Il declino dei bombi a causa del cambiamento climatico potrebbe causare disastri per la razza umana

46

Un recente studio condotto da ricercatori dell’Università del Missouri e della Webster University ha scoperto che il futuro di questi impollinatori un tempo abbondanti è in pericolo a causa del riscaldamento delle temperature causato dai cambiamenti climatici.

Secondo Candace Galen, professoressa emerita di scienze biologiche alla MU, il declino della popolazione dei bombi potrebbe avere un effetto sull’ecologia nel suo insieme e persino sulla vita umana. Galeno è anche coautore dello studio.

I bombi si sono adattati per sopravvivere al di sopra del limite del bosco nelle altitudini più elevate delle Montagne Rocciose in Colorado, che sono conosciute come regioni alpine. Qui le temperature sono tipicamente fredde, e anche la stagione vegetativa estiva, fondamentale per la loro sopravvivenza, è breve.

Cambiamento climatico

Man mano che il clima si riscalda e diventa più imprevedibile, secondo Galeno, gli organismi adattati alle condizioni precedenti stanno scomparendo. Anche i servizi ecologici che sostengono e migliorano la vita umana, come i servizi di impollinazione, stanno diminuendo rapidamente insieme alla biodiversità.

La stagione di crescita più breve e più fredda a cui erano abituati in precedenza i bombi alpini è svanita poiché le temperature di riscaldamento stanno estendendo la stagione di crescita ad alta quota. Secondo Galeno, anche i bombi provenienti da quote più basse, che sono raccoglitori più opportunisti, hanno la possibilità di spostarsi verso l’alto verso le regioni alpine a causa della stagione di crescita più lunga e del riscaldamento delle temperature.

Nicole Miller-Struttmann, professoressa di scienze biologiche alla Webster University, ha affermato che i bombi alpini continuano a raccogliere principalmente polline e nettare dai fiori durante il breve periodo che era più tipico in queste regioni alpine cinquant’anni fa, e non si sono evoluti per raccogliere in periodi di tempo più lunghi e molto più variabili. Miller-Struttmann è anche coautore dello studio

Secondo Miller-Struttmann, i bombi alpini stanno subendo il peso maggiore di essere “bloccati in una carreggiata”.

Secondo Miller-Struttmann, prevedono l’estinzione locale nelle regioni in cui le api alpine non sono in grado di migrare più a monte, da cui il clima è più fresco e dove la stagione di crescita è ancora relativamente breve. Poiché sono intrappolati in una trappola evolutiva, i bombi non sono in grado di adattarsi ai cambiamenti di temperatura abbastanza rapidamente.

Lo studio combina le informazioni dalle estati dal 2012 al 2014 su tre montagne del Colorado con documenti storici di bombi e piante alpini risalenti alla metà degli anni ’70.

Leggi anche: I nidi di bombi soggetti al glifosato sono notevolmente danneggiati nei periodi di limitazione delle risorse

Api indaffarate

Galen desidera anche ringraziare il gruppo di studenti universitari entusiasti della MU che si sono alzati presto ogni giorno dell’estate per fare il trekking sopra i 13.000 piedi alla ricerca di bombi oltre alla sua squadra.

Lo studio è stato uno sforzo di collaborazione tra gli autori, gli studenti universitari e le sovvenzioni dell’Università del Missouri, della Webster University, del Mountain Area Land Trust e della National Science Foundation, secondo Science Daily.

Bombi

A causa della loro abilità nel disperdere il polline e nel fertilizzare una varietà di piante selvatiche e colture significative, i bombi sono uno degli impollinatori più significativi. Sono più adatti all’impollinazione della tundra artica, delle pianure costiere e degli habitat di montagna perché possono volare a temperature più fredde rispetto ad altre api.

Le specie di bombi variano nella lunghezza delle loro lingue, che usano per accedere al polline delle piante. I bombi sono in grado di impollinare una varietà di piante grazie a questa variazione. Le grandi dimensioni e il caratteristico ronzio delle api consentono loro di scuotere il polline di piante come mirtilli e pomodori che altrimenti sarebbero di difficile accesso.

In altre parole, i bombi hanno un enorme impatto sulla produzione alimentare. Il loro declino significherebbe tempi difficili per la razza umana.

Articolo correlato: La biodiversità nelle api e il suo ruolo critico in un ecosistema fiorente

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.