La balena dal becco morta con strane ferite si lava su una spiaggia della California

32

Di recente una balena dal becco morta si è riversata su una spiaggia della California e gli esperti non sono sicuri a quale specie appartenga la carcassa di balena simile a un delfino.

Il cadavere apparteneva a un tipo raramente visto di specie di balena dal becco, che sono membri della famiglia Ziphiidae.

L’incidente si è aggiunto al numero crescente di spiaggiamenti di delfini e balene in tutto il mondo.

Sebbene i casi correlati siano stati attribuiti a scioperi di navi o tempeste, il caso del cetaceo morto sulla spiaggia della California è considerato unico poiché gli scienziati sono anche all’oscuro di come sia morto l’animale marino o cosa abbia causato le sue ferite.

Misteriosa balena dal becco morta

(Foto: foto di Carl Court/Getty Images)

I rapporti sulla misteriosa balena dal becco morta sono emersi dopo che è stata trovata per la prima volta da un passante lungo la costa di Mendocino presso la Jug Handle State Natural Reserve vicino alla città di Fort Bragg, in California, il 15 maggio.

I membri del vicino Noyo Center for Marine Science (Noyo Center) hanno recuperato il corpo del mammifero marino con l’aiuto degli scienziati della California Academy of Sciences (CAS) a San Francisco, in California.

Per ulteriori analisi, entrambe le istituzioni hanno raccolto il tessuto adiposo vascolarizzato della balena dal becco chiamato “blubber”, così come i suoi vari organi e il suo cranio alla National Marine Mammal Tissue Bank di Charleston, nella Carolina del Sud.

Leggi anche: Tour in barca colpisce la balena al largo della costa del Messico; Sei persone ferite

Gruppo e specie di balene

Secondo un post su Facebook del Noyo Center il 17 maggio, la creatura marina lunga 16 piedi è stata identificata come una balena dal becco raramente vista, che è un gruppo di specie di cetacei come delfini, focene e altri tipi di balene.

L’organizzazione ha anche sottolineato la capacità delle balene dal becco di vivere in “ambienti di acque profonde” e di immergersi in subacquei rispetto a qualsiasi mammifero marino conosciuto, rendendoli difficili da studiare.

Poiché la famiglia nota della balena dal becco è già nota, gli scienziati hanno ipotizzato che l’enorme creatura marina possa riferirsi a due dozzine di specie di Ziphiidae, tra cui la balena dal becco di Cuvier (Ziphius cavirostris) e la balena dal becco di Baird (Berardius bairdii).

Tuttavia, la carcassa dilavata sulla spiaggia della California potrebbe appartenere ad altre specie conosciute di balena dal becco come la balena dal becco di Hubb (Mesoplodon carihubbsi) o la balena dal becco di Stejneger (Mesopodon stejnegeri), secondo Moe Flannery, un responsabile delle collezioni senior del CAS, che ha detto agenzia di stampa locale SFGate.

Inoltre, il misterioso animale può anche essere una balena dal becco dai denti di ginkgo (Mesoplodon ginkgodens) o una balena dal becco pigmeo (Mesoplodon peruvianus), secondo Sascha Hooker, un biologo di mammiferi marini dell’Università di St. Andrews in Scozia, in un e-mail, inviata a Live Science.

Sciopero della nave

L’ambiguità riguardo all’identità tassonomica della balena spiaggiata o di altri animali marini è comune in alcuni casi, soprattutto se le loro caratteristiche morfologiche sono simili ad altre specie.

Tornando all’esemplare lavato sulla costa di Mendocino, gli scienziati avrebbero associato le misteriose ferite sul viso e i segni di graffi sul suo corpo da uno sciopero di una nave o di una nave.

Secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration Fisheries (NOAA Fisheries), gli scioperi delle navi hanno ferito 37 balene lungo la costa atlantica degli Stati Uniti, del Canada e del Golfo del Messico lungo la costa atlantica tra il 2010 e il 2014.

Nel frattempo, incidenti simili si verificano anche in altre parti del mondo, soprattutto dove le attività marittime sono elevate.

Articolo correlato: NOAA: 41 megattere muoiono misteriosamente lungo la costa atlantica

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.