Il mio viaggio nell’area di recupero del lupo rosso

68

Di Greg McNamara, sostenitore dei difensori della fauna selvatica, Charlotte, Carolina del Nord

4:30: La sveglia del mio telefono suona solo una volta e sono completamente sveglio dall’eccitazione. Oggi è il giorno. Sono a Manteo, nella Carolina del Nord. In 25 anni di vita nella Carolina del Nord, non ho mai sentito parlare di questa città né dell’Alligator River National Wildlife Refuge o della Columbia, ma ora occupano un posto molto speciale nel mio cuore. I lupi rossi selvatici, la specie di lupo più minacciata del pianeta, vivono qui e potrei benissimo vederli di persona oggi.

Immagine

DOW

Non sono solo nella mia avventura apparentemente casuale di lunedì mattina, utilizzando un giorno di ferie dal lavoro. È un gruppo eterogeneo di tre persone, nessuno dei quali si era incontrato di persona fino alla sera prima. Il nostro amore condiviso per questi lupi rossi e il mondo naturale ci unisce. Il gruppo include il nostro leader appassionato e impavido di Defenders of Wildlife, Heather Clarkson, rappresentante del programma di sensibilizzazione del sud-est, la dottoressa Jessie Williams, una ambientalista e fotografa naturalistica dedicata, e me. Ci si potrebbe chiedere, perché sono in viaggio per questo viaggio? Sono le mie credenziali come consulente di gestione dei servizi finanziari? No. La risposta è che sono un cittadino medio, preoccupato per il nostro benessere ambientale, il mondo naturale, la conservazione e la fauna selvatica. Più in particolare, mi sono appassionato alla popolazione un tempo nativa e ora unica selvaggia di lupi rossi al mondo. E vivono nel mio stato natale.

Alcuni anni fa, sono diventato più che interessato alla difficile situazione dei lupi rossi nella Carolina del Nord. C’erano diversi articoli di notizie (se sapessi dove cercarli) su procedimenti legali e sul Fish and Wildlife Service degli Stati Uniti, l’agenzia federale incaricata della gestione dei lupi rossi nell’area di recupero. La popolazione del lupo rosso era rapidamente scesa a meno di 10, molti a causa della mortalità da arma da fuoco. Mi sono chiesto, “come fanno più persone a non sapere di questo?” E, “se questi animali sono sotto la protezione dell’Endangered Species Act, perché non si fa altro per proteggerli?” Volevo mettermi in gioco, anche se non sapevo come. Ho chiamato gli zoo locali e le organizzazioni di alleati del lupo rosso, che mi hanno incoraggiato a dare un’occhiata a Defenders of Wildlife.

Immagine

Ryan Nordsven USFWS

Dopo un paio d’anni di donazioni a Defenders of Wildlife e di aver scritto ai politici, è arrivata l’opportunità per me di parlare con i professionisti dedicati e di talento all’interno di Defenders. Mi hanno dato l’opportunità di essere coinvolto in un modo più diretto. Mi ha aperto gli occhi sull’impresa e sui giocatori necessari per gestire e salvare una specie e mi ha fatto capire che ognuno ha un ruolo da svolgere.

La storia decennale del programma di reintroduzione delle specie di lupo rosso è piena di alti e bassi, anche se i bassi sembrano essere più frequenti nella memoria recente. Dai miei occhi di consulenza gestionale, questa è una tabella di marcia strategica a lungo termine per raggiungere il successo. Come viene definito il successo per la reintroduzione del lupo rosso? In poche parole, sta reintroducendo i lupi rossi nella loro area di recupero dedicata e consentendo loro di prosperare abbastanza per una popolazione sostenibile in cui ci sono molti vantaggi ecologici. Per ora, il nostro obiettivo principale è implementare misure di convivenza con gli esseri umani. Ciò richiede di affrontare potenziali conflitti con la fauna selvatica su terreni privati, programmi di istruzione, raccolta di fondi per aiutare a gestire le specie e molte altre misure.

Dopo alcuni mesi di lavoro diretto con Defenders of Wildlife, abbiamo deciso che avremmo potuto ottenere le intuizioni per cui ci siamo tanto sforzati se avessimo visitato l’area di recupero e visto di persona l’ecosistema, le comunità circostanti e le persone coinvolte in il livello locale per salvare la specie.

