Il cannibalismo nel grembo materno potrebbe aver contribuito a rendere giganti gli squali megalodon

0
123

Gli squali più grandi mai cacciati negli oceani terrestri potrebbero essere diventati così grandi grazie al loro comportamento predatorio nel grembo materno, gli scienziati riportano il 4 ottobre su Historical Biology.

L'idea è nata da uno studio che per primo ha analizzato le dimensioni e le forme dei denti di squalo moderni e antichi, utilizzando questi dati per stimare le dimensioni corporee del pesce. Il paleobiologo Kenshu Shimada della DePaul University di Chicago e colleghi si sono concentrati su un ordine di squali chiamati lamniformes, di cui esistono ancora solo circa 15 specie oggi, tra cui feroci e veloci squali bianchi e mako, nonché squali elefante che si nutrono di filtri (SN: 8 / 2/18).

In passato esistevano oltre 200 specie lamniformi, alcune delle quali piuttosto grandi, dice Shimada. Ma nessuno si pensa che abbia rivaleggiato con Otodus megalodon, comunemente chiamato megalodon, che visse tra circa 23 milioni e 2,5 milioni di anni fa. Determinare quanto fossero giganti queste creature è difficile, tuttavia, perché gli scheletri degli squali sono fatti di cartilagine, non di ossa, e pochi resti di specie ora estinte, ma i loro denti. Tuttavia, quei denti sono abbondanti nella documentazione fossile: un singolo squalo può perdere decine di migliaia di denti nel corso della sua vita (SN: 8/10/18).

Shimada e i suoi colleghi hanno scoperto che l'altezza delle corone dei denti del megalodonte era un valore anomalo estremo tra i loro dati, suggerendo una lunghezza totale del corpo di almeno 14 metri, il doppio rispetto a qualsiasi altro squalo che non è un filtro alimentatore. Ma altre quattro specie estinte di lamniformi hanno mostrato "gigantismo", crescendo fino a oltre sei metri di lunghezza – non in scala megalodon, ma comunque piuttosto grandi, dice Shimada. Il gigantismo si verifica anche in diverse specie moderne, tra cui i grandi squali bianchi, mako e volpe.

Il dente di Otodus megalodon (a sinistra) è molto più grande di quello di un grande squalo bianco (a destra). Entrambi gli squali appartengono a un gruppo con una strategia riproduttiva unica: il primo cucciolo a schiudersi nel grembo materno cannibalizza le altre uova, diventando più grandi e più forti prima di lasciare la madre. Quella strategia, dicono gli scienziati, avrebbe potuto portare specie come il megalodonte e i grandi bianchi sulla via del sangue caldo e, in ultima analisi, del gigantismo.Mark Kostich / iStock / Getty Images Plus

Lo studio "offre un'ampia panoramica sulle relazioni tra dente, mascella e dimensione del corpo in un numero importante di lignaggi fossili lamniformi", afferma Humberto Férron, paleobiologo dell'Università di Bristol in Inghilterra.

Tuttavia, non è chiaro perché il megalodonte ei suoi parenti potessero diventare così grandi. Anche le specie lamniformi estinte e moderne che possono crescere fino a queste dimensioni sono tutte a sangue caldo. La regolazione della temperatura corporea consente loro di nuotare più velocemente e di catturare prede più energiche. Quindi il sangue caldo, o l'endotermia, può essere una delle chiavi del loro gigantismo.

Ma Shimada e colleghi hanno ritenuto che la spiegazione fosse incompleta, perché non affrontava il motivo per cui questo gruppo di squali in particolare potrebbe aver sviluppato l'endotermia che ha portato al gigantismo. Quindi, nel nuovo studio, il team suggerisce che anche un comportamento unico di questo ordine può avere un ruolo: una sorta di cannibalismo che si verifica nell'utero.

Gli squali in generale hanno una strategia riproduttiva nota come ovoviviparità: gli embrioni si sviluppano all'interno delle uova che rimangono all'interno delle loro madri fino a quando non sono pronte a schiudersi. Ma l'ovoviviparità diventa estrema tra tutti gli squali lamniformi, dai feroci predatori ai delicati alimentatori di filtri. Il primo cucciolo di squalo che si schiude all'interno della madre procede a mangiare il resto delle uova, un comportamento chiamato cannibalismo intrauterino. Quando il cucciolo esce dalla madre, è già abbastanza grande e pronto a difendersi dai predatori.

Questo comportamento, combinato con le giuste condizioni ambientali come temperature favorevoli dell'acqua e disponibilità di cibo, potrebbe dare ad alcuni lamniformi il via libera per crescere giganteschi, dicono i ricercatori.

È un'idea interessante e fuori dagli schemi, afferma Stephen Godfrey, paleontologo del Calvert Marine Museum di Solomons, Md. È possibile che il cannibalismo intrauterino sia collegato ad alcuni lamniformi che diventano a sangue caldo in primo luogo, dice. Potrebbe aiutare questi squali a diventare abbastanza grandi da affrontare prede più grandi e, a sua volta, richiedere più energia, come quella fornita da un adattamento evolutivo come il sangue caldo, per mantenere uno stile di vita così attivo.

Ma ancora non spiega del tutto il super gigantismo unico del megalodonte, aggiunge Godfrey. Per questo, avresti anche bisogno di una fonte di cibo. "Se non ci fossero state prede di grandi dimensioni, dubito fortemente che ci sarebbero stati squali giganti macro-predatori", dice.

Férron è d'accordo. "L'idea è nuova", dice. "A mio parere, l'evoluzione del gigantismo nel megalodon è stata il risultato di una combinazione di fattori", afferma. La strategia riproduttiva potrebbe averli aiutati a crescere, l'endotermia li avrebbe tenuti attivi e un'abbondante preda di grandi dimensioni li avrebbe tenuti nutriti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui