Il mondo si impegnerà ad agire alla COP27?

43

Mentre i leader mondiali si riuniscono questa settimana a Sharm el Sheikh, in Egitto, per la 27a Conferenza delle Parti dei negoziati sul clima della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (o “COP27” in breve), la posta in gioco per la fauna selvatica e le persone non è mai stata così alta. Al vertice dell’anno scorso a Glasgow, in Scozia, i paesi hanno promesso di mantenere il riscaldamento totale a circa 1,8 °C al di sopra dei livelli preindustriali entro il 2100. In particolare, hanno concordato per la prima volta di ridurre gradualmente la produzione di energia a carbone. Inoltre, 110 paesi si sono impegnati a ridurre le emissioni di metano del 30% entro il 2030 e più di 140 paesi, che rappresentano oltre il 90% delle foreste mondiali, si sono impegnati a fermare e invertire la deforestazione entro il 2030.

Sfortunatamente, solo 26 di questi paesi hanno portato a termine piani adeguatamente ambiziosi. L’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia e le interruzioni del mercato del gas naturale che ne sono seguite hanno portato a una ripresa della combustione e della produzione di carbone in Europa e altrove. La siccità record e le ondate di calore della Cina, una conseguenza del cambiamento climatico, hanno chiuso le dighe idroelettriche e l’elettricità fornita è stata sostituita dalla combustione di quantità senza precedenti di carbone. Mentre i paesi del mondo hanno concordato a Glasgow di cercare di limitare il riscaldamento a 1,5 °C entro il 2100, il pianeta è sulla buona strada per riscaldarsi in media da 2,1 a 2,9 °C, secondo le traiettorie basate sulle politiche attuali delle nazioni e sugli impegni di azione per il clima . Ciò punta verso un futuro segnato da inondazioni più intense, incendi, siccità, ondate di calore ed estinzioni di specie, oltre a superare la soglia oltre la quale gli scienziati affermano che la probabilità di impatti climatici catastrofici e potenzialmente irreversibili aumenta significativamente.

Immagine

Gli Stati Uniti, almeno, stanno finalmente intraprendendo un’azione ambiziosa. In particolare, l’Inflation Reduction Act è stata la legislazione sul clima più significativa finora approvata nella storia degli Stati Uniti. I suoi sussidi per l’energia pulita e altre misure potrebbero ridurre le emissioni nazionali di gas serra tra il 37% e il 41% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030, che è circa tre quarti del percorso verso l’obiettivo del presidente Biden di una riduzione del 50-52%. Le misure adottate da stati e città, facilitate dall’azione federale, potrebbero ridurre ulteriormente le emissioni.

Cosa tenterà di affrontare la COP27

È fondamentale che i governi del mondo ottengano progressi significativi alla COP27. Possiamo alzarci per superare la sfida climatica, fornendo un mondo stabile e prospero per le generazioni future, oppure possiamo ignorare il problema e rendere il pianeta un luogo più pericoloso e imprevedibile. I paesi devono convertire le parole in azioni e ridurre le emissioni più velocemente e più profondamente per limitare il riscaldamento a 1,5 °C.

Immagine

Il paese ospitante di quest’anno, l’Egitto, ha fissato il seguente obiettivo:

“Dobbiamo unirci per limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C e lavorare sodo per mantenere vivo l’obiettivo di 1,5°C. Ciò richiede azioni audaci e immediate e una maggiore ambizione da parte di tutte le parti, in particolare di coloro che sono in grado di farlo e di coloro che possono dare l’esempio”. Per raggiungere questo obiettivo, il mondo, in particolare le sue principali economie, dovrà impegnarsi a ridurre le proprie emissioni più velocemente e ulteriormente rispetto a quanto fatto finora.

L’agenda di quest’anno riguarderà anche l’adattamento e la resilienza agli effetti del cambiamento climatico; meccanismi per finanziare investimenti intelligenti per il clima, sviluppo e trasferimento di tecnologie; rafforzamento delle capacità; assistenza ai paesi meno sviluppati; equità; e altre questioni. In una vittoria per i paesi più colpiti dai cambiamenti climatici, in particolare le nazioni insulari, i partecipanti alla COP27 hanno concordato domenica di inserire il risarcimento per “perdite e danni” legati al clima nell’agenda di discussione.

Segui la Conferenza

La COP27 durerà fino al 18 novembre, con la maggior parte dei negoziati principali che probabilmente si svolgeranno negli ultimi giorni. Sono attesi oltre 35.000 delegati, tra cui il presidente Biden e più di 100 altri capi di Stato. Puoi guardare molti degli atti della conferenza online. Visita il sito ufficiale per le ultime informazioni. Inoltre, puoi ricevere aggiornamenti tramite i social media (hashtag #COP27). Torna qui per un riepilogo al termine della conferenza.