Dopo 130 anni, fossili simili a pesci sono stati finalmente riconosciuti come i primi crawler della Terra

243

Per la prima volta dalla sua scoperta 130 anni fa, è stato identificato uno dei vertebrati fossili più enigmatici, ampliando la nostra comprensione dei primi crawler della Terra.

“Dalla sua scoperta nel 1890, questa specie unica ha lasciato perplessi gli scienziati come un enigma irrisolvibile”, ha detto la dottoressa Daisy (Yuzhi) Hu, ricercatrice e dottore di ricerca. laureato presso l’Australian National University (ANU).

Paleospondilo Gunni

Il Palaeospondylus gunni è un curioso animale fossile simile a un pesce con un profilo morfologico peculiare, inclusa l’assenza di denti e ossa del derma nella documentazione fossile.

Circa 390 milioni di anni fa prosperò un piccolo mammifero con un corpo simile a un’anguilla. Nonostante la sua antichità, la sua posizione evolutiva è rimasta sconosciuta fino ad ora.

Secondo una ricerca condotta dall’Università di Tokyo in collaborazione con l’ANU e il RIKEN Evolutionary Morphology Laboratory, la specie era probabilmente uno dei più antichi progenitori di creature a quattro arti.

“Per i biologi, i confronti morfologici di questa specie sono sempre stati incredibilmente difficili”, ha osservato il dottor Hu.

“Tuttavia, i recenti progressi nella segmentazione e visualizzazione 3D ad alta risoluzione hanno consentito questa impresa finora difficile”.

“Trovare un esemplare perfettamente conservato come quelli che abbiamo utilizzato è come vincere il jackpot, o anche meglio!”

Posizionare questo fossile sull’albero evolutivo è sempre stato difficile a causa di esemplari dell’animale precedentemente danneggiati o mal conservati.

Il Palaeospondylus era molto probabilmente un membro della famiglia Sarcopterygii di pesci con pinne lobate, secondo i ricercatori, a causa del suo scheletro cartilagineo e della mancanza di appendici accoppiate.

“Nonostante l’esame, è ancora difficile individuare esattamente cosa fosse l’animale”, ha affermato il dottor Hu.

Gli scienziati potrebbero essere in grado di scoprire tratti morfologici precedentemente sconosciuti e la storia evolutiva degli animali a quattro zampe grazie ai nuovi risultati.

“Anche con questa nuova conoscenza, è necessaria una ricerca a lungo termine, inclusa la collaborazione di esperti di tutto il mondo, per fornirci la risposta definitiva a cosa sia il Palaeospondylus gunni”.

Leggi anche: L’appetito umano per le uova ha portato all’estinzione questi uccelli giganti australiani

Studiare animali preistorici

Prima che gli esseri umani potessero leggere o scrivere, le creature preistoriche vivevano più di 5.000 anni fa. Alcuni di loro somigliavano alle creature che vediamo oggi. Altri invece erano notevolmente diversi da quelli che oggi abitano il nostro pianeta. Tra questi c’erano dinosauri giganti con un’apertura alare fino a 40 metri e grandi rettili volanti con un’apertura alare fino a 12 metri.

Analizzando i fossili, gli scienziati hanno imparato molto su queste creature preistoriche. Sono tracce di vita rinvenute all’interno di un’antica roccia. Conchiglie, ossa e tracce di animali sono tutte possibilità. I fossili vengono estratti dalla roccia e studiati dagli scienziati. Ciò consente loro di determinare dove, quando e come vivevano gli animali.

Fossili

I fossili forniscono preziose informazioni sull’evoluzione della vita sulla Terra. Possono educarci sulle origini della vita e dell’umanità, su come la Terra e il suo ambiente si sono evoluti attraverso il tempo geologico e su come i continenti attualmente separati erano un tempo collegati.

I fossili sono fondamentali per comprendere l’evoluzione e come piante e animali si adattano all’ambiente circostante. I dati fossili mostrano come si sono sviluppati gli organismi e come questo processo può essere rappresentato come un “albero della vita”, dimostrando che tutte le specie sono collegate.

Articolo correlato: Una delle più grandi estinzioni di massa del mondo potrebbe essere stata innescata dall’inverno vulcanico

Per notizie simili, non dimenticare di seguire Nature World News!

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.