Il duro lavoro di ripristino dei corridoi della fauna selvatica nel New Mexico

35

Esaminando l’orizzonte coperto di artemisia fino alle cime innevate delle montagne del Sangre de Cristo, spero di individuare un’antilope antilocapre, un mammifero nordamericano unico, ma in realtà non imparentato con l’antilope africana. I panorami qui sul Monumento Nazionale del Rio Grande del Norte nel New Mexico settentrionale sono ampi e interrotti solo dall’occasionale cupola di lava estinta ricoperta di pini. Mandrie di animali ungulati migrarono attraverso questi paesaggi da tempo immemorabile, prima che le persone costruissero recinzioni e strade e millenni prima che fosse tracciata la linea di confine politica tra il New Mexico e il Colorado.

Immagine

Sono qui in una colorata giornata autunnale per unirmi a una manciata di volontari e partner governativi per ripristinare i corridoi di movimento della fauna selvatica preistorica. Stiamo letteralmente rimuovendo le recinzioni obsolete per le pecore sui terreni pubblici, recinzioni che impediscono il movimento della fauna selvatica. Ci sono solo cinque branchi di pronghorn (Antilocapra americana) ad alta quota negli Stati Uniti e uno di loro migra regolarmente attraverso la contea nord-occidentale di Taos, attraverso terre federali, incluso il Monumento Nazionale. L’attuale recinzione è devastante non solo per antilocapre ma anche per alci, cervi muli e pecore bighorn perché impedisce il movimento naturale e può impigliare gli animali con conseguente morte.

A ottobre, Defenders of Wildlife, Taos Soil & Water Conservation District, Bureau of Land Management e New Mexico Association of Conservation Districts hanno ospitato un evento di volontariato di due giorni per rimuovere le recinzioni di filo spinato obsolete e sostituirle con recinzioni rispettose della fauna selvatica nel aree più percorse dalle mandrie di pronghorn. Il progetto, finanziato attraverso la National Fish and Wildlife Foundation, prevede la rimozione e la modifica di 20 miglia di recinzione e il trattamento di specie vegetali nocive e non autoctone lungo entrambe le 20 miglia di carreggiata e 20 miglia di ruscelli e torrenti, al fine di per migliorare l’habitat della steppa artemisia. Oltre ai mammiferi ungulati, altri animali selvatici che beneficiano del nostro lavoro includono uccelli come il passero della salvia e il thrasher della salvia e una varietà di specie dipendenti dalle sponde dei fiumi.

Immagine

Diana Hamilton

I pronghorn migrano per molte miglia dall’habitat estivo ad alta quota – sopra i 10.000 piedi – nelle montagne Tusas (l’estensione più meridionale delle montagne San Juan del Colorado) alle catene invernali a bassa quota all’interno dell’altopiano di Taos. Identificare i corridoi di movimento e rimuovere o modificare le recinzioni in aree selezionate è una priorità assoluta nel piano d’azione statale per la fauna selvatica del New Mexico Department of Game & Fish, al fine di aumentare la connettività degli habitat in questo paesaggio.

La recinzione di filo spinato della vecchia scuola può causare la morte della fauna selvatica direttamente attraverso collisioni e intrecci, ma può anche uccidere e ferire la fauna selvatica indirettamente o ridurre l’idoneità generale della fauna selvatica rendendo i paesaggi impraticabili o habitat importanti meno accessibili. La rimozione e la modifica delle recinzioni è un modo a bassa tecnologia per apportare miglioramenti significativi alle mandrie di antilocapre, alci e cervi muli durante il loro ciclo di vita. Nell’area del progetto, le agenzie statali e federali hanno monitorato aree di notevole movimento di selvaggina e paesaggi invernali a ovest della gola del Rio Grande.

Il pascolo delle pecore era la norma per gran parte del New Mexico settentrionale dal 1700 e fino al 1900 inoltrato. Per rinchiudere questo bestiame, sono state erette centinaia di miglia di rete metallica per separare ranch e pascoli. I proprietari terrieri e il personale governativo hanno modernizzato le loro infrastrutture di recinzione nel tempo, ma è solo di recente (negli ultimi 10 anni) che ci sono stati sforzi prioritari per accogliere i modelli di movimento della fauna selvatica.

Immagine

Da R. Matejek

Il lavoro sul campo dei difensori per ripristinare i corridoi della fauna selvatica completa la collaborazione in corso con gli sforzi dello stato del New Mexico per sviluppare politiche efficaci che facilitino il movimento della fauna selvatica e il viaggio sicuro dei veicoli nello stato, migliorando così la convivenza uomo-fauna selvatica. Secondo la Federal Highway Administration, ogni anno negli Stati Uniti si verificano da uno a due milioni di incidenti tra veicoli a motore e animali di grossa taglia, come i cervi. Queste collisioni causano circa 200 morti umane all’anno, 26.000 feriti e almeno 8 miliardi di dollari di danni alla proprietà e altri costi.

Nell’estate del 2022, i dipartimenti dei trasporti del New Mexico e Game and Fish hanno pubblicato un “Piano d’azione per i corridoi della fauna selvatica”. Ciò deriva dal Wildlife Corridors Act dello stato del 2019 e il piano di 700 pagine dirige gli sforzi per ridurre le collisioni tra veicoli selvatici e migliorare i collegamenti tra gli habitat della fauna selvatica in tutto lo stato. Insieme alla legge federale bipartisan sulle infrastrutture, che crea un programma pilota di attraversamento della fauna selvatica da 350 milioni di dollari, sono stati compiuti progressi significativi per migliorare la sicurezza della fauna selvatica e dei conducenti, ricollegare l’habitat e salvaguardare il movimento della fauna selvatica.

Dopo una lunga ed estenuante giornata passata a tirare pali di recinzione in acciaio con un “estrattore di pali”, mi facevano male le braccia, ma l’enorme sorriso sul mio viso era un migliore indicatore di speranza per i paesaggi restaurati di salvia e le mandrie di antilocapre. Guardando oltre la catena montuosa, le sagome delle “antilopi” antilocapre e del cervo mulo si stagliavano contro i colori fiammeggianti del tramonto, proprio come avevano fatto millenni fa.