I delfini agganciati con le telecamere dalla Marina degli Stati Uniti sono tornati con filmati piuttosto selvaggi

40

Le telecamere della Marina degli Stati Uniti sui delfini hanno registrato filmati bizzarri e stravaganti. Il nostro primo film in assoluto dal punto di vista dei delfini che cacciano liberamente al largo delle coste del Nord America è composto da uno sciame di clic e strilli trionfanti.

(Foto: Foto di RAYMOND ROIG/AFP tramite Getty Images)

Delfini a camme

La Marina degli Stati Uniti ha concesso ai suoi delfini il pieno regno di cacciare nella baia di San Diego dopo aver agganciato loro le telecamere e averli addestrati a rilevare esplosivi subacquei e salvaguardare parte dell’arsenale nucleare del paese.

Con stupore dei ricercatori, gli astuti animali marini hanno fornito inseguimenti elettrizzanti e hanno preso di mira serpenti marini velenosi.

Non comprendiamo ancora appieno molti aspetti fondamentali di questi cetacei molto gregari e spesso disgustosi, comprese le loro abitudini alimentari regolari, sebbene siano creature ben note e ampiamente popolari.

Delfini selvatici

Il consenso tra i ricercatori è che ci sono almeno due metodi: succhiare la preda come le tagliatelle da un piatto e masticarle come un hot dog da fiera di stato tra una corsa e l’altra.

Ma molto di più è stato rivelato dal video.

Sei delfini tursiopi (Tursiops truncatus) sono stati dotati di telecamere della National Marine Mammal Foundation (NMMF) degli Stati Uniti, che hanno catturato filmati e audio per sei mesi. Queste registrazioni ci hanno fornito nuove intuizioni sulle tecniche di caccia e sulle interazioni sociali di questi mammiferi.

Le loro labbra e gli occhi sono stati visti in posizioni sorprendentemente fuori angolo quando l’attrezzatura di registrazione era posizionata sui lati o sulla schiena.

Leggi anche: Delfino estremamente raro trovato morto in una spiaggia nelle Filippine

Cacciatori efficienti

(Foto: foto di Justin Sullivan/Getty Images)

Sebbene questi delfini non siano allo stato brado, hanno regolarmente la possibilità di cacciare in mare aperto per integrare la loro tipica dieta a base di pesce congelato. Pertanto, come spiegano Sam Ridgway e colleghi, veterinario di mammiferi marini NMMF, è probabile che queste specie si comportino in modo simile ai loro cugini selvatici.

Affermano: “Mentre i delfini cercavano, scattavano praticamente continuamente a intervalli da 20 a 50 ms”. “A contatto con i pesci, ronzii e urla erano praticamente continui fino a quando il pesce non veniva consumato”, secondo lo studio. “Quando si avvicina la preda, gli intervalli di clic si accorciano in un ronzio terminale e infine in uno strillo.”

Più di 200 pesci, tra cui spigole, ombrine, halibut, annusatori e pesci ago, sono stati catturati dai delfini con le telecamere fissate a loro. L’odore spesso si lanciava in aria per sfuggire agli astuti cacciatori.

Tuttavia, i delfini hanno tenuto traccia di ogni loro mossa e hanno utilizzato un metodo che avevano visto in precedenza nei delfini selvatici, nuotando a testa in giù per fornire ai loro occhi girevoli una visione chiara.

Ridgway e colleghi hanno detto: “Questi delfini sembravano impiegare sia la vista che l’udito per rilevare il cibo”. Da vicino, la vista e l’ecolocalizzazione sembravano essere utilizzate insieme, ma i delfini usavano sempre l’ecolocalizzazione per rilevare i pesci a distanza.

Le telecamere hanno anche catturato il suono del battito cardiaco degli animali mentre lottavano per tenere il passo con le attività impegnative. Questo filmato ha mostrato che invece di speronare la loro preda a terra, i delfini usavano l’aspirazione per inghiottire la loro preda ancora in lotta con i loro potenti muscoli della gola.

I muscoli del collo dei delfini entrarono in azione e le loro lingue si ritrassero da parte mentre ingoiavano in gran parte il pesce ai lati delle loro bocche aperte. I loro muscoli per succhiare si aggiungono alla pressione negativa prodotta dall’aumento dello spazio interno della bocca.

Esposizione senza paura

Sebbene in passato siano stati osservati delfini giocare con i serpenti, compresi i delfini di fiume che si divertono con un’anaconda ridicolmente enorme, il video ha fornito la prova definitiva che anche i delfini possono consumare questi animali.

Otto serpenti marini dal ventre giallo molto letali furono mangiati da un delfino (Hydrophis platurus).

Articolo correlato: Raro delfino di fiume trovato in giro con Anaconda

Per notizie simili, non dimenticare di seguire Nature World News!

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.