Isolata Killer Whale Ora l’orca più solitaria del mondo, Sanctuary potrebbe salvarla

62

L’isolata orca assassina tenuta in un parco a tema per oltre un decennio è ora soprannominata “l’orca più solitaria” del mondo. Gli esperti ritengono che un santuario sia il posto migliore per lei.

Il parco divertimenti e lo zoo a tema MarineLand a Niagara Falls, Ontario, ospita l’orca assassina conosciuta come Kiska. Dopo essere stata imprigionata per 43 anni, è rimasta nella sua vasca da sola negli ultimi 11 anni.

Mentre era in cattività, Kiska diede alla luce cinque vitelli, che vissero tutti una vita breve. Il più breve visse solo due mesi e anche il più longevo visse solo sei anni. In natura le orche vivono normalmente dai 30 ai 50 anni; tuttavia, se tenuti in cattività, le loro vite sono molto più brevi.

Le orche e le loro vite sociali

L’elevata intelligenza e le complesse strutture sociali delle orche sono ben note. A loro appartiene una delle menti più grandi e sofisticate del regno animale.

Uno studio del 2019 ha affermato che sono al terzo posto tra le specie di mammiferi acquatici noti come cetacei, che includono balene, delfini e focene, che sono tenuti in acquari e parchi a tema marini in diversi angoli del mondo. Lo studio ha esaminato gli impatti negativi del tenere questi animali in cattività.

In vasche di cemento, le orche sono tenute in gran numero in tutto il mondo. Molti di loro, come Kiska, sono stati tenuti prigionieri per anni o addirittura decenni.

Gli autori dello studio affermano che prove crescenti indicano che sia le orche in cattività catturate in natura sia quelle nate e cresciute in cattività non possono sopravvivere in condizioni così innaturali.

Secondo l’autore dello studio, le orche in cattività mostrano una varietà di comportamenti anormali e spesso muoiono in giovane età a causa di infezioni e altre malattie rare in natura. Hanno affermato che, poiché gli animali sono stati alloggiati in vasche di cemento, potrebbero sperimentare uno stress cronico.

Lori Marino, il fondatore del Whale Sanctuary Project, ha affermato che nessuna delle balene può prosperare nonostante le “vaste” variazioni individuali su come ognuna sopravvive anni in una vasca di cemento. Marino è anche autore dello studio.

Leggi anche: [VIDEO] Orca mostra una tecnica di caccia antica e rara per catturare e uccidere la sua preda in Antartide

La condizione di Kiska

Marino ha detto che alcune orche in cattività, come Kiska, vivono più a lungo della media, ma ciò non significa necessariamente che sia in buona salute. Le orche sono animali molto socievoli, ma Kiska vive da sola da 11 anni. Questo è l’equivalente della tortura.

Marino ha continuato dicendo che Kiska aveva cinque figli, tutti morti prima di raggiungere l’età adulta. Dato quanto le orche apprezzino da vicino i loro rapporti familiari, in particolare quelli tra madri e piccoli, questa esperienza per lei è stata probabilmente molto traumatica.

Ha affermato che Kiska ha nuotato in un’area specifica del suo recinto e agitato il suo corpo lì per anni, il che è una stereotipia o altrimenti noto come comportamento ripetitivo anormale.

Gli stereotipi si riferiscono sempre allo stress. Sono prevalenti nelle orche emotivamente disturbate così come in altri animali e sono un sintomo di danno neurale in aree specifiche del cervello.

Anche i denti di Kiska si sono consumati fino al bordo gengivale. I cetacei tenuti in cattività, come le orche, mostrano spesso questa stereotipia orale. Le sue condizioni fisiche non sono ben comprese perché MarineLand è riservato al riguardo. Il suo benessere è molto basso.

Il 2019 ha visto il Canada approvare lo storico disegno di legge S-203, che vieta l’allevamento, l’allevamento e il commercio di cetacei per l’intrattenimento. Fanno eccezione i cetacei già in cattività, come Kiska, che aveva circa tre anni quando fu portata in cattività nel mare d’Islanda nell’ottobre 1979.

Secondo l’organizzazione no-profit Orca Rescues Foundation, le orche non sono destinate a vivere da sole. Dipendono l’uno dall’altro non solo per la sopravvivenza, ma anche per la loro salute emotiva e mentale. Le persone che l’hanno osservata nel corso degli anni l’hanno descritta come dotata di un comportamento disinteressato, svogliato e ripetitivo.

Spesso galleggia in superficie e fa il giro del suo serbatoio vuoto nella direzione opposta. Si dice che i suoi denti, o la loro mancanza, siano nelle peggiori condizioni di qualsiasi orca tenuta in cattività.

Santuario di 100 acri in Nuova Scozia

Marino e altri sostenitori del benessere degli animali stanno ora sperando che Kiska possa prima o poi essere ritirata e trasferita in un santuario di 100 acri in Nuova Scozia in costruzione dal Progetto Santuario delle balene per orche e balene beluga in cattività. Il santuario mira a far traslocare i suoi primi occupanti entro la fine del prossimo anno, secondo Marino.

Secondo Marino, la vita futura di Kiska nel santuario – o in qualsiasi vero santuario per i cetacei – sarebbe molto diversa dall’essere esposta in una vasca di cemento.

In termini di un ambiente naturale oceanico in cui avrebbe spazio per nuotare e un ambiente naturale sofisticato con cui interagire, il santuario darebbe a Kiska più di ciò di cui ha bisogno come un’orca. Non avrebbe dovuto occuparsi di scambi con il pubblico in generale e il benessere dell’orca sarebbe la massima priorità del santuario, riferisce Newsweek.

Articolo correlato: Tilikum: la triste storia dell’orca assassina di SeaWorld che ha ucciso violentemente 3 persone

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.