I ricci di mare stanno sgranocchiando alghe per la sopravvivenza che causa uno squilibrio ecologico

40

I ricci di mare viola stanno divorando le foreste di alghe della California a una velocità e dimensioni che lasciano perplessi scienziati, pescatori e subacquei.

Tuttavia, i ricci rossi e viola hanno vissuto a lungo nelle foreste di alghe, indicando che le tre specie potrebbero coesistere.

I ricercatori dell’UC Santa Barbara volevano sapere quali cause hanno interrotto questo equilibrio.

Un nuovo studio condotto dall’Università della California, Santa Cruz (UCSC) ha scoperto che un drammatico focolaio di ricci di mare mangiatori di alghe lungo la costa centrale della California nel 2014, che ha provocato una significativa riduzione delle foreste di alghe della regione, è stato causato principalmente dal emersione dei ricci di mare dai loro nascondigli, piuttosto che attraverso l’aumento delle popolazioni di ricci.

Le migrazioni dei ricci hanno aiutato le foreste di alghe a ricrescere nelle regioni in cui questi predatori erano precedentemente scomparsi.

Riccio di mare che mangia alghe

(Foto: Marino Linic/Unsplash)

Perché in alcune località i ricci uccidono le foreste di alghe ma in altri possono coesistere ricci e alghe? Adrian Stier, professore associato ha chiesto, come da ScienceDaily.

La loro indagine investigativa ha rivelato cosa sta succedendo dietro le quinte. Ha fornito molta più chiarezza nel descrivere quando e dove i ricci potevano mangiare le alghe.

Questo studio, guidato da Ph.D. studenti Mae Rennick e Bart DiFiore, è stato pubblicato sulla rivista Ecology.

Gli autori hanno utilizzato prove di laboratorio e 20 anni di dati raccolti per capire cosa fa sì che i ricci inizino a mangiare per uscire di casa.

I risultati hanno mostrato che la disponibilità di scarti di alghe, o detriti, potrebbe essere il fattore decisivo.

Rennick e DiFiore hanno deciso di mettere alla prova la loro teoria. Raccolsero ricci viola e rossi dall’esterno e li riportarono al loro laboratorio.

I ricercatori hanno limitato il nutrimento dei ricci per circa una settimana dopo averli acclimatati negli acquari.

I ricercatori hanno poi fornito alghe alle varie vasche, pesandole prima di alimentarle, e 48 ore dopo per i ricci viola e 96 ore per i ricci rossi per vedere come il consumo di alghe varia con la densità dei ricci.

I ricercatori hanno scoperto come i ricci avevano bisogno di consumare dal loro esperimento e dai dati LTER hanno appreso quanti detriti potrebbero mangiare i ricci, nonché la densità dei ricci e la quantità di alghe vive in un determinato punto e momento.

Sono stati in grado di prevedere la quantità di alghe viola e rossi di ricci di mare divorati in ciascun punto dell’SBC LTER in un determinato anno combinando i dati con i risultati di laboratorio.

Leggi anche: I ricci di mare nei Caraibi stanno misteriosamente morendo a ritmo serrato

Il comportamento di Riccio di mare

La maggior parte delle persone sarebbe d’accordo sul fatto che dobbiamo ridurre il numero di ricci di mare, ma è anche molto importante considerare il ruolo del comportamento dei ricci di mare, secondo l’autore principale dello studio Joshua Smith, un ex dottorando presso l’UCSC e attualmente un borsista post-dottorato presso il Università della California, Santa Barbara, come da Fishbio.

Una sequenza di cambiamenti drammatici negli ecosistemi delle foreste di alghe della California è iniziata nel 2013, quando un’epidemia di malattia da deperimento delle stelle marine ha distrutto uno dei principali predatori dei ricci di mare, la stella di girasole, secondo il dottor Smith e i suoi colleghi.

Questo è stato seguito un anno dopo da una grande ondata di caldo marino, che ha ostacolato lo sviluppo delle alghe e ha preparato il terreno per un’infestazione senza precedenti di ricci di mare sulle scogliere rocciose di Monterey Bay, dove si sono sviluppate foreste di alghe.

Articolo correlato: Ricci di mare che si adattano all’accresciuta acidificazione oceanica

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.