Il cane da canto della Nuova Guinea ritrovato, aiuta gli scienziati a capire meglio la vocalizzazione umana

0
125

Un’antica specie di cane, il Cane da canto della Nuova Guinea, è stato riscoperto e può aiutare gli scienziati a capire meglio vocalizzazione umana.

Un’antica specie di cane, il cane cantore della Nuova Guinea, è stata riscoperta e potrebbe aiutare gli scienziati a comprendere meglio la vocalizzazione umana.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista PNAS ha utilizzato la genomica e la biologia della conservazione di popolazioni selvatiche e allevate in cattività. È stato considerato estinto per l’ultimo mezzo secolo. Lo studio ha coinvolto ricercatori dell’NHGRI del National Institutes of Health o del National Human Genome Research Institute dell’Università di Cenderawasih, in Indonesia, e di altre istituzioni accademiche.

I ricercatori hanno scoperto una popolazione che ancora vagava per le Highlands della Nuova Guinea, offrendo opportunità per la sua protezione.

Utilità nella ricerca

Questa specie di cane è notevole perché può aiutare i biologi a scoprire intuizioni vocalizzazione umana. Il cane che canta è un modello animale unico e prezioso che studia le cause dei disturbi vocali umani e crea potenziali trattamenti.

Studi sui cani che cantano

Questa razza di cane è nota per avere una vocalizzazione caratteristica e unica. Può creare suoni armonici e piacevoli con qualità tonale. Ci sono solo da 200 a 300 esemplari in cattività negli istituti di conservazione. Dagli anni ’70, nessun individuo selvaggio è stato visto.

Secondo l’autore senior dello studio e la dottoressa Elaine Ostrander, ricercatrice distinta del NIH, questa specie della Nuova Guinea è una razza artificiale creata da allevamento in cattività. Provenivano da uno stock originale di otto individui allevati insieme negli Stati Uniti.

In quanto tale, Ostrander afferma che la popolazione in cattività ha subito una significativa consanguineità, sufficiente per modificare il loro carattere genomico. Ora c’è una variazione ridotta nel DNA del gruppo.

Questa consanguineità ha probabilmente causato la perdita di molte delle varianti genomiche della specie, che è ancora presente nelle popolazioni selvatiche. Questa riduzione della variazione minaccia la loro sopravvivenza.

Studi sul campo di Highland Wild Dog

L’Highland Wild Dog è una razza selvaggia di cani cantanti della Nuova Guinea. Ha le stesse caratteristiche fisiche ed è il cane più antico e raro che esista.

La mancanza di informazioni sull’Highland Wild Dog sui suoi genomi e la sua solitudine hanno reso difficile determinare la sua relazione con i cani cantanti della Nuova Guinea.

Studi sul campo nel 2016 e 2018 hanno consentito la raccolta di campioni di sangue e dati comportamentali, fisiologici e demografici dall’Highland Wild Dog.

Secondo la dottoressa Heidi Parker, scienziata NHGRI, attraverso analisi genomiche, hanno scoperto che i due gruppi di cani hanno sorprendenti somiglianze nei loro genomi. Sono più strettamente legati l’uno all’altro che ad altre razze canine.

Generare una nuova popolazione

I ricercatori ritengono che le loro somiglianze genomiche possano significare che gli Highland Wild Dogs comprendono la popolazione selvaggia originaria dei cani cantanti della Nuova Guinea. Sono essenzialmente una razza, il che dimostra che i cani canori selvaggi della Nuova Guinea sono ancora esistenti.

Pertanto, i ricercatori suggeriscono che l’allevamento di cani selvatici delle Highland Wild con cani cantanti della Nuova Guinea in cattività genererà una nuova popolazione di cani cantanti, preservandola ed espandendo la popolazione di cani cantanti in cattività.

Proto-cani

Queste due razze canine appartengono ancora alla specie Canis lupus familiaris, sebbene abbiano varianti genomiche assenti in altre razze canine.

Il dottor Ostrander afferma che questi proto-cani aiuteranno a fornire una migliore storia dell’addomesticamento dei cani e nuove informazioni sulle razze canine.

Studi futuri

I ricercatori intendono studiare il Canto della Nuova Guinea cani genomica sulla vocalizzazione per aiutare a curare vocalizzazione umana deficit.