iniziata la rimozione della rete sulla balena. Soccorritori e sommozzatori hanno ammesso che l'operazione è diventata più impegnativa a causa delle enormi dimensioni della balena, ed è nel suo stato agitato. Hanno cercato di liberare la balena per più di 48 ore.

Carmelo Isgro, un biologo e subacqueo, ha detto che "la balena sembrava essere impazzita". Pensavano che la balena si sarebbe stancata dopo 24 ore, ma non smette di dimenarsi a causa delle ferite. Il movimento peggiora le ferite della balena mentre continua a lacerare la sua pelle.

Secondo Monica Blasi, biologa di Filicudi Wildlife Conservation, "Non dormo da 36 ore … i sommozzatori sono riusciti a togliere alcune reti, ma poi ha iniziato a muoversi ed è diventato troppo pericoloso".

Ha aggiunto che ha così tanta amarezza e rabbia verso le reti da posta derivanti, che ha la meglio su una delle creature marine più belle e maestose del mondo.

Un altro capodoglio è stato anche coinvolto in reti illegali alcune settimane fa e gli sforzi di salvataggio per liberare la balena dalla rete sono stati un successo. Il 26 giugno, un gruppo di biologi ha dichiarato di aver individuato una balena in pericolo e di aver segnalato la questione alla Guardia Costiera. La coda del 30 piedi di lunghezza era avvolta interamente in una rete da pesca.

Una motovedetta è stata quindi inviata nella zona dalla Guardia Costiera di Lipari con una squadra di sommozzatori locali. Dopo un'ora passata a tagliare le corde, gli sforzi dei soccorritori sono stati ripagati mentre la balena nuotava per ricongiungersi a un gruppo di altri tre in attesa a distanza, priva di reti.

Le reti da posta sono attrezzi da pesca distruttivi che sono vietati nell'UE dal 2002. Il divieto è dovuto all'elevato tasso di catture accessorie e cattura anche specie migratorie, cetacei e tartarughe marine. Minaccia anche la pesca sostenibile.

Per gli animali più grandi, farsi prendere in linea o scartare reti è noto come intrappolamento. Secondo i risultati del programma UK Cetaceans Strandings Investigation, un programma che conserva i dati sugli animali marini che si lavano lungo la costa, l'entanglement è un "importante problema di benessere che causa una morte orribile". Gli animali marini più piccoli impigliati spesso muoiono di fame o annegano. Le grandi balene possono essere in grado di liberarsi dalle corde o dalle reti, ma possono anche finire per rimorchiare le reti dietro di loro per lunghi periodi.

In un articolo pubblicato su Conservation Biology nel 2012, 1.762 balene morte o ferite sono state analizzate dal 1970 al 2009 nell'Oceano Atlantico nordoccidentale. Lo studio ha rivelato che la causa principale di morte delle otto specie esaminate era l'entanglement. Sei delle otto specie sono classificate come minacciate di estinzione o di particolare preoccupazione.

Da gennaio, l'agenzia ha condotto 30 pattugliamenti e sequestrato più di 100 km di reti da pesca illegali nel Tirreno meridionale. Anche le reti fantasma abbandonate sono state recuperate. L'agenzia si è concentrata intensamente sulla pesca illegale, soprattutto nelle aree dove la pratica è più attiva e pronunciata.

© 2018 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza autorizzazione.