La bellezza e l’opportunità delle grandi pianure americane

76

Dirigiamoci verso le Grandi Pianure del Colorado meridionale, in un’immensa prateria di erba bassa occidentale dedicata alla fauna selvatica più selvaggia e rara. I 43.000 acri Heartland Ranch Nature Preserve del Southern Plains Land Trust (SPLT) è una ricca prateria, protetta in modo che le specie autoctone delle pianure possano prosperare ancora una volta. È qui che senti un tutt’uno con la natura, con i cieli azzurri e un mare di praterie ondulate. Un falco ferruginoso siede su un paletto. Un toro bisonte grugnisce mentre sguazza nella terra e un furetto dai piedi neri dorme profondamente nella sua tana sotterranea. Via, al Southern Plains Land Trust, un Serengeti americano.

Immagine

Jennifer Gooden/SPLT

Con aree protette come questa arrivano gli animali che possono tornare ad abitare la prateria, insieme a erbe sane e forbs (piante che forniscono cibo agli animali al pascolo). Le specie delle pianure sono tornate in queste pianure meridionali grazie a pionieri della fauna selvatica e gestori di riserve come Nicole Rosmarino e Jay Tutchton (Colorado Parks and Wildlife Commissioner). Più di un decennio fa, insieme a una manciata di loro amici ambientalisti, sognavano di acquistare praterie nel sud del Colorado per la conservazione della fauna selvatica. Quel sogno è stato realizzato nel 1998 con l’istituzione di SPLT, un’organizzazione senza scopo di lucro e un consiglio dedicato alla creazione di una rete di riserve di praterie a erba corta progettate per “assicurare un futuro a tutti gli animali e le piante autoctone”.

Oggi questo ha significato la reintroduzione di successo (rilasciata proprio questo mese) di 30 furetti dai piedi neri (BFF) in via di estinzione da parte del Fish and Wildlife Service (FWS) degli Stati Uniti, Great Outdoors Colorado, Summerlee Foundation e altri. Defenders of Wildlife è stato un partner importante con SPLT nei loro sforzi per costruire l’habitat dei cani della prateria necessario per far prosperare i migliori amici, ora a quasi 2.000 acri attivi. La partnership ha anche significato che i bisonti selvatici possono ancora una volta vagare in questa parte del sud del Colorado.

Immagine

Difensori della fauna selvatica

Il direttore di Defenders Rockies and Plains Jonathan Proctor e il rappresentante senior Chamois Andersen rilasciano una femmina di furetto dai piedi neri su SPLT.

La crescente mandria di bisonti da conservazione di SPLT, attualmente composta da 32 animali – tori, cuccioli di un anno, mucche e vitelli – è una delle tante mandrie che sono state istituite, dal punto di vista ecologico, per ripristinare le popolazioni di bisonti delle pianure. Queste mandrie di conservazione stanno contribuendo a una metapopolazione (una rete di popolazioni) di bisonti, gestita come fauna selvatica invece che come bestiame domestico, e in mandrie che vanno dal Canada al Messico. In totale, ci sono circa 50.000 bisonti selvatici nelle mandrie dei parchi nazionali, nelle mandrie culturali tribali e nelle riserve come l’SPLT.

Il bisonte qui porta anche i geni del bisonte selvatico ancestrale del Parco Nazionale di Yellowstone. La genetica è una considerazione importante quando si stabiliscono popolazioni di bisonti sane sulla terraferma. Anche i bisonti di Yellowstone vengono resi disponibili per avviare mandrie di bufali tribali. Questo grazie a una partnership tra il Parco nazionale di Yellowstone e le tribù Assiniboine e Sioux di Fort Peck, nel Montana, che funge da centro di smistamento per gli animali per ricevere i test finali sulle malattie prima di essere inviati alle tribù in tutto l’Occidente. Le terre tribali e le terre di riserva dedicate come SPLT rappresentano circa la metà dei bisonti selvatici nelle pianure, oltre 25.000 animali.

Immagine

Difensori della fauna selvatica

Il gestore della riserva Jay Tutchton indica gli acri appena acquisiti della Heartland Ranch Nature Preserve.

La mandria di bisonti della SPLT abiterà presto circa 43.000 acri della Heartland Ranch Nature Preserve, grazie al duro lavoro di Rosmarino e Tutchton. Hanno mediato contratti di terra e ottenuto sovvenzioni dalla National Fish and Wildlife Foundation, e hanno unito questi sforzi con generose donazioni e sovvenzioni assegnate a Defenders of Wildlife per la protezione di grandi paesaggi per la fauna selvatica delle pianure native.