Immagine

DOW

5:30: È ancora buio, ma l’alba si avvicina. Ho appena guidato su quello che sembrava essere il ponte più lungo sul fiume più largo e ora sono all’ingresso dell’Alligator River National Wildlife Refuge. I lupi rossi sono notoriamente sfuggenti, quindi la nostra migliore occasione per vederli sarà prima che sorga il sole e si ritirino nella fitta boscaglia di pocosin. La riserva è enorme, e oltre alle strade di accesso e ad alcuni campi coltivati ​​al confine, è un luogo selvaggio. In tutti i miei anni nella Carolina del Nord, devo ancora vedere questo tipo di topografia e vegetazione. Alle 6:03 il sole è sorto e gli insetti sono fuori. La nostra allegra band rimane eccitata e spera di vedere i lupi rossi. Osserviamo rapidamente una vasta gamma di animali selvatici, inclusi orsi neri, mocassini d’acqua, gigli selvatici, gatti, altri serpenti, insetti… tutto tranne i lupi rossi. Tuttavia, individuiamo diverse tracce di canidi relativamente fresche. Potrebbero essere? La nostra impavida leader ed esperta di canidi, Heather, indaga e conferma: Sì, i lupi rossi erano qui!

07:30: Non abbiamo avuto fortuna a vedere i lupi rossi. È ora di fare il giro del rifugio per vedere se avremo più fortuna. Ecco alcuni consigli non richiesti: se hai intenzione di guidare in un rifugio naturale senza strade asfaltate, ti sconsiglio di utilizzare un’auto a noleggio compatta. Sono sicuro di aver ricevuto un costo aggiuntivo per pulire i passaruota del mio noleggio; essendo questo il risultato di rimanere quasi incastrati nelle profondità del rifugio. Dopo un altro paio d’ore, sembra che i lupi ci siano sfuggiti.

Immagine

Taylor Wilson

10:30: Guidiamo verso la Columbia e arriviamo al Red Wolf Education Center, gestito dalla North Carolina Wildlife Federation. È qui che trovo un tesoro di letteratura e materiale educativo sui lupi rossi. La nostra banda di personaggi esce e si dirige verso un recinto…

10:55: Loro sono qui! I lupi rossi in cattività sono residenti permanenti presso il centro educativo. Sono animali meravigliosi con affascinanti occhi dorati e marroni, pelliccia tricolore e, anche in cattività, uno spirito selvaggio che scorre attraverso di loro. Se non hai mai visto un lupo (selvatico o in cattività), non hai mai visto un animale trottare così; c’è una fiducia diffidente che è difficile da descrivere, il tutto mentre sbatte la testa. Nei loro occhi c’è una familiarità, un riconoscimento di un’anima. Se hai un cane a cui tieni, potresti capire. Non avrei mai pensato che questi specialisti altamente evoluti potessero sopravvivere nel caldo del sud-est, per non parlare di una specie di lupo autoctono vicino alla costa. Mi ricorda che se noi come esseri umani diamo al mondo naturale lo spazio e il tempo per guarire, esso può sopravvivere e prosperare. L’ora che abbiamo trascorso osservando questi lupi nel loro recinto ha concluso uno dei giorni più appaganti della mia vita.

Immagine

Greg al Red Wolf Education Center in Columbia, Carolina del Nord.

Anche se non pretendo di essere un esperto nel recupero dei lupi rossi o di comprendere veramente l’esperienza della gente del posto che ha a che fare con una specie protetta a livello federale, considero la difficile situazione dei lupi rossi come un microcosmo del rapporto umano con la natura e i lupi nel corso della storia . Ciò che non capiamo, temiamo. A rischio di semplificare eccessivamente la questione, siamo in un momento critico sia nella storia umana che in quella naturale. Se non adottiamo le misure per consentire al nostro pianeta e alle sue numerose specie di funzionare come previsto, ci saranno terribili conseguenze per tutti noi in un futuro non troppo lontano.

Le ore trascorse nell’area di recupero hanno fornito un’esperienza che non dimenticherò mai. Tutti noi abbiamo un ruolo da svolgere nell’assicurare la sopravvivenza di questa specie maestosa, la specie di lupo più minacciata del pianeta, che vive nella Carolina del Nord. Non ti unisci a noi?