Il massiccio impatto delle cozze

0
5

Nonostante la loro importanza, l'US Fish and Wildlife Service stima che delle 300 specie di cozze d'acqua dolce trovate negli Stati Uniti, circa il 70% sono estinte, in pericolo o necessitano di protezione speciale. Ciò è derivato dallo sfruttamento eccessivo dell'industria dei bottoni di perle – sebbene questa pratica sia terminata negli anni '50 – e più recentemente dalle dighe e dal dragaggio, dalla sospensione dei sedimenti dall'erosione che interferisce con l'alimentazione e la riproduzione delle cozze e un afflusso di inquinanti che creano ambienti tossici privi di ossigeno.

Negli ultimi 30 anni, i mitili, che sono importanti indicatori della salute di interi ecosistemi, sono diminuiti drasticamente. Alcune specie di cozze negli Stati Uniti stanno vivendo un '"apocalisse" ei ricercatori sono perplessi sulla potenziale causa. Eventuali picchi di mortalità di massa sono una potenziale prova di scarsa qualità dell'acqua, un indicatore che i contaminanti sono troppo tossici per essere processati dai mitili.

Janet Butler / USFWS

Cozza a conchiglia in via di estinzione nel fiume Ohio vicino a Williamstown, WV

Uno dei problemi è la correlazione tra le aree ad alto scarico di ceneri di carbone – un prodotto di scarto dei fanghi creato dalla combustione del carbone – e il declino delle popolazioni di mitili. I difensori hanno collaborato con il Sierra Club e il Progetto per l'integrità ambientale per annunciare l'intenzione di citare in giudizio l'Agenzia per la protezione ambientale nel 2009 per aver violato le protezioni del Clean Water Act e non aver limitato gli scarichi di cenere di carbone a livello nazionale. La legge federale richiedeva all'EPA di rivedere annualmente i regolamenti di scarico delle centrali elettriche, ma dal 1982 non c'era stato alcun processo decisionale aggiornato da parte dell'agenzia su questo tema. L'EPA ha infine deciso di rivedere gli standard sulle acque reflue per emanare una sentenza nel 2012 che stabilisce limiti agli scarichi di metalli tossici. Nonostante ciò, lo scarico delle ceneri di carbone rimane una preoccupazione rilevante in quanto ai sensi della normativa Trump del 2015 che proibisce lo scarico delle acque reflue delle ceneri pesanti è stato indebolito per consentire invece lo scarico quotidiano del 10% dell'acqua di processo.

USFWS

James spinymussels nel sud-ovest della Virginia

Un altro problema sono le specie invasive, che superano i mitili d'acqua dolce autoctoni. Le cozze zebra e quagga invasive in rapida espansione – originarie dell'Europa orientale ma trasportate per la prima volta nella regione dei Grandi Laghi degli Stati Uniti negli anni '80 da navi che scaricano acqua di zavorra – sono catastrofiche per i corsi d'acqua locali perché sono più resistenti ai cambiamenti di temperatura e si riproducono rapidamente . La loro crescita incontrollata aumenta l'acidità dell'acqua e diminuisce i livelli di ossigeno. Queste specie invasive si attaccano anche alle attrezzature nautiche che poi le diffondono involontariamente ad altri corsi d'acqua. I loro gusci esterni affilati si stanno diffondendo sulle spiagge e stanno ostruendo i sistemi di presa dell'acqua come scarichi e tubi.

D. Jude / Univ. del Michigan

Cluster di cozze zebra

Il Clean Water Act del 1972 ha fornito miglioramenti visibili alla qualità dell'acqua dei corsi d'acqua a livello nazionale, dimostrando che sono necessarie misure preventive e di conformità. Quando la legislazione non viene applicata, è necessario intraprendere un'azione legale per ritenere il governo responsabile. I difensori si sono uniti a una causa nell'aprile 2020 per citare in giudizio l'amministrazione Trump dopo aver annullato le protezioni stabilite per le zone umide e i corsi d'acqua nel sud che rientrano nella giurisdizione del Clean Water Act.

Kimba Howard

Ma i meccanismi legali da soli non saranno sufficienti per garantire che tutte le specie di cozze autoctone possano riprendersi. Le comunità hanno la responsabilità collettiva di aumentare l'efficacia di queste misure attraverso pratiche ambientali responsabili. Per aiutare a prevenire la diffusione di specie di cozze invasive, tutti possono – e devono – svolgere un ruolo. Ciò include la pratica di una buona igiene della barca pulendo e asciugando adeguatamente tutte le attrezzature, inclusi motori e rimorchi. Riduzione dell'uso di pesticidi sui prati e rimozione di rifiuti o contaminanti esposti per prevenire il deflusso urbano nei bacini idrografici locali. L'aggiunta di più piante agli spazi del giardino aiuta anche a controllare l'erosione e mantiene l'acqua pulita. Le azioni individuali hanno un grande impatto e ognuno ha il potere di educare gli altri sulla crisi delle cozze d'acqua dolce in corso sotto la superficie, perché se le cozze d'acqua dolce scompaiono, potrebbero farlo anche i vari pesci, mammiferi e piante che fanno affidamento su di loro. È ora di iniziare a riconoscere l'incredibile importanza di questi minuscoli bivalvi che proteggono i nostri corsi d'acqua.