Più di recente, i difensori hanno acquisito un’importante sovvenzione per l’assistenza all’espansione dell’Heartland Ranch Nature Preserve, dove ora il branco di bisonti ha un habitat aggiuntivo a cui accedere, e con fondi dedicati all’acquisto e all’installazione della necessaria recinzione perimetrale dei bisonti che sia anche rispettosa della fauna selvatica . Questa scherma specializzata avvantaggia anche l’antilope Pronghorn, ad esempio, poiché possono passare sotto il primo filo creando un passaggio sicuro con i loro movimenti.

Immagine

Kerry Hargrove/iStockphoto

Un’altra vittoria per SPLT è derivata dall’obiettivo di reintrodurre i furetti dai piedi neri in questo paesaggio. Questi piccoli carnivori sono una delle specie più a rischio di estinzione in tutto il Nord America, ne rimangono solo circa 400 allo stato selvatico. Luoghi come SPLT, aggiungendo un altro sito alla rete di luoghi di ripristino e rilascio di BFF di FWS, pagheranno i dividendi per gli sforzi complessivi di recupero. Più furetti nati in natura su grandi paesaggi protetti, è quello che ci vuole. Ma ciò che è fondamentale per tutti i siti è un habitat adeguato per i cani della prateria: i cani della prateria sono le principali specie di prede della migliore amica. Ciò ha richiesto all’SPLT, negli ultimi cinque anni, di rafforzare le popolazioni di cani della prateria conducendo sforzi per mitigare la peste.

La peste silvestre, causata dal batterio Yersinia pestis, è una malattia trasmessa dalle pulci. Quando emerge nelle praterie, può spazzare via intere città di cani della prateria. Anche i furetti sono sensibili. Tenere a bada questa malattia, e quindi i cani della prateria sani per i furetti, significa operazioni annuali di spolveratura di insetticidi (“Delta dust” contenente deltametrina), che vengono utilizzate per controllare la diffusione delle pulci. L’applicazione di insetticida a ogni singola tana su un sito di furetti è necessaria per mantenere sani i cani della prateria come prede per i furetti e una miriade di altri animali selvatici che dipendono da loro. Il mantenimento delle popolazioni di cani della prateria comporta anche la diffusione di pellet commestibili, creati come vaccini ingeribili per i cani della prateria, intorno alle tane e la vaccinazione dei furetti dopo averli intrappolati durante l’indagine annuale e gli sforzi di monitoraggio. Tutti questi sforzi per il BFF in via di estinzione e per le specie chiave come il cane della prateria significano un rigoglioso habitat di prateria, che è ciò che ha creato SPLT, con ogni animale che svolge un ruolo vitale nell’ecosistema. Ciò include anche il ripristino di aree di valore acquatico nella riserva, come alcuni dei corsi d’acqua aperti tutto l’anno della proprietà.

Immagine

Difensori della fauna selvatica

I difensori hanno piantato salici e pioppi per ripristinare gli habitat acquatici su SPLT.

I difensori hanno fornito allo SPLT finanziamenti e competenze per creare e migliorare l’habitat acquatico ripristinando le zone ripariali (l’interfaccia tra la terra e un fiume o un ruscello) in diverse località chiave della Heartland Ranch Nature Preserve. Ciò è consistito nel piantare piantine di salice in due sezioni di ruscello. In pochi anni, con un buon insediamento e piantagioni supplementari, queste piantine creeranno le condizioni favorevoli al futuro trasferimento dei castori nelle terre SPLT. I castori, a loro volta, creeranno e miglioreranno un habitat ancora più acquatico per numerose specie dipendenti dall’acqua. Inoltre, i difensori hanno installato 120 BDA (one-rock beaver dim analoghi) e altre strutture di controllo dell’erosione sui terreni SPLT. Questi agiranno per rallentare il flusso dell’acqua, trattenendo i sedimenti e avviando il processo di trasformazione di un canale inciso che limita il flusso d’acqua, in una pianura alluvionale, diffondendo così l’acqua attraverso la superficie terrestre, creando ulteriori habitat fluviali e fluviali per naturali e rivegetazione assistita.

Con habitat terrestri e acquatici che supportano una diversità di specie qui nella Heartland Ranch Nature Preserve, l’SPLT è diventato un modello nel recupero della fauna selvatica delle pianure native. E con questa ambientazione, così remota e tranquilla, eppure brulicante di vita, c’è un vecchio detto che suona vero, “mentre il mio cuore sono le montagne, la mia anima è nella prateria”. Praterie come queste sono indimenticabili.