Driver della perdita di biodiversità: sfruttamento eccessivo

59

Negli ultimi 50 anni, il mondo naturale ha registrato tassi di cambiamento senza precedenti con implicazioni devastanti. Oggi, circa un milione di specie sono a rischio di estinzione a livello globale e i servizi ecosistemici integralmente collegati, dal tamponamento delle malattie all’impollinazione, sono a rischio di perdita. I driver diretti della perdita di biodiversità con il maggiore impatto globale sono: i cambiamenti nell’uso del suolo e del mare; sfruttamento di organismi; cambiamento climatico; inquinamento; e invasione di specie aliene. Questi driver sono principalmente il risultato di valori e comportamenti sociali sottostanti. Se non affrontati, si prevede che continueranno o aumenteranno il loro impatto dannoso. È necessaria un’azione trasformativa per alleviare queste minacce.

Immagine

Le persone hanno una lunga storia di caccia eccessiva e sfruttamento delle specie, portandole all’estinzione. Si ritiene che i primi umani abbiano cacciato diverse specie di grandi mammiferi fino all’oblio, come il bradipo gigante, i mammut e i gatti dai denti a sciabola. Tuttavia, ci sono diverse estinzioni famose in tempi più recenti, come il dodo e la mucca di mare di Steller, entrambe trovate in piccole popolazioni su isole remote ma cacciate rispettivamente nel XVII e XVIII secolo.

Uno degli esempi più spettacolari di sfruttamento eccessivo nella storia degli Stati Uniti è il piccione viaggiatore. Il piccione viaggiatore non era una popolazione residua su un’isola remota, ma piuttosto l’uccello più abbondante del Nord America, con una popolazione pre-sfruttamento stimata in miliardi. L’uccello viaggiava in grandi stormi, così fitti da oscurare il cielo. Ma la caccia su larga scala per la carne, le piume e la protezione delle colture portò all’estinzione della specie in natura entro la fine del XIX secolo, con la morte dell’ultimo piccione migratore nel 1914 allo zoo di Cincinnati.

Un’altra specie un tempo abbondante che è stata quasi cacciata fino all’estinzione è la lontra marina. Una volta numerate a centinaia di migliaia, le lontre marine si estendevano dalla Baja California, lungo la costa occidentale degli Stati Uniti e lungo le coste del Pacifico settentrionale fino alla Russia e al Giappone. All’inizio del XVIII secolo, i cacciatori russi iniziarono a uccidere le lontre marine nelle Isole Curili, vendendo la loro pelliccia ai commercianti cinesi. Non ci volle molto perché un’importante industria di caccia alle lontre marine decollasse.

Immagine

Ingrid Valda Taylor

La lontra marina ha la pelliccia più densa di qualsiasi mammifero, un adattamento al loro habitat di acque marine fredde. Sfortunatamente, anche questa pelliccia densa e calda divenne molto ricercata, tanto da essere definita “oro tenero”. Iniziò così la “grande caccia” in cui furono uccise oltre un milione di lontre marine, riducendo la popolazione mondiale a solo un paio di migliaia di animali in tutto il mondo.

Entro la metà del XIX secolo, le lontre marine erano state gravemente impoverite in gran parte del loro areale. Rimasero solo 13 piccole popolazioni, ognuna delle quali contava solo circa 10-100 animali. La loro quasi estinzione portò al primo trattato internazionale per la protezione della fauna selvatica: la North Pacific Fur Seal Convention del 1911, che introdusse protezioni internazionali sia per le lontre marine impoverite che per le otarie del nord.

Si pensava che la lontra marina in California fosse stata cacciata fino all’estinzione, come nel vicino Messico e lungo le coste di Washington e dell’Oregon. Tuttavia, negli anni ’30 fu scoperta un’unica colonia di circa 50 animali. Nel 1977, la lontra marina della California, o meridionale, è stata inserita nell’elenco delle specie minacciate di estinzione degli Stati Uniti.

