Come le nuove regole riducono l'habitat per la fauna protetta

0
40

John Martin / USFWS

Quando sono stati annunciati i risultati delle elezioni presidenziali del 2020, molti ambientalisti non hanno potuto fare a meno di sentirsi ottimisti. Le specie minacciate e in via di estinzione non erano andate bene sotto l'amministrazione Trump e l'amministrazione Biden entrante ha già indicato che intraprenderà passi forti in risposta alla crisi dell'estinzione. Specie vulnerabili come la volpe rossa della Sierra Nevada, la farfalla di rame di Hermes e la procellaria dal cappuccio nero potrebbero ora ricevere protezioni attese da tempo.

Negli ultimi quattro anni, questa amministrazione ha lanciato un assalto senza precedenti all'Endangered Species Act (ESA). Anche se l'ESA ei suoi obiettivi di conservazione sono incredibilmente popolari tra gli americani, l'amministrazione ha scelto di favorire gli attori dell'industria rispetto alla conservazione. L'amministrazione non ha solo dato la priorità al settore dei combustibili fossili rispetto alla conservazione, ma ha dato la priorità all'energia più inquinante del petrolio e del carbone rispetto alle energie rinnovabili più pulite.

Anche se ci avviciniamo all'inaugurazione di un nuovo presidente, possiamo ancora aspettarci molte regole dell'ultimo minuto dall'amministrazione Trump. Già rilasciate come regolamenti "mezzanotte" sono due che cambiano in modo significativo il modo in cui l'habitat critico è designato dall'ESA.

Conservare le specie in un mondo che cambia

Quando il Congresso ha approvato l'ESA, ha riconosciuto l'importanza di proteggere le specie e i loro ecosistemi ora e in futuro. Ma, nel mondo in evoluzione di oggi, la distruzione dell'habitat rimane la minaccia più significativa per la fauna selvatica. Inoltre, il cambiamento climatico modificherà sempre più dove le specie possono vivere in futuro, portando via alcune aree ma aggiungendone altre. Per conservare e recuperare le specie in pericolo in modo efficace è necessario guardare alle esigenze future e se l'habitat può essere ripristinato o bonificato.

Ron LeValley / LeValley Photographs / USFWS

Prendi il piviere nevoso occidentale, per esempio. Il piviere nevoso occidentale è un piccolo uccello trampoliere che si trova lungo le spiagge della costa occidentale. Il suo habitat attuale è minacciato dai cambiamenti climatici, compreso l'innalzamento del livello del mare. Il luogo in cui il piviere potrebbe vivere in futuro sarà probabilmente diverso da dove vive ora.

Come altro esempio, guarda il topo saltatore del prato del New Mexico. Molte delle aree fluviali che preferisce sono state degradate a causa dell'uso agricolo. Queste aree sono fondamentali per la sopravvivenza delle specie. Tuttavia, sebbene ora siano degradati, possono essere ripristinati per consentirne un utilizzo futuro.

Le designazioni di habitat critici offrono un modo per pianificare il futuro. Quando l'US Fish and Wildlife Service (FWS) e il NOAA National Marine Fisheries Service (NOAA Fisheries) designano una specie minacciata o in via di estinzione, il Congresso richiede all'agenzia di designare anche l'habitat critico per quella specie.

Che cos'è "Critical Habitat"?

Secondo l'ESA, gli habitat critici devono essere designati nelle aree occupate dalle specie che sono sia "essenziali per la conservazione della specie" e "richiedono considerazioni di gestione speciali". La legge richiede inoltre ai Servizi di designare le aree che non sono occupate dalla specie come habitat critico quando tali aree sono analogamente "essenziali per la conservazione della specie".

Jacob W. Frank / NPS

La designazione di habitat critici richiede al governo federale di prestare particolare attenzione quando si svolgono attività in quelle aree. Storicamente, FWS e NOAA Fisheries hanno utilizzato designazioni di habitat critici per assicurarsi che le aree di cui le specie potrebbero aver bisogno in futuro siano disponibili. Quando la FWS ha elencato il piviere nevoso occidentale come minacciato, ha incluso nelle sue aree critiche di designazione dell'habitat che sarebbero probabilmente necessarie in futuro mentre la specie si sposta a causa dei cambiamenti climatici. Allo stesso modo, quando FWS ha elencato il topo saltatore del New Mexico come a rischio di estinzione, ha designato le aree degradate come habitat critici. Successivamente, il servizio forestale degli Stati Uniti ha collaborato con i suoi partner per aiutare a ripristinare quelle aree degradate alle loro condizioni naturali e ospitare il topo.

In che modo le nuove normative cambiano l'habitat critico?

I due regolamenti che l'amministrazione Trump ha appena emesso nel dicembre 2020 cambieranno il modo in cui viene designato l'habitat critico a entrambe le estremità del processo di designazione.

Il primo regolamento crea una definizione ufficiale di "habitat". Questa definizione potrebbe limitare le aree che potrebbero essere designate come habitat critici in primo luogo. FWS e NOAA Fisheries hanno storicamente utilizzato la loro autorità per designare habitat critici in cui la specie potrebbe non essere in grado di vivere ora, ma potrebbe vivere in futuro se le aree vengono ripristinate o se il loro habitat attuale viene modificato dai cambiamenti climatici. La definizione rilasciata dall'attuale amministrazione limiterebbe l'habitat critico "all'ambiente che attualmente o periodicamente contiene le risorse e le condizioni necessarie per supportare uno o più processi vitali di una specie". Ciò potrebbe significare che anche se un'area può essere fondamentale per salvare la specie dall'estinzione in futuro, se non può sostenerla ora, non potrebbe essere considerata un habitat critico. Questo potrebbe essere catastrofico per le future specie elencate che, come il piviere nevoso occidentale o il topo saltatore del New Mexico, necessitano di aree future protette.

Jennifer K. Frey / USFWS

Il secondo regolamento facilita l'esclusione di aree dall'habitat critico. L'ESA attualmente consente a FWS e NOAA Fisheries di escludere aree che altrimenti si qualificano come habitat critici quando i costi di designazione superano i benefici, per problemi di sicurezza nazionale o per altri motivi.

Difensori della fauna selvatica

La nuova regola renderebbe molto più facile escludere l'habitat critico per ragioni economiche. Inoltre, renderebbe molto più semplice escludere le terre pubbliche federali dalla designazione di habitat critici sulla base della pressione dell'industria. Molte specie vulnerabili vivono su terre federali gestite da agenzie come Bureau of Land Management (BLM) e US Forest Service (USFS) che affittano o consentono attività a privati. Ad esempio, il topo saltatore del New Mexico può essere trovato su terreni pubblici dove gli allevatori possono pascolare il bestiame. Se una specie come il topo saltatore del New Mexico dovesse essere elencata in futuro, gli allevatori avranno un tempo più facile per escludere quelle aree di pascolo dall'habitat critico.

Implicazioni per la fauna minacciata e minacciata di estinzione

Presi insieme, questi regolamenti consentiranno di ridurre il futuro habitat critico in aree più piccole che non conservano specie minacciate e in via di estinzione come richiesto dall'ESA, in particolare per le specie controllate dalla FWS. La mappatura dei possibili dettagli per specie che possono essere elencate come la volpe della Sierra Nevada o la procellaria dal cappuccio nero può essere molto complessa.

USFWS

Per tutte le specie che verranno elencate in futuro, queste regole potrebbero essere catastrofiche. Le specie che vivono su terreni pubblici federali che hanno anche attività di petrolio o gas hanno meno probabilità di essere protette. Anche le specie che attualmente vivono in aree che saranno interessate dall'innalzamento del livello del mare hanno meno probabilità di essere protette. In definitiva, queste regole eliminano una base importante per proteggere le specie vulnerabili e possono aiutare a guidare le specie particolarmente vulnerabili all'estinzione. Sarà essenziale per la nuova amministrazione Biden affrontare questi problemi, per il bene della fauna selvatica più vulnerabile della nazione.