La balena dal becco di Cuvier stabilisce un nuovo record per l'immersione più lunga

658

Per battere il record di immersione più lunga di un mammifero marino, fai un respiro profondo e tuffati in acqua. Quindi non inspirare di nuovo per quasi quattro ore.

Le balene dal becco di Cuvier (Ziphius cavirostris) sono maestri subacquei (SN: 21/08/18). Le creature non solo detengono il record per l'immersione più profonda di un mammifero marino – che misura quasi 3.000 metri – ma anche per le immersioni più lunghe. Nel 2014, gli scienziati hanno documentato un'immersione che è durata poco più di due ore a 137,5 minuti, stabilendo un record. Un'altra balena dal becco di Cuvier ha ora infranto quel record, andando a 222 minuti, o tre ore e 42 minuti, senza prendere aria, i ricercatori riportano il 23 settembre sul Journal of Experimental Biology.

Per durare così a lungo sott'acqua, i mammiferi possono fare affidamento su grandi riserve di ossigeno e un metabolismo lento. Una volta che l'ossigeno si esaurisce, gli animali possono avere la capacità di tollerare l'accumulo di acido lattico nei muscoli dalla respirazione anaerobica, un metodo per generare energia che non si basa sull'ossigeno. "Questi ragazzi infrangono le nostre aspettative", afferma Nicola Quick, un comportamentista degli animali presso il laboratorio marino della Duke University di Beaufort, N.C.

I calcoli basati sulle riserve di ossigeno di una foca e sui limiti di tempo di immersione hanno suggerito che le balene dovrebbero durare solo circa mezz'ora prima di rimanere senza ossigeno. Le foche possono superare il loro limite circa il 5% delle volte, quindi il team di Quick ha analizzato 3.680 immersioni di 23 balene. Sebbene la maggior parte delle immersioni sia durata circa un'ora, il 5% ha superato i 78 minuti circa, suggerendo che ci vuole più del doppio del tempo previsto per le balene per passare alla respirazione anaerobica.

I ricercatori si aspettavano di scoprire che le balene trascorrono più tempo in superficie a riprendersi dopo lunghe immersioni, ma il team non ha visto uno schema chiaro. “Ne sappiamo molto poco [the whales] affatto ", dice Quick," il che è interessante e frustrante allo stesso tempo ".