I danni causati dalla siccità

0
5

di Andres Mejia

I disastri naturali in genere rappresentano un pericolo chiaro e immediato per le aree che colpiscono: i terremoti scuotono il terreno e distruggono gli edifici, gli uragani creano venti potenti e inondazioni improvvise e i tornado producono enormi coni che lacerano la terra. Poi, altrettanto improvvisamente come colpiscono, si spostano o si estinguono.

La siccità è diversa. I loro impatti sono gravi quanto qualsiasi altro disastro naturale, se non di più, ma non annunciano mai drammaticamente la loro presenza. Invece, vengono lentamente a fuoco mentre una settimana senza acqua si trasforma in due, poi tre, poi di più.

In poche parole, una siccità è un lungo periodo di tempo in cui i livelli di precipitazioni, che si tratti di pioggia, neve o grandine, sono inferiori al solito. Poiché ogni organismo fa affidamento sull'acqua per sopravvivere, i periodi di siccità possono essere catastrofici. Immediatamente, animali e piante potrebbero soffrire di disidratazione e morire, ma con un tempo sufficiente gli effetti della siccità possono trasformarsi in una vasta rete di problemi ecologici.

Shutterstock

Man mano che i paesaggi acquatici si prosciugano, costringe i loro abitanti animali in aree sempre più piccole, rendendoli suscettibili alla predazione, alle malattie e all'aumento della competizione. Le specie terrestri affrontano un dilemma simile, poiché la siccità uccide la vegetazione su cui fanno affidamento per la copertura e la nidificazione.

Con così tanta vegetazione morta e secca, vaste aree di terreno possono diventare sempre più infiammabili e provocare incendi boschivi più grandi e più intensi.

Anche le piante che rimangono non sono sicure. Per gli alberi, lo stress legato alla siccità riduce la loro capacità di respingere gli insetti noiosi del legno, il cui numero probabilmente aumenterà poiché i funghi che controllano questi parassiti non hanno l'acqua per riprodursi.

Molti di questi impatti persistono anche dopo la fine dei periodi di siccità. Ci vuole tempo per le popolazioni animali e vegetali per riprendersi. I serbatoi e altre fonti d'acqua possono richiedere settimane per riempirsi. Le foreste bruciate possono impiegare decenni per raggiungere le dimensioni e la densità del passato.

Shutterstock

Negli ultimi decenni, l'attività umana ha avuto un effetto crescente sulla frequenza e sulla gravità delle siccità.

Il cambiamento climatico, causato dalla produzione umana di gas serra, ha intensificato la siccità nelle regioni aride, dove l'aumento delle temperature aumenta la velocità con cui l'acqua evapora. Altrove, il cambiamento climatico ha influenzato il modo in cui l'aria si muove attraverso l'atmosfera, disseccando ulteriormente le aree che erano già asciutte.

Una cattiva gestione del territorio può anche aumentare la probabilità di siccità. La deforestazione, così come qualsiasi altra attività che ripulisce la vegetazione, uccide le piante che altrimenti rilascerebbero acqua nell'aria. Nel frattempo, pratiche agricole non sostenibili possono ridurre la capacità della Terra di trattenere l'acqua, contribuendo alla siccità poiché il suolo si asciuga più velocemente e l'acqua filtra meno nei serbatoi sotterranei.

Infine, anche il consumo umano di acqua può creare siccità. L'uso estensivo dell'acqua nei terreni agricoli o nelle aree residenziali altamente popolate può esaurire l'approvvigionamento idrico naturale di una regione, portando a diminuzioni a lungo termine della disponibilità. Nel caso dei fiumi, il consumo di acqua a monte può influire sulla disponibilità di acqua a valle.

L'accelerazione del cambiamento climatico significa che la siccità sta diventando un problema maggiore nelle regioni aride. Nelle parti occidentali degli Stati Uniti contigui, siccità intense e di lunga durata sono ormai un evento comune, decimando i raccolti e aggravando gravi incendi boschivi che battono record anno dopo anno. Oggi, la siccità è il secondo disastro naturale più costoso negli Stati Uniti dopo gli uragani, con un costo medio di $ 9,6 miliardi di danni ogni volta. Nel 2012, la siccità ha colpito fino a due terzi del paese, una cifra eguagliata solo dalla pattumiera degli anni '30. In questo momento, più della metà del paese è nel mezzo di una siccità e gli esperti si aspettano che cresca. In altri paesi, la siccità rappresenta una minaccia ancora maggiore, distruggendo le economie delle nazioni che dipendono dall'agricoltura e costringendo a migrazioni di massa mentre le persone cercano cibo e acqua.

Sebbene sia impossibile controllare completamente il clima, gli esseri umani possono prepararsi o ridurre l'impatto di future siccità. Conservare l'acqua e assicurarsi di usarla in modo efficiente è un buon inizio. Le città possono riparare infrastrutture logore per prevenire perdite, richiedere l'uso di tecnologie efficienti dal punto di vista idrico o persino utilizzare progetti paesaggistici che si basano su piante resistenti alla siccità. In California, questi sforzi da soli potrebbero ridurre il consumo di acqua fino al 60%. Le città potrebbero anche catturare l'acqua piovana per rafforzare le riserve idriche utilizzando piante, pavimentazione permeabile e persino contenitori per l'acqua.

Shutterstock

Essendo i maggiori consumatori di acqua dolce, gli agricoltori possono svolgere un ruolo enorme nella conservazione dell'acqua. L'implementazione di tecniche di irrigazione più efficienti, la coltivazione di colture che richiedono meno acqua e l'utilizzo di pratiche agricole che preservano la qualità del suolo potrebbero far risparmiare fino a 1.000 miliardi di galloni all'anno negli Stati Uniti.

Anche gli individui possono aiutare. Impegnarsi semplicemente a utilizzare meno acqua, riciclare l'acqua per usi non potabili o acquistare apparecchi a basso consumo idrico potrebbe ridurre lo stress posto sulle fonti d'acqua locali, risparmiando potenzialmente trilioni di galloni all'anno.

Ma per proteggere la fauna selvatica e le persone che soffriranno di siccità più frequenti e gravi, dobbiamo affrontare il cambiamento climatico. Il passaggio dai combustibili fossili a fonti di energia rinnovabile più pulita aiuterà, ma è anche necessario aumentare l'efficienza e ridurre il consumo di energia in generale per risolvere completamente il problema.

Defenders of Wildlife sta lavorando con stati, tribù e proprietari terrieri privati ​​per aiutare la fauna selvatica ad adattarsi a un clima che cambia. Inoltre, sosteniamo da tempo politiche nazionali che combattano direttamente il cambiamento climatico senza disturbare la fauna selvatica e gli habitat americani, sostenendo progetti eolici e solari costruiti e gestiti in modo responsabile.

Anche così, il cambiamento climatico è una questione globale che richiede un'azione globale. Sebbene gli sforzi negli Stati Uniti possano ispirare altre nazioni, tutti i paesi devono cooperare affinché ognuno di noi risolva completamente il problema.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui