La COP27 fa progressi su perdite e danni, ma non riesce a migliorare gli sforzi di mitigazione del cambiamento climatico

76

Il negoziato globale sul clima noto come COP27 (abbreviazione della 27a riunione della Conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici) si è concluso in Egitto la scorsa settimana, senza raggiungere l’ambizioso nuovo accordo sulle emissioni che molti avevano sperato. I paesi non hanno fatto marcia indietro sugli impegni presi alla COP precedente, ma non li hanno nemmeno migliorati in modo significativo. I progressi della riunione sono stati in gran parte limitati ai meccanismi per affrontare le perdite e i danni legati al clima che diventano ogni anno più pronunciati.

Immagine

Krista Schlyer

Il progresso

L’accordo finale, noto come “Piano di attuazione di Sharm El-Sheikh” dal luogo dell’incontro, copre un’ampia gamma di argomenti: scienza e urgenza, mitigazione, adattamento, perdite e danni, allerta precoce e osservazione sistematica, finanza, tecnologia trasferimento, rafforzamento delle capacità, oceani, foreste, equità e azioni di miglioramento delle parti interessate non nazionali. Superando le obiezioni di alcuni Paesi, il testo ribadisce l’obiettivo di “contenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto di 2°C rispetto ai livelli preindustriali e proseguire gli sforzi per limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali livelli”. Ribadendo il linguaggio della COP26, che si è tenuta a Glasgow nel 2021, l’accordo “sottolinea l’urgente necessità di riduzioni immediate, profonde, rapide e sostenute delle emissioni globali di gas a effetto serra entro [countries] in tutti i settori applicabili, anche attraverso l’aumento delle energie rinnovabili e a basse emissioni.

Immagine

Fotografia di Tom Brewster

Forse la migliore notizia della COP27 è stata che questo è stato il primo di questi incontri a dedicare un’intera giornata alla biodiversità. Il documento decisionale riconosce l’interconnessione tra cambiamento climatico e perdita di biodiversità e “l’importanza vitale di proteggere, conservare e ripristinare la natura e gli ecosistemi per un’azione climatica efficace e sostenibile”. Sulla base dei progressi compiuti durante la COP 26, i paesi hanno concordato di “mirare collettivamente a rallentare, arrestare e invertire la copertura forestale e la perdita di carbonio”, con i paesi sviluppati che forniscono sostegno ai paesi in via di sviluppo. Il documento ha riconosciuto per la prima volta le soluzioni basate sulla natura, evidenziandone il potenziale di mitigazione e adattamento. Il presidente entrante del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva, in un voltafaccia dell’amministrazione Bolsonaro, ha annunciato un impegno per la “deforestazione zero” in Brasile, insieme ai piani per creare un ministero nazionale dedicato agli indigeni, che hanno dimostrato migliori amministratori della terra.

L’accordo evidenzia che una trasformazione globale verso un’economia a basse emissioni di carbonio dovrebbe costare 4-6 trilioni di dollari all’anno, richiedendo “una trasformazione del sistema finanziario e delle sue strutture e processi”. Invita le banche di sviluppo e le istituzioni finanziarie a riformare le loro pratiche e priorità per affrontare l’emergenza climatica e invita inoltre i paesi sviluppati a fornire sostegno finanziario e di sviluppo delle capacità per la mitigazione e l’adattamento nei paesi in via di sviluppo.

Immagine

Andrew Lichtenstein/Corbis

Un’altra aggiunta degna di nota è stata richiamare l’attenzione su “l’importanza della transizione verso stili di vita sostenibili e modelli sostenibili di consumo e produzione per gli sforzi per affrontare il cambiamento climatico”. L’ONU ha già rilevato la necessità di passare da un’economia lineare (estrarre-produrre-smaltire) a un’economia circolare (ridurre-riutilizzare-riciclare) per raggiungere obiettivi di sviluppo sostenibile.

La crescente frequenza e gravità degli impatti climatici stanno causando devastanti perdite economiche e non economiche in tutto il mondo. Nell’ultimo giorno della conferenza, le nazioni del mondo hanno concordato di istituire un fondo “perdite e danni” per aiutare i paesi in via di sviluppo vulnerabili ad affrontare gli impatti legati al clima.

Le carenze

Mentre l’accordo ha iniziato ad affrontare i danni del riscaldamento globale e ha dato maggiore importanza agli ecosistemi e alla biodiversità, ha aggiunto poco per quanto riguarda le emissioni di gas serra, attenendosi sostanzialmente a ciò che i paesi hanno concordato l’anno scorso, usando un linguaggio vago con troppa poca ambizione e troppe scappatoie. Ad esempio, l’accordo chiede ai paesi di “accelerare gli sforzi verso la riduzione graduale dell’energia a carbone senza sosta e l’eliminazione graduale dei sussidi inefficienti ai combustibili fossili”. Secondo Carbon Brief, ottanta paesi, inclusi gli Stati Uniti, volevano rafforzare il linguaggio per includere una riduzione graduale di tutti i combustibili fossili (non solo il carbone), ma la presidenza egiziana ha respinto questo testo. E “phase down” è già un impegno più debole di “phase out”. Allo stesso modo, “in conformità con le circostanze nazionali” è usato più volte come clausola, così come un linguaggio debole come “incoraggia” e “inviti a considerare”. Inoltre, le menzioni di energia rinnovabile includono anche energia a “basse emissioni”, che potrebbe essere una scappatoia che consente la continua espansione del gas naturale.

Immagine

Josef Friedhuber/iStockphoto

Tutto sommato, i progressi della COP27 non sono stati sufficienti per limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5°C. Il pianeta è sulla buona strada per riscaldarsi in media da 2,1 a 2,9 °C, secondo le traiettorie basate sulle attuali politiche delle nazioni e sugli impegni di azione per il clima. Ciò indica un futuro segnato da inondazioni più intense, incendi, siccità, ondate di calore ed estinzioni di specie, oltre al superamento della soglia oltre la quale gli scienziati affermano che la probabilità di impatti climatici catastrofici e potenzialmente irreversibili aumenta in modo significativo.

Cosa deve venire dopo

I leader mondiali dovranno fare di meglio alla COP28, che si terrà il prossimo anno negli Emirati Arabi Uniti, soprattutto perché la maggior parte dei paesi non ha ancora mantenuto gli impegni presi alla COP26 di Glasgow.

In una dichiarazione rilasciata al termine della riunione, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che è necessario fare di più per ridurre drasticamente le emissioni ora. “Il mondo ha ancora bisogno di un passo da gigante in termini di ambizione climatica”, ha affermato. “La linea rossa che non dobbiamo oltrepassare è la linea che porta il nostro pianeta oltre il limite di temperatura di 1,5 gradi… Possiamo e dobbiamo vincere questa battaglia per le nostre vite”.

Cosa sai fare?

Esistono numerose opportunità per agire sul clima, la maggior parte delle quali avvantaggia anche la fauna selvatica. Dai un’occhiata all’Hub degli attivisti dei difensori e fatti coinvolgere!