Gli scarafaggi d'acqua possono sopravvivere dopo essere stati mangiati ed escreti da una rana

0
80

Per la maggior parte degli insetti, la fionda appiccicosa che cavalca direttamente nella bocca di una rana segna la fine. Ma non per uno scarabeo d'acqua ostinato.

Invece di soccombere ai succhi digestivi della rana, una Regimbartia attenuata mangiata attraversa la gola dell'anfibio, nuota attraverso lo stomaco, scivola lungo gli intestini ed esce dal sedere della rana, vivo e vegeto.

"Questo è legittimamente il primo articolo dopo un po 'di tempo che mi ha fatto dire,' Huh! Che strano! '", Afferma Crystal Maier, entomologa presso il Museo di zoologia comparativa dell'Università di Harvard. "Ci sono ancora molte abitudini davvero bizzarre degli insetti che aspettano ancora di essere scoperte", dice.

Sopravvivere alla digestione da parte dei predatori è raro, ma non inaudito nel regno animale. Alcune lumache sopravvivono al viaggio attraverso pesci e uccelli sigillando i loro gusci e aspettando che finisca. Ma la ricerca pubblicata il 3 agosto su Current Biology è la prima a documentare la preda che fugge attivamente attraverso il didietro di un predatore.

Dare da mangiare scarafaggi ai predatori per vedere cosa succede è un'attività regolare per Shinji Sugiura, un ecologista dell'Università di Kobe in Giappone. Nel 2018, ha scoperto che i coleotteri bombardieri possono costringere i rospi a vomitare gli insetti rilasciando una miscela di sostanze chimiche calde e nocive dalle loro estremità posteriori (SN: 2/6/18).

Pensando che R. attenuata potesse aver sviluppato i propri interessanti comportamenti evasivi, Sugiura ha accoppiato uno scarafaggio con una rana che l'insetto incontra spesso mentre nuota nelle risaie giapponesi. Nel suo laboratorio, osservava.

La rana ha reso facile preda dello scarafaggio ignaro. Mentre agli anfibi mancano i denti che potrebbero uccidere la preda con uno scricchiolio, un viaggio attraverso il sistema digestivo acido e povero di ossigeno dovrebbe essere sufficiente per neutralizzare l'insetto. Ma mentre Sugiura monitorava la rana, vide lo scarabeo nero lucido scivolare fuori dal suo sedere e correre via, apparentemente illeso.

Circa due ore prima dell'inizio del video, questa rana dello stagno (Pelophylax nigromaculatus) ha mangiato uno scarabeo d'acqua (Regimbartia attenuata). Dopo aver attraversato il tratto digerente, il coleottero emerge dall'estremità posteriore dell'anfibio, vivo. È il primo esempio documentato di preda che sfugge attivamente a un predatore attraverso il sistema digestivo.

"Sono rimasto molto sorpreso", dice. "Mi aspettavo che le rane potessero sputare fuori gli scarafaggi o qualcosa del genere."

Dopo più di 30 ulteriori accoppiamenti coleottero-rana, Sugiura ha scoperto che oltre il 90% dei coleotteri è sopravvissuto al cibo, superando notevolmente altri animali noti per sopravvivere alla digestione da parte dei predatori. Quelle creature in genere sopravvivono meno del 20% delle volte. In media, ci sono volute sei ore perché i coleotteri fuggissero, anche se un individuo intrepido ha completato il viaggio in soli sei minuti.

Sugiura ha confermato che i coleotteri stavano attivamente scappando dal tratto digestivo della rana usando cera appiccicosa per fissare insieme le zampe di alcuni coleotteri. Nessuno di questi coleotteri immobilizzati è sopravvissuto e le loro carcasse hanno impiegato un giorno o più per passare tra le rane.

Lo stile di vita acquatico di R. attenuata probabilmente ha preparato lo scarafaggio a sopravvivere alla digestione, dice Sugiura. Il suo esoscheletro aerodinamico, ma robusto, può proteggere l'insetto dai succhi digestivi. E la sua capacità di respirare sott'acqua attraverso sacche d'aria nascoste sotto le ali indurite previene probabilmente il soffocamento.

Sugiura intende testare i limiti delle capacità di R. attenuata accoppiando l'insetto con rane più grandi, rospi e persino pesci. "Non vedo l'ora di trovare tipi inimmaginabili di difesa antipredatrice", dice.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui