I pastori della Via della Seta possono aver avuto gatti da compagnia più di 1.000 anni fa

0
65

11 luglio 2020 08:30 EDT

I kazaki potrebbero essere stati accompagnati da gatti simili ai gatti domestici comuni oggi. Servivano come animali domestici ai pastori più di 1.000 anni fa. Nuove analisi di ricerca internazionale lo hanno determinato dopo che uno scheletro di gatto quasi completo è stato recuperato durante uno scavo nel sud del Kazakistan lungo l'ex Via della Seta.

Ricercatori della Martin Luther University Halle-Wittenberg (MLU), dell'Università di Tubinga e della Higher School of Economics in Russia e della Korkyt-Ata Kyzylorda State University del Kazakistan hanno condotto lo studio. La ricerca ha rivelato intuizioni sorprendenti sulla relazione tra animali domestici e umani durante quel periodo ricostruendo la vita del gatto.

Il team della dottoressa Ashleigh Haruda delle Central Natural Science Collections della MLU ha esaminato uno scavo a Dzhankent durante un soggiorno di ricerca in Kazakistan, dove ha scoperto lo scheletro di gatto ben conservato. Gli Oghuz, una tribù turca pastorizia, erano alcuni dei primi coloni di Dzhankent, una comunità altomedievale nella parte meridionale del paese. L'insediamento di Dzhankent si trovava lungo la Via della Seta.

Il dottor Haruda ha analizzato il gatto e ha stabilito che ha avuto una vita difficile, come evidenziato da diverse ossa rotte. Nonostante molte lotte durante la sua vita, i ricercatori hanno identificato che il gatto in qualche modo ha superato il suo primo anno di vita. Il team ritiene che questa scoperta indichi che le persone si sono prese cura di questo gatto.

Secondo il dottor Haruda, trovare uno scheletro di un animale eccezionalmente ben conservato è piuttosto raro. Di solito, solo le singole ossa vengono portate alla luce negli scavi, il che impedisce ai ricercatori di arrivare a risultati efficienti e conclusivi. Il gatto è stato sepolto dopo la sua morte, preservando l'intero cranio e la mascella inferiore, le gambe e quattro vertebre e parti della parte superiore del corpo.

Un team internazionale di archeologi e specialisti del DNA antico ha lavorato con il dottor Haruda per esaminare lo scheletro in cui hanno scoperto le fratture attraverso immagini 3D e raggi X. Nonostante le fratture, il gatto è sopravvissuto. Inoltre, le analisi degli isotopi dei campioni di ossa del gatto hanno fornito ai ricercatori alcune informazioni sulla dieta del gatto. La dieta di questo gatto era ricca di proteine ​​rispetto ai cani e ad altri gatti che vivevano nello stesso periodo. Il tom ha perso la maggior parte dei denti verso il culmine della sua vita, facendo presumere ai ricercatori che gli umani abbiano costantemente nutrito l'animale.

Oltre alla dieta del gatto, le analisi del DNA mostrano anche che l'animale era molto probabilmente una specie di gatto domestico (Felis catus L.) piuttosto che un gatto selvatico delle steppe. È notevole che i gatti siano stati tenuti come animali domestici o addomesticati intorno all'VIII secolo d.C., secondo il dottor Haruda. Spiega inoltre che gli Oghuz si prendevano cura degli animali solo se considerati essenziali per il loro lavoro o la loro vita. All'epoca i gatti non avevano alcuna utilità nell'insediamento di Dzhankent e il fatto che le persone durante questo periodo si prendessero cura di un tale animale mostra che ci fu un cambiamento culturale significativo.

In precedenza, si credeva che la regione fosse stata lenta a tali cambiamenti nella zootecnia e nell'agricoltura. Pensavano anche che l'addomesticamento degli animali e la cura degli animali domestici fossero avvenuti in tempi molto successivi.

© 2018 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza autorizzazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui