Gli scienziati individuano il momento in cui i nostri primi antenati divennero a sangue caldo

67

Gli esperti hanno recentemente determinato il lasso di tempo da quando i nostri predecessori più antichi sono passati all’essere a sangue caldo, e si è verificato molto più lontano e molto più velocemente del previsto.

I primi antenati a sangue caldo

La scoperta, trovata analizzando i canali microscopici dell’orecchio interno, fa risalire l’emergere del sangue caldo dei mammiferi a circa 233 milioni di anni fa, che è di 19 milioni di anni più avanti di quanto si credesse originariamente, ha riportato Live Science.

Questi canali segmentali sono pieni di endolinfa, un liquido appiccicoso che solletica i piccoli filamenti che delimitano i canali mentre scorre.

Inoltre, come per Eurekalert, questi fili inviano segnali al sistema nervoso, istruendolo su come mantenere stabile il corpo. L’endolinfa simile al miele, come alcuni solventi, diventa più liquida man mano che si riscalda, costringendo i tubi uditivi ad alterare la forma in modo che il liquido possa continuare a funzionare.

Secondo gli esperti, il liquido dell’orecchio è più ventoso nella fauna ectotermica o a sangue freddo e quindi si comporta in modo molto simile alla melassa e richiede unità più grandi per circolare. Le creature endotermiche o a sangue caldo, d’altra parte, hanno un muco più gloppy e richiedono aree ristrette.

Uno studio ha scoperto in un articolo pubblicato il 20 luglio sulla pubblicazione Nature che questo tratto basato sulla temperatura rende spesso i tubi semicircolari un ottimo sito per individuare l’istante in cui il sangue freddo degli animali preistorici è diventato caldo.

In un comunicato stampa, il co-autore principale della ricerca Romain David, un prevosto associato al Natural History Museum di Londra, ha spiegato che in precedenza, i canali semicircolari erano comunemente utilizzati per prevedere il movimento delle creature preistoriche.

Anche così, gli scienziati hanno ragionato sul fatto che, analizzando a fondo la loro biomeccanica, gli autori potrebbero anche impiegarli per stimare il calore corporeo. David ha aggiunto che questo è dovuto al fatto che, simile allo sciroppo, il liquido alloggiato all’interno dei canali semicircolari diventa meno appiccicoso [syrupy] quando il calore aumenta, influenzando le prestazioni.

Di conseguenza, sono state necessarie modifiche morfologiche per mantenere i massimi risultati durante il passaggio all’endotermia e gli scienziati potrebbero seguirle nei parenti dei mammiferi.

Leggi anche: Il panda gigante maschio più antico del mondo muore a 35 anni nell’Ocean Park di Hong Kong

Mammiferi a sangue caldo

Gli scienziati hanno analizzato tre campioni di canali dell’orecchio interno di 341 creature in tutto il mondo naturale – 243 taxa attuali e 64 creature defunte – per determinare la cronologia di questa transizione evolutiva. Secondo i risultati, le 54 antiche creature del rapporto hanno sviluppato le caratteristiche del piccolo canale dell’orecchio interno richieste per le creature a sangue caldo 233 milioni di anni fa.

Prima della scoperta, i ricercatori ritengono che i mammiferi abbiano acquisito il sangue caldo tramite i cinodonti, un genere di rettili squamosi simili a ratti che si ritiene abbiano ottenuto il sangue caldo all’incirca nel periodo della loro presentazione iniziale 252 milioni di anni fa. Le ultime scoperte, tuttavia, mostrano che i mammiferi si sono separati dai loro antichi antenati in modo abbastanza drammatico di quanto si pensasse in precedenza.

Mentre, come mostrato in un recente aggiornamento dal sito web dei media, Scientific American, la brusca trasformazione è stata una sorpresa. I lobi dell’orecchio resistenti al calore non sono emersi successivamente nelle prove geologiche di quanto previsto dagli esperti. Si è verificato molto più velocemente, quindi, apparendo contemporaneamente mentre i primi mammiferi continuano a cambiare baffi, capelli e infrastrutture fisiche uniche.

Allo stesso modo, il ricercatore co-capofila Ricardo Arajo, fisico dell’Università di Lisbona in Portogallo, ha notato in un annuncio che si oppone direttamente al pensiero di ricerca prevalente.

Non è stato uno sviluppo lungo e faticoso nel corso di decine di milioni di anni come inizialmente creduto, tuttavia potrebbe essersi verificato rapidamente quando attivato da nuovi processi biosintetici simili a mammiferi e dalla creazione di pellicce.

Sarà necessario uno studio di follow-up per corroborare le scoperte, anche se gli esperti sono lieti che la loro scoperta aiuterà ad affrontare una delle questioni più antiche riguardanti lo sviluppo dei mammiferi, secondo The Conversation.

Articolo correlato: Tetrapodi: i primi animali che hanno lasciato l’acqua per vivere sulla terraferma ma sono tornati indietro

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.