Come il topo toporagno su una montagna nelle Filippine può proteggere le aquile giganti

73

Le montagne delle Filippine sono tra le località più ricche di biodiversità al mondo. Questi boschi nuvolosi nebbiosi hanno specie di animali più distinte per miglio quadrato rispetto a qualsiasi altro luogo sulla Terra.

Anche gli scienziati più esperti faticano a trovare queste creature, la maggior parte delle quali sono piccole e difficili da vedere. Ma il defunto scienziato Danilo Balete era particolarmente dotato in materia.

Uno dei topi che ha scoperto è stato scoperto essere un genere completamente nuovo, non semplicemente una nuova specie. E proteggere questo topo potrebbe significare salvare le gigantesche aquile filippine in via di estinzione che condividono la sua casa.

Il freddo toporagno protegge le aquile giganti

(Foto: FRANK RUMPENHORST/DPA/AFP via Getty Images)

Secondo Larry Heaney, curatore dei mammiferi al Field Museum di Chicago e autore senior dell’articolo che descrive il nuovo topo nel Journal of Mammalogy, “abbiamo appreso quanto siano incredibilmente importanti le Filippine in termini di dimora dei mammiferi che si trovano da nessun’altra parte” e “molta di quella conoscenza può essere fatta risalire al lavoro sul campo guidato da Danny Balete”, secondo ScienceDaily.

Secondo Dakota Rowsey, il primo autore dello studio, responsabile delle collezioni di vertebrati presso l’Arizona State University e ricercatore associato al Field Museum, nominare una nuova specie dopo che chiunque altro è un grosso problema, un grande onore dato alle persone che producono a lungo termine, sballati. -contributi di impatto alla scienza della biodiversità.

Uno dei più bei riconoscimenti che gli scienziati possono conferire è quello di nominare una nuova specie in onore di qualcuno”.

La geografia montuosa delle Filippine contribuisce alla sua biodiversità. Le sue alte montagne sono più fresche e umide delle pianure circostanti, rendendo difficile per i piccoli mammiferi spostarsi da una cima all’altra.

Di conseguenza, tendono a rimanere isolati nelle proprie “isole del cielo”, evolvendosi separatamente l’uno dall’altro stabilendo nuove specie.

Nel 2007 e nel 2010, Balete ha condotto spedizioni sul Monte Kampalili sull’isola di Mindanao nell’ambito di una collaborazione tra il Field Museum e la Philippine Eagle Foundation, che voleva sapere quali mammiferi coesistevano con uno degli uccelli più grandi e in pericolo di estinzione del mondo, l’Aquila delle Filippine.

Balete e la squadra hanno fatto una scoperta inaspettata sul Monte Kampalili: un topo marrone scuro con occhi piccoli e un naso lungo e affusolato come un toporagno, diverso da qualsiasi cosa avesse mai visto sull’isola. Gli ricordava i topi che aveva visto a centinaia di chilometri di distanza sull’isola filippina di Luzon.

Tre esemplari di topo freschi sono stati inviati al Field Museum per ulteriori esami a sostegno della teoria di Balete. Nonostante la morte di Balete, i suoi colleghi hanno continuato ad analizzare gli esemplari raccolti sul campo.

Rowsey, all’epoca ricercatore post-dottorato con Heaney, intraprese un esame del DNA del toporagno e scoprì che Balete aveva ragione: il roditore era diverso da qualsiasi altra specie conosciuta dalla scienza.

Il test del DNA ha rivelato che il nuovo topo non era collegato alle specie trovate nelle Filippine settentrionali, ma piuttosto a quelle trovate a Mindanao.

Sembra essere un esempio spettacolare di convergenza, in cui specie lontanamente imparentate si sono evolute in modo indipendente per assomigliarsi l’una all’altra in modi che consentono loro di utilizzare l’ambiente e le risorse in modi comparabili.

Leggi di più: Dopo 11 anni di studio, gli scienziati scoprono 14 nuove specie di toporagno

Biodiversità nelle Filippine

Le Filippine sono uno dei 18 paesi mega-biodiversi del mondo, che rappresentano i due terzi della biodiversità del pianeta e dal 70% all’80% delle specie vegetali e animali del mondo, secondo la Convenzione sulla diversità biologica.

Le Filippine sono al sesto posto in termini di diversità di specie vegetali, conservando il 5% della flora mondiale.

L’endemismo è molto alto, con almeno 25 specie di piante e il 49% dell’endemismo degli animali terrestri, e la nazione è al quarto posto nell’endemismo degli uccelli.

Con almeno 700 specie vulnerabili, le Filippine sono anche uno degli hotspot di biodiversità del mondo, classificandosi tra le migliori regioni di conservazione al mondo.

L’elenco nazionale delle specie faunistiche in via di estinzione è stato sviluppato nel 2004 e comprende 42 specie di mammiferi terrestri, 127 specie di uccelli, 24 specie di rettili e 14 specie di anfibi.

Le Filippine hanno almeno 3.214 specie di pesci, di cui 121 autoctone e 76 in via di estinzione.

Nel 2007, il Dipartimento dell’ambiente e delle risorse naturali ha emesso un ordine amministrativo che ha stabilito un elenco nazionale di specie vegetali minacciate, mostrando che 99 specie erano gravemente minacciate, 187 in via di estinzione, 176 vulnerabili e 64 altre specie minacciate.

Questa biodiversità unica è sostenuta da una vasta gamma di ecosistemi, paesaggi e habitat, la maggior parte dei quali è anche in pericolo dall’attività umana.

Secondo la definizione della FAO, le Filippine contengono 7,2 milioni di ettari di ecosistemi forestali, che rappresentano circa il 24% della superficie totale.

Tuttavia, si prevede che tra il 2000 e il 2005 le Filippine abbiano perso il 2,1% della sua copertura forestale all’anno, classificandosi al secondo posto nel sud-est asiatico (dietro al Myanmar) e all’ottavo nel mondo. Notevole anche l’ecosistema agricolo della nazione.

Le Filippine sono un centro di diversità per riso, cocco, fagioli mung, taro e igname, nonché un centro di origine e varietà di banane nel sud-est asiatico.

Articolo correlato: Toporagno dell’isola di Catalina: finalmente trovati piccoli topi quasi estinti!

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.