Il monumento nazionale marino della fossa delle Marianne ottiene un piano di gestione

0
6

È atteso da tempo, ma il Marianas Trench Marine National Monument, una delle aree marine protette più grandi del mondo, situata a est delle Filippine, potrebbe presto avere un piano di gestione. Defenders of Wildlife ha inviato commenti pubblici questo mese, sperando di garantire la protezione di tutte le specie e le persone che prosperano lì.

Istituito nel 2009 dal presidente George W. Bush, è costituito dall'arcipelago delle Marianne e protegge circa 95,216 miglia quadrate di terre e acque sommerse. Il monumento ospita squali, balene, delfini e pesci di acque profonde, oltre a diverse specie di tartarughe marine in via di estinzione e minacciate. Il monumento ha anche una sana barriera corallina composta da circa 300 diverse specie di corallo. Un sito della barriera corallina ha la più alta densità di squali di tutto il Pacifico. Il vulcano sottomarino Daikoku contiene una pozza di zolfo liquido, chiamata "calderone di zolfo", nota per esistere in un altro luogo nell'universo: la luna di Giove, Io.

NOAA Office of Ocean Exploration and Research, Deepwater Exploration of the Marianas

Sebbene i difensori e altre grandi ONG abbiano un forte interesse nella protezione del monumento, gran parte del lavoro sul campo che ha portato alla sua creazione e protezione è stato condotto da Friends of the Mariana Trench (FOMT), un gruppo composto da indigeni e residenti persone del Commonwealth delle Isole Marianne Settentrionali (CNMI) dedicate alla conservazione, conservazione e protezione dell'oceano e alla corretta gestione del monumento. È difficile sopravvalutare l'importanza delle acque monumentali per le comunità indigene Chamorro e Carolinian.

Jess Quitano, coordinatrice degli anziani oceanici del FOMT e pescatrice di una lunga stirpe di pescatori e donne di famiglia, ha notato che l'oceano è profondamente radicato nella sua cultura e nei suoi costumi. "Il monumento ci consente di preservare e tramandare le tradizioni e i costumi da una generazione all'altra", ha affermato.

Sheila Babauta, presidente della FOMT e membro della legislatura CNMI, dove ricopre anche la carica di presidente della commissione risorse naturali e culturali, sembra essere d'accordo.

"Abbiamo una connessione e una storia molto intima con l'oceano", ha detto Babauta. “Il fatto che questo monumento marino ci fornirà protezione oggi e in futuro è davvero al centro del messaggio”.

NOAA Office of Ocean Exploration and Research, Deepwater Exploration of the Marianas

Una delle preoccupazioni più urgenti del monumento è l'accessibilità. La bozza del piano di gestione menziona che i membri delle comunità indigene Chamorro e Carolinian, così come i residenti di CNMI e Guam, saranno gli unici autorizzati a richiedere permessi di pesca ricreativa, di sussistenza e non commerciale all'interno del monumento. Il gruppo di amici ritiene che questa sia la rotta corretta, ma che non devono esserci scappatoie, come consentire ai non residenti di pescare nel monumento finché i residenti sono a bordo.

"La nostra comunità è molto preoccupata per l'accessibilità, soprattutto quando si tratta di pesca e di come avrà un impatto sulla vita quotidiana", afferma Babauta. "Questo è stato un aspetto molto importante della divulgazione pubblica su cui il gruppo di amici ha lavorato per diverse settimane".

Oltre all'importanza che il monumento gioca nell'aiutare i membri della comunità a tramandare le tradizioni, il gruppo di amici lo vede anche come un'opportunità per costruire capacità scientifiche ed economiche locali.

Laurie Peterka, co-fondatrice di Friends of the Mariana Trench Monument, crede che il monumento possa essere un punto di raccolta per cose sconosciute sull'oceano. "Possiamo diventare un importante istituto di ricerca nel Pacifico settentrionale", ha affermato. "Quanti scienziati possiamo produrre, a partire dai nostri alunni di prima media e arrivando fino al college?"

Anche Joleen Salas, assistente esecutiva e coordinatrice del progetto, vede il monumento come una grande opportunità per le isole di vedere altre possibilità. "Come ogni altra isola del Pacifico, ci affidiamo un po' troppo al turismo", ha detto Salas. "Questa è un'opportunità per reindirizzare la generazione più giovane".

Questo non vuol dire che il monumento e il progetto di piano di gestione facciano tutto ciò che i sostenitori ritengono necessario per la conservazione e il coinvolgimento del CNMI. Il tempo impiegato per produrre il piano è stato scoraggiante, secondo i membri del FOMT. Peterka lo vede come un ottimo punto di partenza, ma nutre serie preoccupazioni per il modo in cui è stato sviluppato, in particolare per quanto riguarda la mancanza di impegno locale. "Tutti i processi federali sulle nostre isole sono ostacolati dal fatto che l'inglese non è la lingua principale", ha affermato Peterka.

Il coinvolgimento della comunità locale con il monumento è stato reso generalmente difficile dall'esperienza dell'area con il colonialismo e dalla tendenza fin troppo comune del governo federale a prevalere sulla sovranità locale.

"Il governo federale ha tutte le carte in regola e questo lascia le persone vulnerabili", ha detto Peterka. = Ciò può rendere difficile la raccolta di interesse per il monumento e la sua gestione.

Dato il rapporto storico tra il governo federale e la CNMI, molti cittadini della CNMI sentono di aver cercato per molti anni di far sentire la propria voce ma nulla è cambiato.

Il FOMT ha anche recentemente partecipato a un progetto per aiutare ulteriormente l'obiettivo 30×30 di proteggere il 30% delle terre e degli oceani americani entro l'anno 2030 per prevenire il collasso dei sistemi naturali della Terra. L'amministrazione Biden è impegnata a raggiungere questo obiettivo e la gestione del monumento è tra i primi passi.

"Se gli Stati Uniti sono davvero impegnati nel 30×30, questo lo farà avanzare enormemente", ha affermato Babauta. “Il monumento è di oltre 95.000 miglia quadrate. Sono oltre 60 milioni di acri di area protetta. Anche il nostro governo locale sta partecipando a una sfida della Micronesia e si impegna a gestire efficacemente il 50% delle risorse marine e il 30% delle risorse terrestri”.

Nonostante le preoccupazioni per il futuro del monumento, tutti sentono l'impulso di proteggerlo.

"Quando proteggo l'oceano, proteggo la mia famiglia", ha detto Quitano. “Sto proteggendo la mia isola e la mia gente. Siamo uniti".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui