Esemplare scheletrico di mammut trovato ben conservato in un lago in Siberia

200

25 luglio 2020 08:32 EDT

UN esemplare ben conservato di una scheletro di mammut è stato estratto da scienziati russi da un lago in Siberia. Attualmente stanno lavorando al recupero dell'intero scheletro, che hanno scoperto che contiene ancora legamenti.

L'area del ritrovamento è la Siberia settentrionale; i frammenti scheletrici sono stati scoperti alcuni giorni fa da pastori di renne locali nelle secche del Lago Pechevalavato nella regione dello Yamalo-Nenets. Le parti che hanno trovato includono il cranio del mammut, diverse costole, la mascella inferiore e un frammento del piede che ha ancora i tendini intatti.

(Foto: Wikimedia Commons)
Un esemplare ben conservato di uno scheletro di mammut è stato estratto da scienziati russi da un lago in Siberia. Attualmente stanno lavorando al recupero dell'intero scheletro, che hanno scoperto che contiene ancora legamenti.

Si ritiene attualmente che i mammut lanosi si siano estinti circa 10.000 anni nel passato, anche se gli scienziati pensano anche che alcuni di questi animali siano sopravvissuti ancora più a lungo sull'isola di Wrangel, in Russia, al largo della costa della Siberia e in Alaska.

Venerdì scorso, le stazioni televisive in Russia hanno mostrato agli scienziati la ricerca dei frammenti scheletrici nel limo in riva al lago. Attualmente, hanno recuperato ossa aggiuntive e altri frammenti massicci che sporgevano dal limo.

Hanno affermato che sono necessari molto tempo e attrezzature speciali per recuperare con successo le parti rimanenti dello scheletro dell'animale, cioè se l'esemplare è sopravvissuto completamente.

Leggi: Esemplare scheletrico di mammut trovato ben conservato da un lago in Siberia

La Yevgeniya Khozyainova dell'Istituto Salekhard Shemanovsky ha osservato in televisione che è piuttosto raro trovare uno scheletro di mammut completo. La ricerca di un esemplare raro aiuta i ricercatori ad acquisire una comprensione più profonda di questi antichi mammiferi. In passato, nel permafrost della Siberia settentrionale sono state scoperte numerose carcasse di mammut congelate e ben conservate.

I mammut lanosi che vivevano sull'isola di Wrangel in Russia nell'Oceano Artico erano considerati gli ultimi della loro specie, morti 4000 anni fa. I ricercatori ritengono che gli effetti combinati di eventi meteorologici estremi e di un habitat isolato, forse insieme alla presenza di esseri umani preistorici, potrebbero aver portato alla loro scomparsa. I dettagli sono discussi in uno studio pubblicato sulla rivista Quaternary Science Reviews.

L'ultima era glaciale si è verificata tra i 100.000 ei 15.000 anni fa. Quindi, i mammut si sono irradiati e hanno vissuto in regioni che comprendono quella che oggi è la Spagna fino all'Alaska. Il cambiamento climatico iniziato circa 15.000 anni fa ha ridotto gli habitat dei mammut in Alaska e nella Siberia settentrionale.

Leggi anche: Una storia di successo per la conservazione: gli aquiloni rossi prosperano in Gran Bretagna 13 anni dopo la reintroduzione

Nell'isola di Wrangel, alcuni mammut sono stati separati dalla terraferma a causa dell'innalzamento del mare. Questa popolazione isolata visse per altri sette millenni prima di morire.

Lo studio ha documentato possibili indizi dietetici e altre prove che il loro ambiente fosse sufficientemente disturbato, il che avrebbe potuto portare alla loro scomparsa.

Lo studio ha mostrato come gli isotopi di azoto e carbonio del collagene dei mammut non si siano spostati di conseguenza quando il clima si è riscaldato circa 10.000 anni nel passato. Questi valori sono rimasti invariati fino alla loro scomparsa, apparentemente in condizioni ambientali favorevoli e stabili.

Al contrario, le popolazioni di mammut in Ucraina e Russia, che sono scomparse circa 15.000 anni nel passato, e quelle sull'isola di St. Paul in Alaska, che sono scomparse 5.600 anni nel passato, hanno avuto alterazioni significative nei loro isotopi di collagene, che indicano cambiamenti ambientali poco prima della loro estinzione.

Leggi Successivo: Impronte fossili di un dinosauro delle dimensioni di un T. Rex scoperte in Australia

© 2018 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.