La convivenza con gli orsi è possibile grazie al programma di scherma elettrica dei Defenders in Alaska

55

Di Isabel Grant, Ufficio sul campo dell’Alaska

Nel corso della storia, l’attività umana ha causato un diffuso declino ed estinzione delle specie. Il cambiamento climatico, lo sfruttamento delle risorse naturali, l’inquinamento e la deforestazione hanno ridotto l’habitat vitale, destabilizzato gli ecosistemi e creato l’attuale crisi della biodiversità. Gli esseri umani sono stati così determinanti nel plasmare il mondo attuale che gli scienziati hanno soprannominato il nostro tempo presente l’Antropocene. Il nome è una classificazione del tempo geologico e riflette la convinzione che tra un millennio, gli strati rocciosi della terra mostreranno una chiara differenza tra il tempo prima dell’uomo e il tempo dopo.

Possedere un potere e un’influenza sul mondo naturale, così profondi che la sua esistenza sarà probabilmente radicata nella geologia della terra, comporta responsabilità. Potremmo aver catalizzato il declino di molte specie, ma siamo ancora in grado di prevenire o invertire queste tendenze. La perdita di habitat è la principale causa del declino delle specie perché ha molteplici cause ed è spesso la radice del conflitto umano con la fauna selvatica. Sebbene il ripristino dell’habitat perduto per le specie vulnerabili non sia sempre un’opzione, possiamo migliorare il modo in cui condividiamo il nostro spazio con la fauna selvatica.

Immagine

Ron Niebrugge

In Alaska, le popolazioni di orso nero e bruno sono minacciate da una combinazione di scarsità di cibo e perdita di habitat che portano a conflitti con gli esseri umani. La mortalità causata dall’uomo derivante dal conflitto è il fattore più significativo del declino dell’orso. La scorsa estate, ho lavorato sulla convivenza uomo-orso in Alaska, in particolare nella penisola di Kenai e nel sud-est dell’Alaska. Gli orsi bruni della penisola di Kenai sono una sottospecie di orsi bruni – grizzly per quelli di noi dei 48 inferiori – minacciata da scontri con gli umani. Nel sud-est dell’Alaska, il conflitto con gli orsi neri e bruni ha portato a morti record di orsi negli ultimi anni. La nuova realtà è che gli esseri umani e gli orsi dovranno probabilmente vivere sempre più vicini di quanto entrambi i gruppi preferirebbero. La soluzione migliore per il futuro è la convivenza, una strategia che richiederà una cooperazione diffusa.

Gli orsi fanno parte della vita in Alaska, ma vivere con il più grande predatore del Nord America non è facile. L’allevamento di polli, l’apicoltura e il giardinaggio sono solo alcuni dei modi in cui gli abitanti dell’Alaska si provvedono, ma attirano anche gli orsi nelle loro comunità. Anche coloro che non sono coinvolti nelle attività agricole possono ancora fornire inavvertitamente fonti di cibo agli orsi con trappole per grasso non protette, mangimi per animali domestici e bidoni della spazzatura domestici. Impedire agli orsi di accedere a questi attrattivi è la chiave per ridurre i conflitti. Tuttavia, facilitare la convivenza non significa che le persone debbano perdere aspetti importanti del loro modo di vivere.

Immagine

Ron Niebrugge

In tutto il mondo, le comunità spesso collaborano con le organizzazioni per sviluppare e implementare strategie di convivenza efficaci. Ad esempio, Defenders of Wildlife offre un programma di incentivi per recinzioni elettriche in Alaska. Se installate correttamente, le recinzioni elettriche possono impedire agli orsi di accedere a tutto ciò che si trova all’interno del perimetro. Gli orsi diventano spesso aggressivi nei confronti del cibo, specialmente quando gli umani cercano di mettersi tra loro e il loro pasto. Le recinzioni elettriche possono essere la barriera necessaria che previene lesioni e difende la vita e le uccisioni di proprietà.

Il programma di recinzioni elettriche di Defenders è progettato per prevenire in modo proattivo i conflitti, con la priorità data ai proprietari terrieri con problemi di orsi passati. Vediamo una riduzione diretta dei conflitti uomo-orso e altri animali selvatici nei siti con recinzioni completate che vengono mantenute.

Giunto al suo 11° anno in Defenders, il programma di incentivi per recinzioni elettriche multi-regione ha una comprovata esperienza di successo. Quest’anno il programma ha raggiunto una pietra miliare, contribuendo a completare il suo 500esimo progetto di recinzione elettrica.

Immagine

mezzi di conservazione

Un’altra pietra miliare recente include un’espansione del programma di incentivi per recinzioni elettriche nel sud-est dell’Alaska. Le partnership dei difensori con il Consiglio centrale delle tribù indiane di Tlingit e Haida dell’Alaska, il Dipartimento della pesca e della selvaggina dell’Alaska e il Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti (USDA) hanno reso questa espansione una realtà. L’USDA ha recentemente approvato una sovvenzione per la strategia di sostenibilità dell’Alaska sudorientale sviluppata in collaborazione con il Consiglio centrale di Tlingit e le tribù indiane Haida dell’Alaska. Gli incontri iniziali con i difensori e i rappresentanti di Tlingit e Haida hanno iniziato a determinare le iniziative prioritarie nel sud-est dell’Alaska una volta che i finanziamenti saranno stati rilasciati.

Mentre ci spostiamo nel futuro, la nostra capacità di convivere con la fauna selvatica determinerà la sopravvivenza di molte delle specie del nostro pianeta. La posta in gioco è alta e la coesistenza diffusa richiederà agli esseri umani di tutto il mondo di ridefinire il modo in cui viviamo con la fauna selvatica. Non ti unisci a noi?