Energia rinnovabile e fauna selvatica possono coesistere e devono

0
6

L'energia rinnovabile è una soluzione urgentemente necessaria ed economicamente praticabile per combattere il cambiamento climatico. Mentre gli Stati Uniti e altri paesi in tutto il mondo si rivolgono alle fonti rinnovabili per ridurre le emissioni e abbandonare i combustibili fossili, i responsabili politici devono considerare l'impatto dello sviluppo delle energie rinnovabili sulla fauna selvatica. I due possono coesistere – e devono – ma ci vuole una pianificazione preventiva e una comprensione delle esigenze della fauna selvatica che dipendono dai luoghi su cui si concentrano gli sviluppatori di energia rinnovabile.

Da gennaio, quando il presidente Biden è entrato in carica, la pianificazione e l'implementazione delle energie rinnovabili hanno preso slancio. L'amministrazione sta lavorando per raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi di ridurre le emissioni di gas serra degli Stati Uniti del 50-52% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030 e di ottenere una produzione di elettricità senza inquinamento da carbonio entro il 2035 con emissioni nette pari a zero entro il 2050. Energia eolica offshore, ad esempio , ha ora un approccio a tutto governo. L'amministrazione mira a generare 30 gigawatt entro il 2030, mitigando 78 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio e creando quasi 80.000 nuovi posti di lavoro eolici offshore e 57.000 nuovi posti di lavoro nelle comunità supportate da attività eoliche offshore. A maggio, il Bureau of Ocean Energy Management ha approvato il primo progetto commerciale di energia eolica offshore negli Stati Uniti al largo della costa del Massachusetts. Diversi progetti sono ora in fase di progettazione o in corso sulle coste dell'Atlantico e del Pacifico, nonché nel Golfo del Messico.

Sebbene questo progresso sia entusiasmante e necessario, il duro lavoro è appena all'inizio. I progetti di energia rinnovabile devono essere sviluppati rapidamente in modo responsabile. Per anni, Defenders ha esortato il governo federale ad adottare principi di sviluppo responsabile nella pianificazione, progettazione e gestione di progetti di energia rinnovabile a terra e in mare che evitino, minimizzino e mitighino gli impatti negativi sulla fauna selvatica a rischio di estinzione e sui loro habitat. Ciò include un'ampia varietà di animali, tra cui balene franche del Nord Atlantico, tartarughe del deserto, pipistrelli migratori, pecore bighorn e aquile reali.

Sappiamo che indirizzare i progetti rinnovabili verso le aree meno conflittuali è un approccio responsabile, pratico e proattivo allo sviluppo delle energie rinnovabili. È meglio per la fauna selvatica, gli sviluppatori di energia, i servizi pubblici e l'economia in generale perché offre un modo più efficiente per ottenere energia rinnovabile rispettosa dell'ambiente online e una maggiore certezza per tutti i soggetti coinvolti. Con una pianificazione responsabile ed essendo "intelligenti fin dall'inizio", gli sviluppatori possono identificare luoghi migliori per la costruzione di impianti di energia rinnovabile – a terra e in mare – e ridurre al minimo gli impatti negativi sia per le persone che per la fauna selvatica.

In alternativa, se i progetti di energia rinnovabile sono situati in aree con potenziale conflitto per la fauna selvatica, può rallentare significativamente il loro processo di distribuzione. In un momento in cui la transizione alle energie rinnovabili potrebbe fare la differenza tra mitigare gli impatti del cambiamento climatico, rallentare la perdita senza precedenti della perdita di biodiversità o ridurre le minacce di collasso dell'ecosistema, non possiamo permetterci che la transizione alle rinnovabili venga ritardata di poco progetti localizzati e pianificati in modo inadeguato, se del caso, esistono alternative a basso conflitto.

I progetti di energia rinnovabile su scala industriale spesso hanno un'enorme impronta fisica che copre molte miglia quadrate e, se situati in habitat sensibili, possono comportare una significativa perdita e frammentazione dell'habitat. Ciò può rendere difficile per la fauna selvatica trovare cibo, acqua, riparo, compagni e protezione dai predatori. Gli habitat frammentati possono anche portare a popolazioni di fauna selvatica più piccole e isolate, rendendo più difficile la loro sopravvivenza a lungo termine. Meno habitat porta anche a un aumento della fauna selvatica e dei conflitti umani.

Inoltre, mentre gli sforzi degli Stati Uniti per affrontare il cambiamento climatico devono includere il passaggio rapido alle energie rinnovabili, la corsa non deve andare a scapito delle persone sottorappresentate. Possiamo farlo assicurando che un'ampia varietà di parti interessate interessate, comprese le popolazioni indigene, possano partecipare nelle prime fasi del processo di pianificazione e decisione per garantire che le loro voci siano incluse e che condividano i benefici dei progetti di energia rinnovabile.

Come nazione, ora siamo fermamente sulla strada per un futuro di energia pulita negli Stati Uniti Nei nostri sforzi per passare rapidamente all'energia pulita e ridurre l'inquinamento da gas serra, possiamo e dobbiamo farlo in un ambiente rispettoso della fauna selvatica e della comunità modo. Possiamo incoraggiare lo sviluppo dell'energia solare, eolica e geotermica per tutti i vantaggi che offrono e ridurre comunque i danni per le persone, la fauna selvatica e i luoghi che chiamano casa.

Mentre diamo il benvenuto al nostro nuovo vicepresidente della conservazione del paesaggio Monica Goldberg questo mese Defenders guarda al futuro. Sotto la guida di Monica, continueremo a sostenere un'economia dell'energia pulita. Monica ha una vasta esperienza nella risoluzione dei conflitti e nell'avanzamento di soluzioni costruttive di conservazione ed è una grande aggiunta al nostro team di energie rinnovabili.

Andando avanti, Defenders intensificherà il nostro lavoro con i governi e le parti interessate federali, statali, tribali e locali per garantire che lo sviluppo di energia rinnovabile su larga scala sia posizionato e gestito in modo responsabile in modo che la fauna selvatica, le risorse naturali e le comunità siano protette e possano coesistere nel lungo termine futuro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui