I cinque motori dell’estinzione: le specie invasive

67

Questa settimana parteciperò alla Conferenza delle parti della Convenzione sulla diversità biologica (COP15) a Montreal, un incontro che riunisce paesi e organizzazioni di tutto il mondo per concordare un quadro per affrontare la crisi della biodiversità. Mi fa pensare a come siamo arrivati ​​a questo punto: oltre un milione di specie sono minacciate di estinzione in tutto il mondo. È difficile capire quale sia un numero enorme, ma se metti un milione di banconote da un dollaro in una pila, sarebbe alta più di 800 piedi, o la lunghezza di 17 balene franche settentrionali. Il World Economic Forum classifica la crisi internazionale della biodiversità tra i primi tre rischi per l’economia globale (insieme al cambiamento climatico e agli attacchi informatici).

Immagine

Per affrontare questa crisi, dobbiamo prima sapere cosa l’ha causata. Per fortuna, la scienza ha chiarito che ci sono cinque fattori principali di estinzione della fauna selvatica:

  • Sovra-sfruttamento è una ragione comune per il declino globale delle specie; la raccolta insostenibile ha un impatto negativo su molte specie, dagli orsi grizzly e lupi grigi alle balene franche e alle lontre marine.
  • Cambiamento dell’uso del suolo e del mare porta alla perdita di importanti habitat, esemplificata dalla scomparsa delle foreste di mangrovie e delle praterie marine a causa dello sviluppo costiero.
  • Cambiamento climatico sta alterando il nostro ambiente con cambiamenti nelle temperature medie ed estreme e nelle precipitazioni.
  • Inquinamento da pesticidi, metalli pesanti, plastica, rumore e inquinamento luminoso minacciano la salute delle specie.
  • Specie invasiveorganismi non indigeni (animali o piante) introdotti in un nuovo ambiente, possono causare danni ecologici e competere con le specie autoctone per le risorse.

Questi driver sono in gran parte il risultato di valori e comportamenti sociali sottostanti. Se non affrontati, si prevede che continueranno o aumenteranno il loro impatto dannoso. È necessaria un’azione di trasformazione per alleviare queste minacce e il declino delle specie a cui contribuiscono.

Negli ultimi decenni, la globalizzazione ha portato a un aumento del flusso internazionale di persone e merci, avvicinando le persone ma anche avvicinando specie che non hanno mai convissuto prima. Le specie che vengono introdotte e colonizzano con successo aree al di fuori dei loro areali naturali sono considerate “invasive” e possono avere impatti devastanti sulle specie originarie della regione. Le specie invasive possono causare il declino o l’estinzione delle specie autoctone, superandole per cibo, acqua e spazio, depredandole o introducendole a nuove malattie.

Diverse specie nei territori degli Stati Uniti sono già state estinte grazie a specie invasive. Il becco largo di Guam o il pigliamosche di Guam (Myiagra freycineti) era una specie di uccello comune sull’isola di Guam. Tuttavia, negli anni ’40 il serpente arboricolo marrone (Boiga irregolaris) fu introdotto accidentalmente sull’isola. Il serpente prosperava e predava il becco largo, decimando il loro numero. L’ultimo avvistamento del pigliamosche risale al 1983 e oggi serve a ricordare che l’estinzione è davvero per sempre.

È una vita difficile da papera

L’anatra di Laysan (Anas laysanensis), nota anche come alzavola di Laysan, ha quasi fatto la fine del povero becco largo di Guam. Questa anatra marrone, con un caratteristico anello bianco intorno all’occhio, si trovava in tutto l’arcipelago hawaiano. I suoi predatori nativi provenivano dal cielo e l’anatra ha evoluto una buona strategia per nascondersi dai rapaci che scrutano il terreno alla ricerca di cibo in movimento: stare molto fermi.

