Il nuovo rapporto rivela il calo della popolazione di balene grigie al largo degli Stati Uniti occidentali

88

Secondo l’ultimo rapporto, i ricercatori hanno trovato una popolazione in declino di balene grigie al largo degli Stati Uniti occidentali

Basato sul World Wildlife Fund (WWF), la balena grigia ha il nome scientifico Eschrichtius robustus, che è lungo tra 40 e 50 piedi e pesa tra 40 e 50 piedi. Emergono anche nelle acque per respirare.

Le balene grigie sono animali amichevoli con una cresta di protuberanze taglienti lungo la schiena. Il World Wildlife Fund ha spiegato che sono anche chiamati fanoni, che filtrano il cibo dall’acqua utilizzando strutture ispide, aggiungendo che le acque calme e calde fungono da luogo sicuro per le balene da minacce e predatori.

Inoltre, il WWF ha sottolineato l’importanza delle balene nella catena alimentare e nell’ambiente marino. Nonostante le dimensioni delle balene, possono ancora essere soggette a minacce, tra cui lo sviluppo di petrolio e gas e le collisioni navali. Con le attività in mare, le balene possono essere sensibili ai rumori e ai boom subacquei.

Le balene sono anche note per le loro migrazioni per nutrirsi e riprodursi. Secondo il National Geographic, sono considerati uno dei più grandi migratori.

Popolazione grigia in calo negli Stati Uniti occidentali

(Foto di Justin Sullivan/Getty Images)

I ricercatori negli Stati Uniti hanno sollevato preoccupazioni per la diminuzione della popolazione di balene grigie nel Nord America occidentale. Il rapporto sulla pesca della National Oceanic and Atmospheric Administration ha svelato che la migrazione della balena grigia è diminuita negli ultimi due anni.

L’ultima valutazione della NOAA Fisheries ha riportato il recente conteggio di dette balene a 16.650, mostrando un calo del 38% dal 2015 al 2016. Il rapporto ha anche evidenziato che la popolazione di balene grigie ha rivelato di produrre il minor numero di vitelli quest’anno dal conteggio del 1994.

Leggi anche: La più grande linea di container del mondo reindirizza le navi per evitare di danneggiare le balene blu in via di estinzione

NOAA Fisheries ha osservato che il dottor David Weller ha spiegato che il continuo calo dei numeri dal 2016 ha richiesto un attento monitoraggio per comprendere ulteriormente la tendenza. Il dottor Weller è il direttore della divisione mammiferi marini e tartarughe.

Il rapporto ha anche rilevato il preoccupante aumento degli spiaggiamenti di balene grigie. L’indagine ha rivelato diversi probabili contributori al problema: i cambiamenti ecologici osservati nell’Artico che interessano il fondale marino; invertebrati trovati che vivono dentro e sopra la colonna d’acqua e sopra il sedimento; e sensazioni di balene grigie in estate.

Spiaggiamenti di balene grigie

In definitiva, la ricerca ha discusso delle oltre 600 balene morte dal 2019 al 2022, mostrando che alcune erano malnutrite. Altri fattori che provocano la morte delle balene grigie sono la collisione con le navi e l’uccisione dei loro predatori. La ricerca ha rilevato che il numero di spiaggiamenti è aumentato nel 2019 ma è improvvisamente diminuito negli anni successivi.

D’altra parte, la dottoressa Sue Ellen Moore ha affermato che alcune balene grigie potrebbero avere difficoltà o difficoltà a trovare cibo a turni, influenzando il modo in cui si nutrono. Moore è anche un ricercatore dell’Università di Washington.

La cosa sorprendente delle balene grigie è la loro migrazione dai terreni di alimentazione nella regione artica in estate e poi nelle lagune della Baja Mexico in inverno. I ricercatori hanno notato che il viaggio di andata e ritorno lungo e annuale delle balene supera le 10.000 miglia, il che significa che potrebbero essere state esposte a fattori di stress durante il viaggio o la migrazione.

Per leggere lo studio, visitare il sito web della National Oceanic and Atmospheric Administration Fisheries.

Articolo correlato: [Video] La mamma alligatore a tre zampe mostra amore e cura ai suoi bambini

Per storie più simili, non dimenticare di seguire Notizie dal mondo della natura

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.