Effetti di piccole concentrazioni di sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino influiscono su tre generazioni di pesci

79

27 giugno 2020 07:03 EDT

I pesci esposti a sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino possono trasmettere gli impatti sulle future generazioni di pesci anche solo il pesce genitore è direttamente esposto a particolari sostanze chimiche.

Questo è stato il risultato di uno studio di ricercatori dell'Oregon State University guidato da Kaley Major. Lo studio, pubblicato sulla rivista Frontiers in Marine Science, si è concentrato sull'impatto degli interferenti endocrini sui silversides interni, Menidia beryllina, un pesce che abita gli estuari nell'America settentrionale orientale e nel Golfo del Messico. È stato introdotto anche in California.

I silversides dell'entroterra si nutrono di zooplancton e vengono mangiati da uccelli e pesci di valore commerciale.

Gli interferenti endocrini, le sostanze chimiche nocive incentrate su questo studio, imitano gli ormoni del corpo.

Gli interferenti endocrini si trovano comunemente nelle sostanze chimiche domestiche o per usi industriali: è presente nei ritardanti di fiamma, nei pesticidi, dai cosmetici ai giocattoli e persino negli alimenti. Studi precedenti hanno riportato che tali sostanze chimiche hanno causato rapporti sessuali alterati, tassi di fertilità inferiori e deformità nei pesci.

Anche gli animali, inclusi gli esseri umani, sono stati documentati per essere colpiti anche da interferenti endocrini: alterano gli ormoni naturali del corpo che sono responsabili dello sviluppo, del comportamento e della fertilità. La ricerca ha anche dimostrato che i suoi effetti negativi sugli esseri umani vengono trasmessi alle generazioni.

Nello studio, i silversides interni sono stati collocati in una piscina olimpionica e sono stati esposti a poche gocce di ciascun interferente endocrino. I ricercatori hanno studiato tre generazioni di pesci per 21 mesi per vedere se l'esposizione a interferenti endocrini ai genitori può essere trasmessa di generazione in generazione.

Precedenti ricerche avevano riportato gli impatti negativi sui pesci esposti ad alti livelli di interferenti endocrini. Tuttavia, solo un numero minimo di studi riporta l'effetto di tale sostanza chimica sui pesci a bassi livelli di esposizione. Questo particolare studio si è concentrato sugli impatti di un piccolo livello di esposizione agli interferenti endocrini.

Secondo Susanne Brander, assistente professore e tossicologa acquatica della Oregon State University, capiscono come gli animali affrontano lo stress ambientale, soprattutto quando ogni giorno vengono introdotti nuovi fattori di stress importanti.

"La nostra ricerca aiuta a mostrare cosa fanno gli animali per rispondere a questi cambiamenti e quanto velocemente possono rispondere a loro", ha detto Brander. Queste risposte forniranno loro una comprensione dell'impatto sull'ambiente, a lungo termine, ha aggiunto.

Per monitorare lo sviluppo del pesce, la metilazione, un processo mediante il quale il carbonio e l'idrogeno noto come gruppo metile, vengono aggiunti a una molecola di DNA. La metilazione aiuta a tracciare la molecola di DNA e indica come si sviluppa un organismo.

Ancora più importante, studi precedenti indicano che gli interferenti endocrini hanno talvolta causato cambiamenti nell'espressione genica e nella metilazione del DNA. Ma dal momento che studi precedenti hanno utilizzato alte concentrazioni di interferenti endocrini, il team di studio si è chiesto se la bassa concentrazione di interferenti endocrini potesse influire sulla metilazione nei pesci che vivono negli estuari.

Con sorpresa del team di studio, i modelli di metilazione erano coerenti nelle tre generazioni di pesci che hanno studiato, anche se solo la prima generazione è stata esposta a interferenti endocrini per alcune settimane nella sua prima infanzia.

Sono necessarie ulteriori ricerche per aiutare gli esperti a capire di più sui marcatori di metilazione e su come gli inquinanti possono influenzare l'evoluzione dei silversides interni.

© 2018 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza autorizzazione.