La capacità dei pipistrelli di combattere i virus e controllare l'infiammazione fornisce spunti per combattere COVID-19

90

17 luglio 2020 09:10 EDT

La longevità dei pipistrelli e la loro capacità di combattere i virus li aiutano a controllare l'infiammazione, fornendo agli scienziati approfondimenti sui possibili strumenti per combattere COVID-19.

I pipistrelli sono stati implicati in molti agenti patogeni nuovi e anche più vecchi che affliggono l'umanità. Questi includono rabbia, Ebola e SARS-nCoV-2, che causa COVID-19. È stato osservato che i pipistrelli hanno una notevole resistenza a questi virus. Inoltre, hanno una durata di vita più lunga rispetto ai mammiferi di dimensioni simili.

I ricercatori hanno pubblicato un articolo su Cell Metabolism che illustra le abilità e i meccanismi unici dei pipistrelli e come possono aiutare a sviluppare trattamenti per le malattie umane. Gli autori sono i professori di biologia Andrei Seluanov e Vera Gorbunova dell'Università di Rochester e Brian Kennedy, direttore del Centro per l'invecchiamento sano dell'Università Nazionale di Singapore.

Si pensa che l'agente eziologico COVID-19, SARS-nCoV-2, insieme a una miriade di altri virus, provenga da pipistrelli, che fungono da portatori; i pipistrelli stessi non sembrano sviluppare malattie da esso. Inoltre, molte specie di pipistrelli hanno una durata di vita compresa tra 30 e 40 anni, il che è insolito per le loro piccole dimensioni, poiché gli animali più piccoli tendono a vivere vite più brevi. Gorbunova afferma che la resistenza dei pipistrelli alle infezioni può essere collegata alla loro lunga vita. Questo potrebbe fornire indizi sulla formulazione del trattamento umano.

Gli studi dei ricercatori hanno anche mostrato il ruolo dell'infiammazione nelle malattie legate all'età e nell'invecchiamento. Tali malattie includono l'Alzheimer, le malattie cardiovascolari e il cancro. Anche virus come COVID-19 possono causare infiammazioni. Gorbunova afferma che l'infiammazione potrebbe essere il fattore che uccide i pazienti COVID-19.

Gorbunova afferma che il sistema immunitario utilizza l'infiammazione e la febbre per combattere le infezioni virali e batteriche, ma queste risposte possono anche reagire in modo eccessivo e rappresentare un pericolo per il corpo stesso.

A differenza di noi, i pipistrelli hanno meccanismi che inibiscono la replicazione virale e smorzano le risposte immunitarie alle infezioni virali. Ciò provoca una reazione corporea ottimale, in cui i virus sono controllati con poca risposta infiammatoria.

Gli autori dello studio affermano che vari fattori potrebbero contribuire all'evoluzione della resistenza e della longevità alla malattia dei pipistrelli. Il volo potrebbe essere un fattore in quanto consente ai pipistrelli di adattarsi al rapido aumento della temperatura corporea, ai danni molecolari e agli sbalzi metabolici improvvisi. Tali adattamenti sono utili per combattere le malattie.

L'ambiente potrebbe essere un altro fattore. Le colonie di pipistrelli dense e grandi sono il luogo perfetto per la trasmissione di malattie. Questa costante esposizione ai virus fa sì che il sistema immunitario dei pipistrelli sia sempre attivo in una guerra perpetua con gli agenti patogeni. Il loro sistema immunitario è sempre impegnato a sviluppare meccanismi per combattere nuovi agenti patogeni che entrano regolarmente in contatto con loro e con le loro colonie. Gorbunova afferma che il più forte fattore adattativo o evolutivo della resistenza alle malattie è una guerra costante contro gli organismi patogeni. Affrontare così tanti virus, dice, potrebbe sviluppare una migliore immunità e una durata di vita più lunga.

Tale evoluzione si sviluppa nel corso di migliaia o milioni di anni e non funzionerà per l'adattamento umano a COVID-19. Solo di recente gli esseri umani si sono riuniti in città congestionate o hanno sviluppato frequenti viaggi nel mondo. Gli esseri umani semplicemente non hanno sviluppato i complessi meccanismi dei pipistrelli. Gorbunova afferma che i nostri corpi possono rispondere a tali agenti patogeni con maggiore infiammazione.

Gli autori dello studio ritengono inoltre che l'invecchiamento possa esacerbare gli effetti dannosi del COVID-19 sugli esseri umani. Gorbunova afferma che la patogenesi della malattia è diversa negli anziani.

Gli autori dello studio ritengono che lo studio del sistema immunitario del pipistrello fornirà nuove terapie contro l'invecchiamento e le malattie degli esseri umani. Un possibile obiettivo della ricerca è l'inibizione nell'uomo di geni che causano infiammazione; questi geni sono stati eliminati nei pipistrelli.

© 2018 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza autorizzazione.