Immagine

Foresta e Kim Starr

Tuttavia, questa strategia si è rivelata scarsa contro i mammiferi terrestri. Furono introdotte specie non originarie delle isole, come ratti, maiali e manguste, e l’anatra di Laysan fu estirpata dalla maggior parte delle isole hawaiane. Nel 1860 è stato trovato solo sull’isola dell’atollo di Laysan (Kauō in hawaiano), la più piccola area geografica di qualsiasi specie di anatre al mondo. L’isola ottenne la protezione federale quando il presidente Theodore Roosevelt istituì la riserva di uccelli delle isole hawaiane. Un altro presidente Roosevelt (Franklin Delano) ha convertito la riserva in Hawaiian Islands National Wildlife Refuge nel 1940.

Nonostante le protezioni, l’anatra di Laysan ha continuato a scivolare verso l’estinzione, questa volta a causa dell’introduzione dei conigli nell’isola. I conigli hanno rapidamente mangiato la vegetazione locale, degradando l’ecosistema dell’isola. Nel 1912 erano rimaste solo 12 anatre mentre l’isola diventava un arido polverone. Nel 1923, una spedizione del Bureau of Biology Survey degli Stati Uniti (il predecessore del US Fish and Wildlife Service) estirpò i conigli dall’isola e il numero di anatre iniziò lentamente ad aumentare. Tuttavia, era troppo tardi per altre specie endemiche dell’isola di Laysan e molte si estinsero tra cui il rallo di Laysan (Zapornia palmeri), l’uccello mugnaio di Laysan (Acrocephalus familiaris familiaris) e il rampicante di Laysan (Himatione fraithii).

Immagine

Jimmy Breeden, USGS

Nel 1967, l’anatra di Laysan era tra il primo gruppo di specie elencate come “in via di estinzione” ai sensi dell’Endangered Species Preservation Act, il predecessore dell’Endangered Species Act degli Stati Uniti. Nel 2004 la popolazione era cresciuta fino a 576 anatre e nel 2004 e nel 2005 42 anatre sono state trasferite al Midway Atoll National Wildlife Refuge nella speranza di stabilire una seconda popolazione. Nel 2014, 28 anatre di Laysan sono state trasferite dall’atollo di Midway all’ancora più remoto atollo di Kure, all’estremità della catena delle isole hawaiane, stabilendo una terza popolazione e un’altra ancora di salvezza per questa specie di anatre in pericolo di estinzione.

L’anatra di Laysan è ora sulla lunga strada del recupero dopo essere stata portata sull’orlo dell’estinzione da specie invasive. Molte altre specie non sono state così fortunate. Quasi un quinto della superficie terrestre è a rischio di invasioni di piante e animali, che hanno un impatto sulle specie autoctone, sulle funzioni dell’ecosistema e sui contributi della natura alle persone. Oggi in Florida, i pitoni invasivi continuano a minacciare di estinzione specie elencate come il topo selvatico di Key Largo (Neotoma floridana smalli) e il topo di cotone di Key Largo (Peromyscus gossypinus allapaticola), mentre nelle acque dei Caraibi, del Mediterraneo e dell’Atlantico costiero, il il vorace pesce leone (Pterois volitans e P. miles) sta decimando numerose specie di barriera corallina.

Stabilire una strategia nazionale per la biodiversità

Gli Stati Uniti non dispongono di un approccio globale e coordinato per affrontare i cinque fattori principali della crisi della biodiversità. In tutto il mondo, altri 194 paesi hanno sviluppato forme di strategia nazionale per la biodiversità. Una strategia nazionale sulla biodiversità affronterebbe la crisi dell’estinzione richiedendo un uso più efficace e coordinato di leggi e politiche per proteggere la biodiversità e invertire il suo declino, riaffermando nel contempo la leadership internazionale degli Stati Uniti.

È tempo che l’America guidi, per dimostrare come possiamo vivere in armonia con la natura e rispettare il nostro ambiente. Non possiamo pensare a una tabella di marcia più importante verso un futuro sostenibile di una strategia nazionale globale sulla biodiversità. Ci aiuterà a stabilire le priorità e salvaguardare le risorse naturali che sono fondamentali per la sopravvivenza dell’umanità.

Il momento di investire nel nostro pianeta è ora, prima che sia troppo tardi.