Gli orsi polari in un Artico in rapido mutamento

46

Gli orsi polari sono probabilmente le specie più iconiche dell’Artico. Sono il più grande carnivoro terrestre e si trovano al vertice della catena alimentare del ghiaccio marino, ma sono anche considerati un mammifero marino. La scorsa settimana è stata la settimana dell’orso polare, un momento per celebrare questa affascinante e importante specie di orso e un momento per sostenere gli sforzi per ridurre i conflitti umani con gli orsi e promuovere la conservazione. In un ambiente polare in rapida evoluzione, gli orsi polari sono in prima linea nel cambiamento climatico nell’Artico e sono una specie indicatore degli effetti del riscaldamento globale.

Il volume del ghiaccio artico in inverno è diminuito di un terzo negli ultimi 20 anni e il tasso di perdita di ghiaccio sta accelerando. L’isola ghiacciata della Groenlandia perderà ghiaccio a un ritmo più veloce in questo secolo rispetto agli ultimi 12.000 anni, e se non si riducono drasticamente le emissioni di gas serra, il tasso di perdita di ghiaccio sarà ancora maggiore.

Immagine

Estensione del ghiaccio marino artico nell’ottobre 2022 rispetto all’estensione normale (Credit: National Snow and Ice Data Center).

L’Artico si è riscaldato di 0,75 °C nell’ultimo decennio. A livello globale, siamo preoccupanti per un riscaldamento medio di 2°C, ma si prevede che l’Artico sarà di 4°C più caldo durante l’anno e di 7°C più caldo in inverno. Il cambiamento del clima artico non sta solo causando lo scioglimento, ma il cambiamento climatico sta portando a tempeste sempre più forti nelle regioni polari, che stanno anche rompendo le calotte glaciali.

Il ghiaccio marino artico si è sciolto in modo così significativo che in futuro anche un anno insolitamente freddo non avrà la stessa quantità di ghiaccio marino estivo osservato a metà del 20° secolo. Inoltre, l’Artico è diventato così caldo che entro la metà di questo secolo, invece della neve, cadrà pioggia per diversi mesi all’anno.

Gli orsi polari dipendono dal ghiaccio marino artico per la sopravvivenza, viaggiando per centinaia di miglia attraverso questo habitat critico, cacciando prede e costruendo tane nella neve per allevare i loro cuccioli. Più del 96 percento dell’habitat critico dell’orso polare è costituito da ghiaccio marino e solo il quattro percento si trova a terra.

Immagine

Carol Grande

Tuttavia, una ricerca scientifica pubblicata di recente ha descritto come l’area in declino e lo spessore dell’habitat della calotta glaciale dell’orso polare stiano facendo sì che trascorrano sempre più tempo sulla terraferma. Negli anni ’80, gli orsi polari trascorrevano la maggior parte dei loro mesi estivi sul ghiaccio marino alla ricerca di prede e trascorrevano solo un paio di settimane a terra. Gli orsi ora trascorrono circa due mesi a terra. Inoltre, la proporzione di orsi che svernano sulla terra è aumentata notevolmente dal 5% al ​​50% o più.

Gli scienziati prevedono che entro il 2040 più della metà della popolazione di orsi polari trascorrerà dai tre ai quattro mesi, o più, sulla terraferma. Questo cambiamento nella distribuzione porterà a un maggiore conflitto con gli umani poiché gli orsi trascorreranno più tempo più vicino agli insediamenti e alle attività umane. In particolare, ci sarà una sovrapposizione molto maggiore tra la distribuzione degli orsi e le strutture dell’industria petrolifera e del gas. Gran parte dell’habitat critico dell’orso polare sulla terraferma si sovrappone già ai contratti di locazione di petrolio e gas e il cambiamento climatico renderà ancora maggiore il potenziale di conflitto tra gli orsi e le attività umane.

Immagine

Jim Clark

Un particolare progetto di preoccupazione è il massiccio progetto di sviluppo “Willow”, che si sovrappone all’habitat critico di denning per gli orsi polari del Mare di Beaufort meridionale. Questo progetto avrà fino a 250 pozzi petroliferi, centinaia di miglia di oleodotti, un vasto sistema stradale, almeno una pista di atterraggio, una miniera di ghiaia e altre costruzioni. Il progetto Willow è il più grande progetto di trivellazione petrolifera proposto su terreni federali. Oltre all’interruzione che il progetto avrebbe in termini di orsi polari e del loro habitat, si stima che il progetto aggiungerebbe più di 250 milioni di tonnellate di carbonio all’atmosfera nei prossimi 30 anni. Ciò equivale all’emissione di circa un terzo delle emissioni annuali di tutte le centrali a carbone in America.

Oltre alla perdita dell’habitat dell’orso polare, il cambiamento climatico sta portando anche ad altri cambiamenti nell’ambiente artico, come un numero crescente di fioriture algali tossiche e livelli crescenti di metalli pesanti tossici, rilasciati dallo scioglimento dei ghiacci nell’Oceano Artico.

Immagine

Johanna Grasso

Gli orsi polari stanno attualmente attraversando un processo di revisione scientifica per determinare se i cambiamenti della scienza sui cambiamenti climatici e gli effetti di altre attività umane sugli orsi polari, come la caccia, influenzeranno la loro quotazione nell’Endangered Species Act. Gli orsi polari sono stati elencati come “minacciati” ai sensi dell’Endangered Species Act degli Stati Uniti nel 2008 e il Fish and Wildlife Service (FWS) degli Stati Uniti, che sovrintende alla gestione degli orsi polari, si sta avvicinando alla fine della revisione quinquennale di questa specie . Lo scopo di questa revisione è valutare se lo stato dell’orso polare debba essere aggiornato alla luce delle ultime informazioni scientifiche.

Queste revisioni sono importanti, specialmente nel caso degli orsi polari e di altre specie influenzate dal riscaldamento globale. La scienza del cambiamento climatico si muove velocemente. Se non ti fermi a guardare ogni tanto le ultime novità scientifiche, potresti perdere dati importanti essenziali per la conservazione.

Di fronte a così tante nuove informazioni sul rapido cambiamento nell’ambiente artico, è difficile vedere uno scenario razionale in cui la necessità di aumentare gli sforzi di conservazione per gli orsi polari non aumenti drammaticamente.