I rifugi statunitensi lottano per tenere il passo mentre i proprietari di animali domestici consegnano gli animali in lotti

63

Aumento delle consegne di animali ai rifugi statunitensi; un animale è stato “restituito in massa”. Come risultato del fatto che i proprietari di animali domestici rinunciano a cani, gatti e porcellini d’India a causa dell’inflazione, i rifugi stanno traboccando.

(Foto: Foto: Markus Winkler / Unsplash)

Vacillando dall’inflazione

Secondo l’American Society for the Prevention of Cruelty to Animals, il grande boom delle adozioni di animali domestici ha raggiunto il picco ad aprile e maggio 2020, quando circa una famiglia su cinque negli Stati Uniti – 23 milioni in totale – ha dato agli animali una nuova casa durante l’epidemia. I proprietari di animali domestici sono stati costretti a riconsiderare le loro priorità perché il nostro ritorno alla normalità ha coinciso con tassi di inflazione senza precedenti.

Un recente sondaggio di Forbes ha rilevato che il 42% dei proprietari di animali domestici può diventare insolvente dopo aver ricevuto una singola fattura veterinaria inaspettata e i prezzi degli alimenti per animali domestici hanno superato l’inflazione media dello 0,6%. I rifugi negli Stati Uniti stanno quindi assistendo a un aumento delle consegne dei proprietari e a un forte calo delle adozioni che non mostra segni di miglioramento.

Al momento siamo pieni. Katy Hansen, direttrice del marketing e della comunicazione presso gli Animal Care Centers (ACC) di New York, un rifugio senza uccisioni che ha assistito a un aumento del 25% delle consegne quest’anno rispetto allo scorso anno, afferma: “Stiamo mettendo gli animali in gabbie nei corridoi .” La gente singhiozza e fa parte della loro famiglia. È incredibilmente orribile. Tuttavia, le tue opzioni sono limitate se decidi tra dar da mangiare alla tua famiglia o al tuo animale domestico.

Leggi anche: le autorità hanno registrato più casi di animali domestici abbandonati nel Regno Unito

Porcellini d’India che si arrendono

(Foto: Wikimedia Commons)

Hansen riferisce che le cavie acquistate durante l’epidemia vengono restituite in gran numero. “In media, a questo punto dell’anno abbiamo preso 200 porcellini d’India. Quest’anno ne abbiamo più di 650.

L’inaspettata invasione di cavie ha diverse cause, ma praticamente tutte riconducibili ai negozi di animali. Sono facilmente riproducibili e costano circa $ 40; catene di negozi di animali e negozi mom-and-pop hanno una porta girevole.

I negozi di animali, a differenza dei rifugi per animali, non controllano i potenziali clienti, che probabilmente credono che un animale più piccolo che è felice di vivere in un posto minuscolo richiederebbe meno lavoro, energia e denaro di un cane o un gatto.

I porcellini d’India, tuttavia, richiedono una gabbia considerevole e modifiche quasi quotidiane al fieno e alla lettiera. A causa della difficoltà nel trovare un veterinario con la formazione necessaria, le tariffe del veterinario possono anche essere più costose. Molti potenziali acquirenti o adottanti vedono le cavie più come un interesse passeggero che come un notevole impegno di tempo e finanziario (possono vivere fino a 10 anni). Il problema è che i loro proprietari si stancano di loro.

Collaborazione multiagenzia

(Foto: Getty Images)

L’unico rifugio a New York che accoglie porcellini d’India è ACC. L’anno scorso, ha collaborato con il gruppo Voters for Animal Rights per costruire un supporto per una proposta che bandirebbe la vendita di porcellini d’India nei negozi di animali a New York. La parte difficile del lavoro è già stata fatta perché il provvedimento ha ottenuto il voto di supermaggioranza richiesto, ma il consiglio comunale tiene in sospeso l’ultima fase di approvazione. L’ACC spera contro ogni speranza in un’udienza presto. Nel complesso, i rifugi sono bisognosi a causa della mancanza di personale, della mancanza di servizi veterinari, del calo delle adozioni e del calo dell’interesse per l’affidamento.

Nonostante l’aumento delle rese, il consumo totale non è aumentato rispetto ai livelli pre-pandemia. Tuttavia, c’è stato un forte calo delle adozioni, che aggrava il problema del sovraffollamento. Abbiamo sempre una popolazione numerosa, dice Hansen. Ciò è principalmente dovuto al fatto che un arretrato di animali deve essere sterilizzato e castrato in tutta la nazione a causa delle chiusure pandemiche che hanno rallentato o interrotto completamente i servizi.

Articolo correlato: “Super-Pets” – Il film d’animazione in arrivo promuove l’adozione di animali domestici dai rifugi per animali

Per ulteriori notizie sulle ultime tendenze animali, non dimenticare di seguire Nature World News

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.