Immagine

Morgan Rettore

Dopo la cessazione della caccia commerciale, le popolazioni di lontre marine in Alaska iniziarono a riprendersi; tuttavia, le lontre sono diminuite drasticamente nell’Alaska sudoccidentale negli ultimi due decenni e le lontre marine rimangono suscettibili a una miriade di altre perturbazioni naturali e causate dall’uomo. L’attuale popolazione californiana di circa 3.000 animali è cresciuta dall’unica colonia sopra menzionata, ma non si sono espansi in gran parte del loro habitat storico.

Anche dopo più di un secolo di protezione, le lontre marine affrontano ancora molte minacce. Sebbene la caccia eccessiva commerciale che decimava storicamente le lontre marine sia cessata, si verifica ancora una piccola quantità di bracconaggio illegale. Inoltre, anche l’intrappolamento negli attrezzi da pesca, la predazione, le malattie, gli spari deliberati, gli scioperi delle barche, le fuoriuscite di petrolio e il cambiamento climatico minacciano le lontre marine.

In California, le lontre marine hanno sofferto di epidemie di toxoplasmosi, una malattia causata dal parassita protozoico Toxoplasma gondii, che viene trasmesso dai gatti solo quando lo stadio infettivo dell’organismo nelle loro feci si riversa nell’oceano. La fuoriuscita di petrolio della Exxon Valdez a Prince William Sound, in Alaska, ha colpito oltre 1.300 miglia di costa, uccidendo almeno 3.000 lontre e compromettendo la salute di molte altre. Sebbene siano stati apportati miglioramenti alla sicurezza delle petroliere, le fuoriuscite di petrolio si verificano ancora nell’habitat delle lontre marine. Infine, il cambiamento climatico presenta un altro rischio per le lontre marine, con l’innalzamento del livello del mare, tempeste più violente e cambiamenti negli ecosistemi oceanici che minacciano le popolazioni di lontre.

Immagine

Giosuè Asel

Lo sfruttamento eccessivo ha portato la lontra marina sull’orlo dell’estinzione, e ancora oggi le lontre marine meridionali occupano solo il 13% del loro areale storico. Senza dubbio, la perdita di questo grande predatore dalle foreste di alghe e dagli estuari ha causato un ampio declino della biodiversità degli ecosistemi vicino alla costa intorno al Pacifico. Ora, organizzazioni di conservazione come Defenders of Wildlife, accademici e agenzie governative stanno lavorando per ripristinare le lontre marine lungo gran parte della loro fascia costiera. Recenti ricerche hanno dimostrato che i benefici economici di tale ripristino delle lontre marine – aumento della biomassa dei pesci pinna e della produttività primaria, espansione dei sistemi di alghe e fanerogame che sequestrano il carbonio atmosferico e turismo della fauna selvatica – sono sette volte più preziosi delle perdite economiche previste che le lontre marine potrebbe causare alla pesca.

Nel 2006, Defenders of Wildlife ha lavorato con i legislatori della California sulla legislazione che ha istituito il California Sea Otter Voluntary Tax Contribution Fund, un’opzione di contributo volontario sui moduli fiscali dello stato. Il fondo finanzia la ricerca scientifica, l’istruzione pubblica e le forze dell’ordine a beneficio delle lontre marine. Si spera di poter lavorare per riportare questa specie chiave nel resto del suo habitat originale e ripristinare la biodiversità lungo le coste del Pacifico.

Stabilire una strategia nazionale per la biodiversità

Gli Stati Uniti non dispongono di un approccio globale e coordinato per affrontare i cinque fattori principali della crisi della biodiversità. In tutto il mondo, altri 194 paesi hanno sviluppato forme di strategia nazionale per la biodiversità. Una strategia nazionale sulla biodiversità affronterebbe la crisi dell’estinzione richiedendo un uso più efficace e coordinato di leggi e politiche per proteggere la biodiversità e invertire il suo declino, riaffermando nel contempo la leadership internazionale degli Stati Uniti.

È tempo che l’America guidi, per dimostrare come possiamo vivere in armonia con la natura e rispettare il nostro ambiente. Non possiamo pensare a una tabella di marcia più importante verso un futuro sostenibile di una strategia nazionale globale sulla biodiversità. Ci aiuterà a stabilire le priorità e salvaguardare le risorse naturali che sono fondamentali per la sopravvivenza dell’umanità.

Il momento di investire nel nostro pianeta è adesso, prima che sia troppo tardi.