I barbagianni condividono il cibo con i fratelli in cambio della cura

139

Se mai ci fosse una competizione per classificare le relazioni tra fratelli nel regno animale, i barbagianni sarebbero vicini al top. Questo perché i barbagianni più anziani a volte regalano il loro pasto ai loro fratelli più piccoli. Tale comportamento cooperativo è stato segnalato in primati e uccelli adulti non umani, ma raramente tra i giovani (SN: 2/6/12).

"Non conosco altre specie in cui puoi trovarlo", afferma Pauline Ducouret, biologa evoluzionista dell'Università di Losanna in Svizzera. Ma gli scienziati non erano sicuri di cosa avesse spinto la condivisione del cibo. Ora, le osservazioni dei nidi mostrano che i barbagianni più anziani offrono il loro cibo ai loro fratelli più piccoli in cambio di toelettatura, secondo Ducouret e i suoi colleghi nel numero di luglio di American Naturalist.

I barbagianni (Tyto alba) allevano sei pulcini contemporaneamente, in media, e talvolta fino a nove (SN: 19/9/17). Ma non tutti i pulcini si schiudono allo stesso tempo, il che significa che i pulcini più grandi sono generalmente più sani e più grandi dei loro fratelli e sorelle più piccoli.

Questo perché tutti i pulcini dipendono interamente dai genitori per il cibo e il cibo, in questo caso, di solito è un piccolo roditore, come un'arvicola o un toporagno, che non può essere facilmente diviso. Quindi, a ogni visita, mamma o papà possono nutrire solo un pulcino alla volta. In molte specie di uccelli, i fratelli maggiori avrebbero semplicemente superato il resto, ma non i barbagianni.

Per comprendere l'apparente generosità degli uccelli più anziani, Ducouret e il suo team hanno osservato 27 nidiate di barbagianni attraverso la campagna svizzera. Gli scienziati hanno filmato ogni covata per due giorni e due notti consecutive per capire come interagivano i gufi e hanno attaccato un minuscolo zaino con microfono a ciascun pulcino per aiutare a identificare le singole chiamate.

Il team ha scoperto che i pulcini più grandi condividevano il cibo preferenzialmente con i fratelli più piccoli che li curavano ampiamente. E le civette più giovani, in generale, pulivano i fratelli maggiori più spesso di quanto i più grandi curavano i giovani, "forse per massimizzare la probabilità di essere nutriti in cambio", scrivono i ricercatori. In alcuni casi, un pulcino anziano offriva cibo anche al fratello più bisognoso, che chiamava incessantemente, indipendentemente dal fatto che si pulisse o meno.

Ma la condivisione del cibo si è verificata solo quando i ricercatori hanno fornito cibo extra alle civette. Quindi non era il caso dei pulcini più grandi che rischiavano la sopravvivenza per nutrire i giovani. Ma quando c'era abbastanza cibo da girare, i fratelli maggiori scelsero di condividere invece di accumulare.

"[It’s an] studio interessante con un campione di grandi dimensioni e tecniche di osservazione tecnicamente interessanti ", afferma Ronald Noë, un ecologo comportamentale in pensione dei Paesi Bassi che non faceva parte della ricerca. "Di solito si legge sulla concorrenza tra fratelli e persino fratelli", dice.

Ducouret afferma che questo comportamento di condivisione del cibo potrebbe essersi evoluto perché i fratelli maggiori godono di benefici sia indiretti che diretti. Essere curati offre vantaggi immediati come protezione contro i parassiti come i pidocchi o le pulci. Il grooming potrebbe anche ridurre i conflitti e lo stress sociale tra le civette. E, aiutando i loro parenti più giovani geneticamente imparentati a sopravvivere, i fratelli maggiori assicurano che più dei loro geni rimangano nel pool genetico, beneficiando così indirettamente nel lungo periodo evolutivo.