Diplomazia dello squalo: il primo comitato CITES è una spinta drammatica verso il successo per la proposta di squalo requiem per tutta la famiglia

51

Sebbene sia ovvio che in mezzo a una crescente crisi della biodiversità e dei cambiamenti climatici, proteggere tutte le specie è importante, in questa 19a Conferenza delle Parti della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione, c’è stata molta attenzione sugli squali che continuano a essere devastati dal commercio internazionale delle loro pinne. La proposta di elencare l’intera famiglia degli squali requiem nell’Appendice II, in particolare, ha attirato molta attenzione. Non solo il paese ospitante di Panama era in testa alla proposta, ma aveva anche il maggior numero di sostenitori di qualsiasi proposta alla conferenza.

Immagine

Kelvin Gorospe/NOAA

Prima ancora che la proposta fosse presentata formalmente in commissione, ci sono stati giorni di discussioni e negoziazioni tra i paesi. Quando finalmente la proposta fece la sua prima apparizione pubblica, il dibattito fu ampio.

Molti paesi si sono messi in fila per esprimere pubblicamente il loro sostegno alla proposta completa. Tuttavia, altri paesi erano irremovibili affinché la proposta venisse tagliata da 54 specie – 19 specie in pericolo di estinzione e in via di estinzione e 35 “sosia” – per includere solo le 19 specie in via di estinzione. La delegazione del Giappone è arrivata al punto di dire che l’inclusione delle specie “sosia” è stato un abuso del processo di quotazione. Panama e altre delegazioni non si sono scoraggiate e hanno risposto con l’argomentazione che le pinne di squalo requiem non sono facilmente identificabili a livello di specie, quindi non includere i “sosia” minerebbe le protezioni per le restanti specie.

Avanti e indietro, paese dopo paese ha fatto sentire le proprie opinioni e preoccupazioni, e poi sono arrivate proposte di emendamento. All’inizio, ce n’era uno che ritardava l’attuazione della proposta, se adottata, di 24 mesi. Poi ci sono state richieste di scrutinio segreto sulle votazioni, che dovevano essere assecondate da almeno 10 Paesi. Le richieste di scrutinio segreto hanno ricevuto i voti di cui avevano bisogno. Partiti come Stati Uniti e Unione Europea si sono espressi contro il voto segreto e hanno chiesto di conoscere i Paesi che hanno appoggiato la richiesta. Ciò ha causato confusione sul fatto che fosse tecnicamente consentito, ma il presidente del comitato ha mantenuto le cose in movimento sulla base delle pratiche abituali nel non rivelare tali informazioni. Gli emendamenti sono poi passati ai voti. L’emendamento per ridurre il numero di specie è stato abbattuto, con grande sollievo se molte. C’è stato anche un altro emendamento del Perù per escludere la verdesca, comunemente commercializzata. Ha anche fallito.

La delegazione di Panama è stata una forza impressionante per tutto il tempo, guadagnandosi il rimprovero della delegazione di Antigua e Barbuda (voce nella loro opposizione alla proposta) per aver continuato la loro difesa quando non avrebbero dovuto essere procedurali.

Immagine

Ed Gullekson

Notando la lunghezza del dibattito, il presidente del comitato ha iniziato a limitare i paesi che potevano parlare, e alla fine ha consentito solo a un piccolo numero di organizzazioni di osservatori di rilasciare dichiarazioni. Fortunatamente, una delle poche dichiarazioni dell’osservatore che è stato permesso di rilasciare era quella che Defenders of Wildlife aveva firmato.

Dopo che il polverone si era posato sugli emendamenti, con un ritardo di 12 mesi sull’attuazione, si è passati al voto finale.

Passarono quaranta secondi mentre i paesi inserivano i loro voti. E poi sullo schermo arrivavano i risultati. Ci fu una breve pausa, e poi applausi. La proposta, dopo essere stata dibattuta e discussa per ore, aveva ottenuto il sostegno globale necessario per andare avanti.

Indipendentemente da ciò che accadrà in plenaria questa settimana, il voto è stato un enorme passo avanti nella conservazione marina e nella protezione del ruolo sottovalutato che gli squali svolgono nel sostenere la biodiversità marina. In quanto grandi predatori, questi splendidi pesci sono incredibilmente importanti per mantenere l’equilibrio degli ecosistemi marini tropicali e subtropicali in cui abitano e per mantenere la biodiversità da cui tutti dipendiamo. Le parti e gli osservatori sembrano fiduciosi che la proposta venga adottata dalla plenaria.

Immagine

Difensori della fauna selvatica

Hawk Hammer, Orion Cruz e Alejandra Goyenechea al CITES di Panama.

Dopo la maratona della proposta dello squalo requiem, la seguente proposta per una specie di piccolo squalo martello, chiamato bonnethead e altre cinque specie “sosia” è stata rapidamente adottata per consenso.

Il giorno successivo, la proposta della razza d’acqua dolce è stata adottata all’unanimità e anche i pesci chitarra hanno navigato.

E proprio così più di 100 specie di squali e razze erano sulla corsia preferenziale verso le regolamentazioni del commercio internazionale di cui c’era un disperato bisogno. Si spera che le rane di vetro, le lucertole cornute e le tartarughe d’acqua dolce saranno le prossime.