Il programma California dei difensori della fauna selvatica ripercorre un anno di successi

49

Gli esperti sul campo di Defenders of Wildlife in California hanno raccontato diverse storie di successo lo scorso anno nella lotta decennale di Defenders per proteggere la fauna selvatica e gli spazi selvaggi.

Nel 2022, abbiamo dato la priorità alla protezione della lontra marina meridionale, del pescatore della Sierra Nevada, del lupo grigio, del salmone Chinook e di altri pesci d’acqua dolce, della tartaruga del deserto, della pecora bighorn, degli uccelli migratori e di altre specie che necessitano di un’azione di conservazione immediata.

Lavorare per i lupi in California

I difensori continuano a difendere i lupi grigi mentre rioccupano i loro territori storici nello stato. Quest’anno il Whaleback Pack nella contea di Siskiyou ha prodotto la sua più grande cucciolata di cuccioli di lupo. Allo stesso tempo, il Lassen Pack ha mantenuto un buon tasso di riproduzione per il sesto anno consecutivo.

Immagine

USFS

Un cucciolo di lupo grigio del branco di Lassen.

Pamela Flick, direttrice del programma della California, sta lavorando con partner per la conservazione, rappresentanti di allevamenti, specialisti federali della fauna selvatica e il Dipartimento della pesca e della fauna selvatica della California per finalizzare un programma pilota per incentivare la convivenza tra bestiame e lupi che condividono il paesaggio.

Il programma compenserà gli allevatori per le perdite di bestiame causate dai lupi e rimborserà i produttori di bestiame per l’acquisto di strumenti e strategie non letali per la riduzione dei conflitti.

Ampliare la gamma di recupero della lontra marina

A settembre, l’Assemblea della California ha riconosciuto i 20 anni di sponsorizzazione dell’evento da parte della Sea Otter Awareness Week e dei Defenders. Per una settimana all’anno, Defenders si unisce a partner come Elakha Alliance, Sea Otter Savvy e Monterey Bay Aquarium, per aumentare la consapevolezza della situazione che le lontre marine affrontano attraverso eventi che mettono in luce la storia naturale, il comportamento, la salute e la gestione delle lontre marine.

Immagine

Ingrid Valda Taylor

Il nostro team californiano ha ospitato il vertice sulla reintroduzione della lontra marina a metà ottobre, durante il quale gli esperti hanno discusso del ripristino di questa specie iconica nel suo areale storico. Le lontre marine un tempo abitavano un tratto di 650 miglia lungo la costa occidentale, che si estendeva dalla baia di San Francisco al confine tra Oregon e Washington, fino a quando l’esplosione del commercio di pellicce nel XIX secolo decimò le lontre marine in questa regione.

Andy Johnson, rappresentante della California ed esperto di lontre marine, sta attualmente lavorando con un team di ambientalisti e accademici lungo la costa per monitorare l’habitat delle lontre marine, sperando di espandere l’attuale popolazione di lontre marine lungo la California settentrionale e l’Oregon.

Central Valley Wetlands e Bay-Delta

Ashley Overhouse, consulente per le politiche idriche della California, ha lavorato diligentemente quest’anno con partner federali, statali e non governativi per piani di gestione intelligente dell’acqua per l’estuario della Baia di San Francisco, il Delta e la Central Valley. Overhouse è entrato nel consiglio di amministrazione di Defenders nella Central Valley Joint Venture, una partnership tra organizzazioni per la conservazione e agenzie statali e federali. Questa partnership lavora per garantire che i rifugi della fauna selvatica, come il San Luis National Wildlife Refuge, ricevano abbastanza acqua per sostenere gli habitat delle zone umide.

Immagine

Rick Lewis

Durante l’estate, i difensori si sono battuti per la piena attuazione delle assegnazioni idriche del Central Valley Project Improvement Act ai rifugi della fauna selvatica dello stato. Nonostante una direttiva del Congresso, i rifugi nella Central Valley della California non ricevono la giusta quota di acqua. I difensori si sono anche schierati contro il Delta Conveyance Project dello stato, noto anche come Delta Tunnel Project, che potrebbe devastare la pesca e il San Francisco Bay-Delta. I difensori (insieme al partner NRDC) hanno invitato il Dipartimento delle risorse idriche della California a rivedere sostanzialmente la sua bozza di rapporto sull’impatto ambientale del progetto non conforme.

Il team californiano è orgoglioso di aver contribuito a innescare una monumentale rinegoziazione del contratto sull’uso dell’acqua. Grazie alle richieste di Defenders e partner, l’US Bureau of Reclamation e la San Joaquin River Exchange Contractors Water Authority hanno rivisto il proprio accordo sulla distribuzione delle acque del fiume San Joaquin. Questo segna un passo positivo verso una gestione idrica più sostenibile e la protezione delle specie in via di estinzione che dipendono da un fiume San Joaquin sano.

Lavorare per proteggere la tartaruga del deserto

I difensori hanno continuato la loro campagna in corso contro l’uso sfrenato di veicoli fuoristrada (OHV) all’interno di habitat di specie protette.

Immagine

James Maughan

Quest’anno, il rappresentante senior della California Jeff Aardahl ha costretto la divisione ricreativa per veicoli a motore fuoristrada dei parchi statali della California a indagare sui tassi di mortalità e altri impatti dannosi che gli OHV hanno sulle tartarughe del deserto nel deserto del Mojave occidentale. Le popolazioni di tartarughe del deserto nel deserto del Mojave occidentale sono diminuite drasticamente dal 1979 a numeri così bassi che la specie è sulla via dell’estinzione. La Divisione sta ora appaltando uno studio pluriennale sugli impatti dell’OHV sui terreni gestiti dal Bureau of Land Management (BLM) degli Stati Uniti e sulle tartarughe del deserto. I difensori sperano che i risultati di questo studio aiuteranno la Divisione a determinare se sono necessari cambiamenti nelle sue attività al fine di evitare un’ulteriore mortalità causata dall’OHV delle tartarughe del deserto.

Energia Uso del suolo a Golden State

Nei suoi primi giorni di lavoro, la rappresentante senior della California Sophia Markowska ha viaggiato dal deserto del Mojave a Fresno, visitando progetti di energia rinnovabile proposti ed esistenti nella Central Valley e nelle aree desertiche. Durante questo viaggio, ha appreso di più su tre siti di progetti solari proposti nelle contee di Imperial, Kern e Tulare e, al suo ritorno in ufficio, ha presentato commenti che sostenevano misure di mitigazione più forti per affrontare gli impatti di questi progetti sulle specie in pericolo. Le sue raccomandazioni includevano misure come la riduzione della velocità del traffico, la conduzione di adeguate indagini biologiche e il coordinamento con gli enti governativi per compensare le perdite di habitat della fauna selvatica.

Immagine

Krista Schlyer

I difensori ritengono che lo stato debba bilanciare le sue politiche energetiche con quelle che proteggono specie come il gufo delle tane, la tartaruga del deserto, la volpe di San Joaquin e il falco di Swainson. Mentre sosteniamo l’obiettivo della California di essere privo di emissioni di carbonio entro il 2045, i difensori continueranno a incoraggiare iniziative intelligenti fin dall’inizio che indirizzano le infrastrutture di energia rinnovabile verso aree che non hanno un impatto sulla fauna selvatica in pericolo.

Vince in Tribunale

I difensori si sono uniti alle organizzazioni partner in una causa federale contro BLM, che ha rilasciato un permesso alla Cadiz Corporation per un gasdotto di acque sotterranee dalla Cadice Valley alla California meridionale. BLM non ha richiesto alcuna analisi ambientale sugli impatti del pompaggio di 75.000 piedi di acri (24,5 miliardi di galloni) di acque sotterranee all’anno (per 50 anni) su sorgenti e aree ripariali nel Mojave Trails National Monument. Queste aree ecologicamente significative sono alimentate dalle stesse acque sotterranee che la Corporazione di Cadice ha proposto di rimuovere.

Il tribunale federale ha annullato la decisione del BLM a causa della mancata richiesta da parte dell’agenzia di una valutazione ambientale come richiesto dal National Environmental Policy Act (NEPA). BLM ha ammesso la sua violazione NEPA e ha chiesto al tribunale federale di approvare la cancellazione del diritto di passaggio per l’acquedotto.

Immagine

Anneke DeBlok/iStockphoto

In un’altra significativa vittoria per la fauna selvatica, la Corte d’appello del terzo distretto della California ha stabilito a settembre che gli invertebrati terrestri possono essere protetti ai sensi del California Endangered Species Act (CESA), comprese quattro specie di bombi autoctoni in pericolo. . Le api e altri insetti sono fondamentali per mantenere la biodiversità e sostenere i sistemi agricoli. Ad esempio, molti sono essenziali per l’impollinazione delle piante coltivate. Come risultato di questa sentenza, altri invertebrati terrestri minacciati di estinzione in California possono beneficiare di protezioni ai sensi del CESA.

Passi legislativi

Siamo orgogliosi sostenitori della legislazione proposta per creare il Western Riverside National Wildlife Refuge nella contea di Riverside, che è una delle regioni in più rapida crescita della nazione. Tra il 2001 e il 2017, la California ha perso più di un milione di acri di terre selvagge a causa di progetti di costruzione, sottolineando il crescente valore dello spazio aperto. I senatori Dianne Feinstein e Alex Padilla hanno presentato il disegno di legge che, se approvato, creerebbe un rifugio nazionale nel sud della California per proteggere importanti luoghi selvaggi.

Immagine

CBCOM

Sulla scia del successo dell’approvazione dello scorso anno dell’Assemblea Bill 1183, abbiamo celebrato l’istituzione del Desert Conservation Program all’interno del Wildlife Conservation Board. La continua difesa dei difensori quest’anno ha assicurato un finanziamento di 30 milioni di dollari oltre a personale dedicato per questo importante programma, che porterà nuovi investimenti di conservazione tanto necessari nella regione desertica.

I difensori si muovono in California

Nel 2022, abbiamo salutato e celebrato il lavoro della nostra consulente per le politiche idriche di lunga data, Rachel Zwillinger, e della California Program Associate, Monica LeFlore. Continuiamo ad apprezzare il loro contributo alla conservazione delle specie e degli habitat in pericolo in California. Quest’anno abbiamo anche dato il benvenuto a due nuovi membri dello staff della California: il rappresentante senior della California Sophia Markowska e il consulente per le politiche idriche Ashley Overhouse. Entrambi hanno toccato il suolo correndo.

Nel prossimo anno, il piccolo ma potente team californiano di Defenders continuerà a difendere le specie a rischio e gli habitat necessari per il recupero delle popolazioni selvatiche. E lavoreremo diligentemente per approvare politiche di protezione e garantire le migliori pratiche da parte del governo statale e federale per la conservazione della biodiversità.