Gatti morti ricoperti di misteriosa sostanza di catrame per sospetto avvelenamento chimico

192

Gatti morti a causa di una misteriosa sostanza di catrame o marmite sono stati trovati nella città di Leeds, nella contea dello Yorkshire, in Inghilterra.

Alcuni dei felini devono essere soppressi in una forma di eutanasia.

Mentre l’indagine sul caso continua, il governo locale e gli esperti di animali ritenevano che i gatti fossero vittime di avvelenamento chimico.

Le indagini sono in corso

(Foto: Foto di Dids via Pexels)

I funzionari locali hanno condotto un’indagine sull’incidente.

È stato menzionato in precedenza che la valutazione iniziale suggeriva che i gatti fossero stati esposti ad avvelenamento chimico, che portò alla loro morte.

Tuttavia, non è chiaro se le morti comportino un gioco scorretto o siano state puramente accidentali.

Secondo ITV News, l’organizzazione di beneficenza Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals (RSPCA) sta esortando i proprietari di gatti a Leeds a rimanere vigili e ad essere cauti nelle aree circostanti a seguito dell’ondata di avvelenamenti chimici.

Secondo quanto riferito dall’RSPCA, diversi proprietari di gatti nel quartiere di Horsforth hanno affermato che i loro animali domestici sono scomparsi nell’ultimo mese prima di sabato 9 luglio.

In un caso correlato, un gatto che lottava contro la sostanza è stato addormentato.

Anche un altro felino è stato trovato morto dopo essere entrato in contatto con la misteriosa sostanza, che fonti locali affermavano essere “come la marmite nella consistenza” associata a un odore sgradevole o sgradevole.

L’ispettore della RSPCA Adam Dickinson ha affermato che la suddetta sostanza era evidentemente altamente acida e tossica.

Ciò avviene dopo che i veterinari e altre autorità hanno tentato di ripulire i gatti dalla sostanza chimica.

Leggi anche: Cani e gatti salvati in una casa a Diamond Bar, Los Angeles, a seguito di segnalazioni di accaparramento di animali

Caso di avvelenamento chimico

L’esatta natura dell’avvelenamento chimico stesso rimane da scoprire, anche con la specifica sostanza tossica utilizzata. Ma era evidente che la sostanza chimica è in grado di bruciare parte del pelo del gatto e altre parti del corpo.

In un caso, un gatto di nome Buzby, che una volta era attivo, è diventato letargico poiché la sostanza è riuscita a bruciarle l’interno della bocca.

Lo stesso felino ha anche fatto cadere parte della sua pelliccia, il che ha permesso ai funzionari di confermare che la sostanza era molto velenosa.

Il calvario di Buzby è iniziato quando è tornata a casa in Grove Road a Horsforth molte volte con la sua pelliccia ricoperta di una “sostanza scura simile al catrame”, secondo The Yorkshire Post.

Indicazione dei sintomi del gatto manifestati quando ha cambiato comportamento prima di ammalarsi.

In particolare Buzby stava sbavando ed è entrato in uno stato di letargo.

Il felino è stato addormentato il 24 maggio dopo non aver risposto alle cure veterinarie e dopo aver sofferto di insufficienza d’organo.

L’indagine iniziale presumeva che potesse esserci una fuoriuscita di sostanze chimiche nell’area.

D’altra parte, considera anche la possibilità che la sostanza possa essere stata lanciata contro i gatti mentre vagavano all’aperto.

Trasmissione del veleno

Secondo l’organizzazione International Cat Care, un gatto può essere avvelenato quando digerisce direttamente una sostanza tossica o quando consuma una preda avvelenata.

Inoltre, inalare il veleno attraverso l’aria e ingoiare una pelliccia contaminata potrebbero essere altre possibilità.

I gatti possono anche assorbire le tossine attraverso la pelle, in particolare le zampe, afferma l’organizzazione.

Articolo correlato: 25 gatti picchiati a morte e appesi agli alberi a New York

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.