Come affrontare la biodiversità e le crisi climatiche della nazione su terreni privati ​​Private

0
5

La perdita di biodiversità e il cambiamento climatico non dovrebbero essere gestiti separatamente l'uno dall'altro, avverte la piattaforma intergovernativa di politica scientifica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici (IPBES) e il gruppo di esperti intergovernativi sui cambiamenti climatici (IPCC) in un nuovo rapporto, Biodiversità e cambiamento climatico, che descrive gli scenari peggiori e migliori. Nel peggiore dei casi, azioni mirate solo a combattere il cambiamento climatico potrebbero effettivamente danneggiare la biodiversità (o viceversa). Nel migliore dei casi, nessuno dei due problemi viene affrontato in modo efficace. Ma se affrontassimo le sinergie tra i due problemi, potremmo massimizzare i benefici ambientali e raggiungere gli obiettivi agricoli della nostra nazione. Fortunatamente, il Farm Bill offre un'opportunità unica per aiutare ad affrontare la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico, aumentando anche la resilienza delle operazioni agricole. Di seguito sono riportate alcune semplici raccomandazioni politiche per raggiungere questo obiettivo.

Il ruolo dell'agricoltura nella biodiversità e nel clima

L'agricoltura contribuisce ed è influenzata dai cambiamenti climatici. Secondo l'EPA, l'agricoltura è la fonte del 10% delle emissioni di gas serra negli Stati Uniti e, a sua volta, la produzione agricola e la fauna selvatica sono minacciate dagli effetti del cambiamento climatico. Ad esempio, il cambiamento climatico riduce la capacità delle terre coltivate di fornire i servizi ecosistemici forniti dalla fauna selvatica, come l'impollinazione.

L'agricoltura è anche una delle principali cause di pericolo per la fauna selvatica. Con circa due terzi della terra nel Lower 48 di proprietà privata e quasi la metà della base fondiaria degli Stati Uniti in uso agricolo privato, molte specie di problemi di conservazione dipendono dalle terre private. In effetti, oltre il 70% delle specie elencate a livello federale trascorre parte del loro ciclo di vita su terreni privati. Un recente studio pubblicato sulla rivista della Society for Conservation Biology ha scoperto che i paesaggi di lavoro hanno bisogno di almeno il 20% di habitat naturale per sostenere la biodiversità e il contributo della natura alle persone.

Foster Lea

L'agricoltura ha un impatto sulla fauna selvatica quando l'habitat delle praterie viene convertito in terreno coltivato. Il rapporto Plowprint 2020 del World Wildlife Fund rileva che dal 2014 al 2018 la lavorazione delle praterie nelle Grandi Pianure è avvenuta a una velocità media di quattro campi da calcio al minuto. La superficie coltivata è aumentata di circa l'1,3% tra il 2012 e il 2015. Gran parte di quella terra coltivata è costituita da terreni che sono stati iscritti al Programma di conservazione della riserva di Farm Bill (CRP) ma sono giunti al termine del suo contratto. CRP fornisce canoni di locazione ai proprietari terrieri privati ​​per ritirare i terreni coltivati ​​marginali e metterli sotto copertura vegetativa dove può tornare all'habitat. Uno studio pubblicato su PLOS-ONE ha scoperto che convertire le colture annuali su terreni marginali in praterie perenni potrebbe aumentare l'abbondanza di api fino al 600 percento e la diversità delle api fino al 53 percento. Ma quei benefici dell'habitat si perdono quando le terre CRP vengono riconvertite alla produzione agricola alla scadenza dei loro contratti di 10 anni. Le praterie sono particolarmente a rischio di essere convertite in terre coltivate quando i prezzi delle materie prime sono superiori ai canoni di locazione offerti da CRP. L'American Farmland Trust sta collaborando con NRCS alla Farms Under Threat Initiative per mappare l'habitat critico associato ai terreni agricoli, inclusi pascoli e pascoli.

Il Farm Bill's Agricultural Conservation Easement Program (ACEP) può anche avvantaggiare la fauna selvatica proteggendo in modo permanente fattorie e ranch dallo sviluppo. Queste servitù di conservazione possono anche fornire un cuscinetto tra aree naturali e paesaggi più altamente alterati. I proprietari terrieri possono collaborare con il Servizio di conservazione delle risorse naturali (NRCS) del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti (USDA) per implementare pratiche volontarie di gestione intelligente del clima che sequestrano il carbonio nelle loro servitù. Ad aprile, l'USDA ha riconosciuto una pietra miliare di cinque milioni di acri di terreni agricoli e ranch protetti da servitù di conservazione permanenti attraverso programmi come l'ACEP come parte dei suoi sforzi per costruire resilienza e ridurre gli impatti dei cambiamenti climatici.

Raccomandazioni per la politica delle terre private

Nonostante la minaccia che l'agricoltura rappresenta per la fauna selvatica, può essere parte della soluzione. Uno studio pubblicato su Bioscience ha scoperto che molte delle stesse pratiche di conservazione che mitigano i cambiamenti climatici proteggono anche l'habitat della fauna selvatica e conservano la biodiversità. NRCS offre tali pratiche di conservazione che beneficiano contemporaneamente della fauna selvatica e del clima. Il Climate Stewardship Act introdotto ad aprile dal Sen. Cory Booker (S. 1072) e Rep. Abigail Spanberger (H.R. 2534) include quasi tutte queste pratiche (vedi tabella).

Pratiche di conservazione NRCS che migliorano l'habitat della fauna selvatica e sequestrano il carbonio

Pratiche di gestione del clima elencate nel Climate Stewardship Act

Ritaglio del vicolo

Copertura di conservazione Conserva

Rotazione delle colture di conservazione

Strisce tampone di contorno

Ritaglio di copertura

Piantagione in area critica

Confine del campo

Striscia filtrante

Gestione della raccolta del foraggio

Piantagione di foraggio e biomassa

Miglioramento del bosco

Corso d'acqua erboso

Piantagione di siepi

IPM

Ritaglio a più piani

No fino a

Pascolo prescritto

Ridotto fino a

Tampone forestale ripariale

Copertura erbacea ripariale

Tampone erbaceo ripariale

Ritaglio di strisce

Stabilimento frangivento

Ristrutturazione frangivento

Miglioramento delle zone umide

Ripristino delle zone umide

Questo elenco di pratiche che migliorano l'habitat della fauna selvatica e sequestrano il carbonio è stato tratto dal rapporto dell'American Farmland Trust, Wildlife on the Working Landscape.

Mike Knoerr

La legislazione sul clima deve affrontare la mitigazione del clima (ovvero la riduzione delle emissioni di gas serra e il sequestro del carbonio) e la costruzione della resilienza climatica dei terreni di lavoro privati ​​attraverso il ripristino e la connettività degli habitat. Mentre la riduzione delle emissioni e il sequestro del carbonio affrontano parte della minaccia del cambiamento climatico, per affrontare efficacemente la minaccia, dobbiamo agire per costruire la capacità di adattamento della fauna selvatica e delle terre lavorabili mentre i cambiamenti climatici. Per fare ciò, il rapporto congiunto IPBES e IPCC raccomanda di aumentare le pratiche agricole sostenibili per migliorare la capacità di adattarsi ai cambiamenti climatici, aumentare lo stoccaggio del carbonio, ridurre le emissioni e migliorare la biodiversità. Lo studio pubblicato su Bioscience ha anche scoperto che le pratiche che aumentano il sequestro del carbonio possono fornire "co-benefici" alla biodiversità, ma che, al contrario, l'agricoltura del carbonio può anche creare "svantaggi", come un maggiore disboscamento e piantagioni di monocolture che sostituiscono diversi resti. Lo studio conclude che è necessaria un'attenta considerazione degli incentivi politici che incoraggiano l'agricoltura del carbonio a fornire co-benefici. Semplicemente non possiamo affrontare da soli la mitigazione dei cambiamenti climatici. Dobbiamo anche affrontare contemporaneamente la crisi della biodiversità.

Il programma per le terre private di Defenders sta sostenendo l'incorporazione delle disposizioni sulla conservazione della biodiversità nella legislazione che affronta la minaccia del cambiamento climatico sulle terre private. Proponiamo di potenziare l'impatto dei progetti di legge, come il Climate Stewardship Act e l'Agriculture Resilience Act introdotti da Rep. Chellie Pingree (H.R. 2803) e Sen. Martin Heinrich (S. 1337), sulla resilienza ai cambiamenti climatici. Aggiungendo esplicitamente la biodiversità e la connettività degli habitat a queste priorità legislative, stiamo sostenendo terreni privati ​​più resistenti.

Esortiamo inoltre le commissioni agricole del Senato e della Camera a tenere audizioni sulla conservazione della biodiversità mentre sviluppano una legislazione audace che affronti le minacce interconnesse della perdita di biodiversità e del cambiamento climatico.

Un rapporto pubblicato da Defenders, "Arrivare al 30×30: linee guida per i decisori", l'anno scorso ha rilevato un'elevata correlazione tra le terre che ottengono benefici per la biodiversità e le terre con un maggiore sequestro di carbonio. Possiamo proteggere il 40% delle aree più ricche di biodiversità negli Stati Uniti proteggendo il 20% delle aree ricche di carbonio negli Stati Uniti. La maggior parte di queste aree non rientra nell'attuale rete di aree protette. Raccomandiamo che i programmi di conservazione di Farm Bill diano la priorità alle pratiche e ai terreni che raggiungono gli obiettivi sia climatici che di biodiversità, con conseguente riduzione della terra fuori produzione e maggiori benefici per la conservazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui