Inquinamento, uno dei cinque driver della perdita di biodiversità

72

Questa settimana parteciperò alla Conferenza delle Parti della Convenzione sulla Diversità Biologica a Montreal. Mi fa pensare a come siamo arrivati ​​a questo punto, in cui questo incontro globale riunisce paesi e organizzazioni di tutto il mondo per discutere della crisi della biodiversità. Siamo arrivati ​​qui grazie a cinque fattori di estinzione, di cui l’inquinamento è una delle cause più insidiose.

Immagine

Negli ultimi 50 anni, il mondo naturale ha registrato tassi di cambiamento senza precedenti con implicazioni devastanti. Oggi, circa un milione di specie sono a rischio di estinzione a livello globale e i servizi ecosistemici integralmente collegati, dal tamponamento delle malattie all’impollinazione, sono a rischio di perdita. I cinque maggiori fattori di perdita di biodiversità con il maggiore impatto globale sono: i cambiamenti nell’uso del suolo e del mare; sfruttamento diretto di organismi; cambiamento climatico; inquinamento; e specie invasive. Questi driver sono in gran parte il risultato di valori e comportamenti sociali sottostanti. Se non affrontati, si prevede che continueranno o aumenteranno il loro impatto dannoso. È necessaria un’azione di trasformazione per alleviare queste minacce e il declino delle specie a cui contribuiscono.

Sostanze chimiche tossiche, rumore e la difficile situazione delle orche residenti nel sud

L’inquinamento è un importante fattore di cambiamento in tutti gli ecosistemi, con effetti particolarmente devastanti sugli habitat di acqua dolce e marini. Molti tipi di inquinamento – aria, acqua e suolo, tra gli altri – sono in aumento, con impatti negativi per la natura. Le emissioni di gas serra, i fertilizzanti agricoli, i rifiuti di plastica, le fuoriuscite di petrolio e molte altre fonti di inquinamento hanno avuto forti effetti negativi sul suolo, sull’acqua dolce, sugli oceani e sull’atmosfera da cui dipendono la fauna selvatica e le persone. I contaminanti, l’eccesso di luce e il rumore minacciano direttamente o indirettamente molte specie, nonché la salute e il benessere umano. Al momento dell’elenco come “minacciato” o “in pericolo” ai sensi dell’Endangered Species Act degli Stati Uniti, più di 430 specie sono state significativamente colpite dall’inquinamento.

Immagine

Greg Gobel

Le orche assassine, o orche, sono una specie iconica del nord-ovest del Pacifico. Non solo le orche sono i principali predatori e le specie chiave per gli ecosistemi locali, ma sono anche culturalmente ed economicamente importanti. L’industria dell’osservazione delle orche sostiene ogni anno attività economiche per un valore di oltre 216 milioni di dollari nella regione del Mar Salish, generando annualmente più di 12 milioni di dollari di entrate fiscali statali e locali e sostenendo oltre 1.800 posti di lavoro. I Lhaq’temish, o Lummi Nation, sono una delle tante tribù costiere di nativi americani che hanno una lunga connessione storica e/o spirituale con le orche. Il popolo Lummi si riferisce alle balene come “qwe ‘lhol mechen” o “persone che vivono sott’acqua”. Hanno un posto speciale nelle tradizioni e nella cultura della regione.

La popolazione di orche del sud residente, che si trova nelle acque del nord dello Stato di Washington e della Columbia Britannica meridionale, è stata elencata per la prima volta come “in pericolo” nel 2005 ai sensi dell’Endangered Species Act degli Stati Uniti ed è elencata come “impoverita” ai sensi del Marine Mammal Protection Act. Nonostante abbia ricevuto la protezione federale, la popolazione è ancora bassa: solo 73 individui (a settembre 2022). Ci sono molti fattori che hanno impedito a queste balene di riprendersi e uno dei problemi principali è l’inquinamento, sia da inquinanti chimici che da inquinamento acustico.

Immagine

NOAA/SWFSC, SR3 e il Coastal Ocean Research Institute

A livello globale, le popolazioni di orche assassine che si trovano nei mari più inquinati – intorno a Giappone, Brasile, Regno Unito e nel nord-ovest del Pacifico – stanno tendendo al collasso. Essendo un predatore in questo ecosistema marino, le orche si trovano in cima alla rete alimentare. Sfortunatamente, questo significa anche che le orche sono vulnerabili alle sostanze chimiche industriali tossiche che possono accumularsi nel loro grasso. Dal plancton al salmone chinook carnivoro che sono prede essenziali per le orche, la quantità di inquinanti nei tessuti delle specie preda lungo l’intera catena alimentare aumenta e si amplifica nei predatori in un processo chiamato bioaccumulo. I livelli più alti si trovano nei tessuti del predatore apicale: qui, che significa orche.

Il tipo più tossico di inquinanti trovati nelle orche sono gli inquinanti organici persistenti o POP. Alcuni dei peggiori POP includono policlorobifenili (PCB – utilizzati in apparecchiature elettriche e attrezzature militari come sottomarini), eteri di difenile polibromurato (PBDE – comunemente usati come ritardanti di fiamma), diclorodifeniltricloroetano (DDT – un insetticida storicamente utilizzato nella silvicoltura e nell’agricoltura), e diossine e furani (sottoprodotti della combustione di plastica, legno e combustibili fossili). Questi inquinanti si accumulano nello strato di grasso grasso delle balene. Quando l’approvvigionamento alimentare diminuisce, come durante i periodi di scarsa disponibilità di salmone chinook, le balene iniziano a consumare questo strato di grasso, rilasciando anche questi POP tossici. Nelle orche sono stati trovati anche alti livelli di metalli pesanti tossici come mercurio e cadmio.

Anche se i livelli di questi inquinanti non sono abbastanza alti da uccidere direttamente le orche, molti sono dannosi per la loro salute in concentrazioni minori; ad esempio, causano danni al sistema immunitario e rendono gli animali più vulnerabili alle malattie. Inoltre, queste sostanze chimiche possono influenzare il sistema riproduttivo, aumentando la probabilità di gravidanze non riuscite o riducendo la probabilità di concepimento. Poiché alcuni di questi inquinanti sono liposolubili, possono essere trasmessi dalla madre al vitello attraverso il latte. Ciò ha purtroppo contribuito al mancato recupero della popolazione residente del sud, poiché i vitelli primogeniti ricevono la più alta dose di tossine e quasi inevitabilmente muoiono. Un basso tasso di riproduzione e un alto tasso di mortalità infantile, entrambi esacerbati dai contaminanti, significano che le popolazioni di orche potrebbero continuare a diminuire.

Immagine

NMFS

Per i residenti del sud, l’inquinamento non è solo sotto forma di sostanze chimiche. È anche rumore subacqueo. Gli affollati canali di navigazione del Pacifico nord-occidentale risuonano di suoni che possono soffocare i richiami delle orche, il che significa che spesso devono “urlare” per farsi sentire. Questo aggiunge un altro fattore di stress a questa popolazione già in pericolo. Tuttavia, lo Stato di Washington ha recentemente messo in atto leggi che richiedono a tutte le navi di rimanere ad almeno 300 iarde dalle orche residenti nel sud e ad almeno 400 iarde dal percorso delle balene. Tutte le navi devono anche ridurre la loro velocità (a 7 nodi) entro mezzo miglio dalle balene. Inoltre, le leggi aggiungono alcune restrizioni al traffico commerciale di osservazione delle balene, inclusa una “zona vietata” per l’osservazione delle balene a ovest dell’isola di San Juan. Ciò ha contribuito a ridurre almeno un tipo di inquinante che minaccia questa popolazione in via di estinzione.

Le orche del Pacifico nord-occidentale sono un grande e carismatico esempio di specie il cui recupero è minacciato dall’inquinamento. Ma ci sono molte altre specie che vengono uccise, o la cui salute è compromessa, dall’inquinamento. Dalle tartarughe marine e le balene franche che rimangono impigliate negli attrezzi da pesca abbandonati, ai pesci e agli uccelli marini con lo stomaco pieno di frammenti di plastica, alle rane che assorbono sostanze chimiche tossiche nell’acqua dello stagno, ai pesticidi che decimano le popolazioni di api e insetti impollinatori. Abbiamo urgente bisogno di ridurre questo flusso di inquinanti per salvare la biodiversità.

Immagine

In Jane Bull

Stabilire una strategia nazionale per la biodiversità

Gli Stati Uniti non dispongono di un approccio globale e coordinato per affrontare l’inquinamento e i cinque fattori principali della crisi della biodiversità. In tutto il mondo, altri 194 paesi hanno sviluppato forme di strategia nazionale per la biodiversità. Una strategia nazionale sulla biodiversità affronterebbe la crisi dell’estinzione richiedendo un uso più efficace e coordinato di leggi e politiche per proteggere la biodiversità e invertire il suo declino, riaffermando nel contempo la leadership internazionale degli Stati Uniti alla Conferenza delle parti della Convenzione sulla diversità biologica di quest’anno, in corso adesso.

È tempo che l’America guidi, per dimostrare come possiamo vivere in armonia con la natura e rispettare il nostro ambiente. Non possiamo pensare a una tabella di marcia più importante verso un futuro sostenibile di una strategia nazionale globale sulla biodiversità. Ci aiuterà a stabilire le priorità e salvaguardare le risorse naturali che sono fondamentali per la sopravvivenza dell’umanità.

Il momento di investire nel nostro pianeta è ora, prima che sia troppo tardi.