Giornata nazionale del bisonte – Celebrazione degli sforzi di restauro del nostro mammifero nazionale

89

Il National Bison Day è una commemorazione annuale del contributo ecologico, culturale e storico del bisonte americano negli Stati Uniti. È stato osservato ogni anno il primo sabato di novembre dal 2012. Nel 2016, il presidente Barack Obama ha firmato il National Bison Legacy Act, rendendo il bisonte nordamericano il mammifero nazionale degli Stati Uniti.

Immagine

Camoscio Andersen/DOW

Gruppi di conservazione, tribù di nativi americani, gestori federali di bisonti e produttori locali si sono uniti negli ultimi anni per continuare a fare progressi nel ripristino di questa specie, che un tempo contava milioni ed era distribuita in gran parte del continente. I recenti sforzi collettivi includono il ripristino di nuove mandrie di conservazione di bisonti selvatici su terreni tribali e pubblici, l’espansione di queste aree nel tempo per consentire mandrie più grandi, la conduzione di studi scientifici e il coinvolgimento del pubblico in opportunità educative e di volontariato. Mentre resta ancora da fare per conservare le mandrie di bisonti selvatici su una scala ecologicamente significativa, questa giornata commemorativa ha lo scopo di celebrare le pietre miliari di tali sforzi unificati e di significare il ruolo che i bisonti hanno svolto nella storia e nell’ecologia del Nord America.

Immagine

DOW

Mark Azure, Bureau of Indian Affairs, con Chamois Andersen, DOW.

“La prateria si è evoluta con il bisonte e il bisonte con la prateria. Siamo passati dalla distruzione quasi totale del nostro mammifero nazionale al riportare il bisonte nelle Grandi Pianure. Attraverso i nostri atti collettivi di conservazione di livello mondiale, gli americani hanno recuperato bisonti nelle terre tribali, nei parchi nazionali e nei rifugi della fauna selvatica, con altri in arrivo”, ha affermato Jamie Rappaport Clark, presidente e CEO di Defenders of Wildlife.

Molte Buffalo Nations nelle pianure, insieme all’InterTribal Buffalo Council e partner come Defenders, hanno creato mandrie culturali sulle terre tribali, riportando questo animale sacro alle comunità dei nativi americani.

“Siamo tutti euforici che questo magnifico animale sia stato riconosciuto qui tra la gente di questo grande paese. E ora, grazie al riconoscimento della Giornata nazionale dei bisonti, questo animale può ancora una volta parlare da solo e si erge a testa alta, il Paese indiano si erge a testa alta con il bufalo”, ha affermato Mark Azure, ex presidente del Fort Belknap Indian Community Council ed ex manager di bufali.

Immagine

DOW

Robbie Magnan, il presidente del consiglio di Fort Peck Floyd Azure, il sovrintendente di Yellowstone Cam Sholly e l’ex sovrintendente Dan Wenk, al Fort Peck Bison Release nel 2019.

I difensori hanno svolto a lungo un ruolo nell’aiutare a riportare i bufali nella nazione dei Blackfeet, nelle tribù Aaniiih e Nakoda di Fort Belknap e nelle tribù Assiniboine e Sioux di Fort Peck, sostenendo l’acquisto di pascoli per ulteriori acri in cui il bisonte può vagare, acquistando recinzioni di bisonti rispettose della fauna selvatica e supporto ai trasferimenti di bisonti di Yellowstone dal parco nazionale a Fort Belknap e oltre alle nazioni tribali dell’ovest.

“Sono così orgoglioso del ruolo che le tribù di Fort Peck hanno svolto nel riportare indietro i bufali. Da quando abbiamo accolto il primo bufalo di Yellowstone, abbiamo visto l’ecosistema rianimarsi. Gli uccelli delle praterie sono tornati, le erbe autoctone stanno prosperando”, ha affermato Robert Magnan, direttore del dipartimento di pesca e selvaggina di Fort Peck Tribes e del programma sui bufali.

Immagine

Don Woerner/DOW

Le mandrie federali come Yellowstone, Badlands, Theodore Roosevelt e Wind Cave National Parks, insieme alle mandrie tribali e alle mandrie su aree riservate dedicate, contribuiscono tutte all’obiettivo di conservazione collettiva: creare una metapopolazione di bisonti selvatici, riportando questa specie a le pianure, che si estendono dal Canada al Messico.

Ad esempio, l’American Prairie nel Montana e il Southern Plains Land Trust in Colorado, entrambi hanno mandrie gestite come animali selvatici, che ancora una volta stanno contribuendo ecologicamente alle nostre praterie.

Immagine

DOW

Jay Tutchton, responsabile della riserva, mandria di bisonti del Southern Plains Land Trust.

“La mandria di conservazione del Southern Plains Land Trust è geneticamente pura e comprende i discendenti dell’ultimo bisonte selvatico trovato intorno a Yellowstone alla fine del 1800. Favoriranno gli sforzi di recupero dei bisonti e contribuiranno a ripristinare le nostre praterie”, ha affermato Jay Tutchon, responsabile della riserva del Southern Plains Land Trust.

Grazie agli sforzi di queste partnership, oggi ci sono circa 500.000 bisonti in tutto il Nord America. Defenders è onorato di svolgere un ruolo nel ripopolamento di questa specie iconica.