Il più vecchio pinguino dello zoo di Edimburgo è stato ucciso dopo che una volpe ha fatto irruzione nel suo recinto

75

Il pinguino più vecchio dello zoo di Edimburgo è stato ucciso dopo che una volpe è entrata nel suo recinto, secondo i lavoratori.

Pinguino ucciso nel recinto

(Foto: Hannelore Foerster/Getty Images)

La signora Wolowitz, una saltaroccia del nord di 35 anni con una “grande personalità”, è stata aggredita mercoledì in ritardo, secondo The Guardian.

Gli altri pinguini nel recinto non sono stati danneggiati e stavano bene, secondo lo zoo.

Lo zoo ha scritto in un tweet giovedì sera: “Purtroppo, l’abbiamo persa la scorsa notte dopo che una volpe ha fatto irruzione nella nostra gabbia dei pinguini”. Fortunatamente, il resto della nostra colonia non è stato ferito e sta bene.

Ha continuato dicendo che i guardiani dello zoo esaminavano le gabbie ogni giorno, ma c’era sempre la possibilità che animali selvatici irrompessero.

“Stiamo esaminando cosa possiamo fare per rafforzare la barriera”, ha aggiunto.

Più di 100 uccelli di tre tipi vivono a Penguins Rock, la più grande piscina all’aperto di pinguini d’Europa.

Lo zoo di Colchester ha perso il suo leone marino della Patagonia di 21 anni a giugno.

Paris, che era stata nello zoo per 19 anni, è morta durante un test di infezione all’orecchio “nonostante tutti i migliori sforzi per curarla”.

Un malfunzionamento elettrico in uno zoo ha provocato un incendio l’anno scorso, uccidendo cacatua, are, pappagalli, suricati, armadilli e puzzole.

“Non dimenticheremo mai le magnifiche creature che abbiamo perso in circostanze così terribili”, ha scritto il fienile del Maldon Promenade Petting Zoo nell’Essex.

Alcuni dei piccoli mantenuti nella nostra fattoria privata erano in pensione, a riposo o ex animali domestici indesiderati di cui abbiamo cercato così tanto di prenderci cura, hanno aggiunto.

Leggi di più: La storia dietro due pinguini vedovi di Melbourne Skyline

Vulnerabilità del pinguino

I pinguini sembrano adattarsi idealmente al loro habitat, scivolando lungo le gelide colline antartiche e sfrecciando attraverso mari gelidi, secondo il National Geographic.

Tuttavia, gli affascinanti uccelli non erano sempre acrobati acquatici incapaci di volare: il passaggio dal volo al nuoto richiedeva lo sviluppo di una serie quasi completamente nuova di talenti, forme corporee e funzioni.

Un nuovo studio utilizza un mix senza precedenti di reperti fossili e dati genetici per mappare tale sviluppo con dettagli senza precedenti e per indagare su come il clima abbia influenzato il destino dei pinguini.

Secondo il coautore dello studio Daniel Ksepka, un paleontologo aviario al Bruce Museum di Greenwich, nel Connecticut, i pinguini sono il prodotto più divertente dell’evoluzione. Hanno sviluppato un tipo di corpo e uno stile di vita completamente diversi rispetto ai loro antenati.

Lo studio, pubblicato oggi sulla rivista Nature Communications, indica che durante l’estinzione di massa del Cretaceo-Paleogene 66 milioni di anni fa, i primi pinguini furono inaspettatamente rapidi nell’adattarsi alle nicchie ambientali di nuova costituzione in tutto l’emisfero australe.

Dopo che i dinosauri si sono estinti, c’era più spazio per la proliferazione di altre creature e i pinguini hanno riempito le varie temperature e biomi nella metà meridionale del mondo.

Tuttavia, lo studio rileva anche che i pinguini hanno il tasso di evoluzione più lento conosciuto tra tutti gli uccelli, il che implica che il ritmo dei cambiamenti genetici è rallentato drasticamente da quando sono passati alla vita marina dopo l’estinzione di massa.

Secondo gli autori dello studio, ciò mette in dubbio la loro capacità di adattarsi rapidamente al ritmo vertiginoso dell’attuale cambiamento climatico.

I pinguini devono adattarsi a frequenti fluttuazioni di temperatura nel corso di milioni di anni dopo essersi evoluti per ambienti oceanici.

Quando è iniziata l’epoca glaciale più recente, una nuova ondata di diversità di specie di pinguini si è verificata poco più di due milioni di anni fa.

I pinguini si spostavano e venivano spesso tagliati fuori dagli altri gruppi con l’aumento delle calotte glaciali e l’alterazione degli habitat.

I pinguini si sono sviluppati nel corso di centinaia di migliaia di anni, separati dal ghiaccio, nella vasta gamma di specie di pinguini che esistono oggi.

Mentre studi precedenti prevedevano questo meccanismo, la nuova combinazione di dati genomico-fossile fornisce la prova più convincente finora.

Articolo correlato: Dove diavolo sono finiti i pinguini reali?

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.