La focena Vaquita della California in via di estinzione potrebbe essere salvata dall’estinzione se smettessimo di pescare illegalmente

48

Gli scienziati che hanno esaminato il DNA della focena vaquita, il cetaceo più piccolo del mondo e l’animale marino più raro del mondo, hanno trovato una scoperta inaspettata e straziante.

(Foto: foto di Paula Olson del NOAA)

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Science.

Leggi anche: Raro delfino di fiume trovato in giro con Anaconda

Geneticamente impegnativo

(Foto: immagine da Alfokrads)

Con solo almeno dieci individui rimasti, gli ambientalisti hanno ritenuto che l’animale fosse a rischio di mutazioni e consanguineità deleterie, così come altre specie con pool genetici limitati.

Tuttavia, un gruppo di ricercatori internazionali dell’Università della California, Los Angeles (UCLA), della National Oceanic and Atmospheric Administration Fisheries (NOAA) e di altre istituzioni hanno scoperto che le focene (Phocoena sinus) hanno meno mutazioni dannose rispetto ad altre specie e sono quindi probabilmente saranno migliori nell’evitare i pericoli della consanguineità.

Purtroppo la pesca illegale con le reti da imbrocco – reti piatte sospese nell’acqua che sono famose per la cattura di balene e tartarughe – è la più grande minaccia per gli animali, che hanno un areale geografico minimo e vivono solo nella parte alta del Golfo di California, tra Baja California e Messico. Gli esperti ritengono improbabile che la specie sopravviva se questo non si ferma prontamente.

“È interessante notare che abbiamo scoperto che la vaquita non è condannata da variabili genetiche, mutazioni così pericolose, che tendono ad affliggere molte altre specie il cui pool genetico si è ridotto in misura comparabile”, ha affermato Christopher Kyriazis, un dottorato di ricerca dell’UCLA. studente in ecologia e co-autore principale dello studio. La minaccia più grave che devono affrontare è la pesca illegale”.

Bracconaggio

I bracconieri utilizzano enormi reti da posta a maglie per cacciare il totoaba, un pesce in via di estinzione che vende migliaia di dollari sul mercato illegale cinese per le sue presunte virtù medicinali. Le piccole focene sono lunghe circa 1,2-1,5 metri (4-5 piedi) e spesso si impigliano e muoiono nelle reti da imbrocco. Mentre la pesca del totoaba e le reti da posta sono vietate nell’habitat della vaquita in Messico, molte persone affermano che la regola non è sempre seguita.

Ricerca genetica

Gli scienziati hanno esaminato i genomi di 20 vaquita vissute tra il 1985 e il 2017 e hanno utilizzato algoritmi per prevedere la loro probabilità di estinzione nei prossimi 50 anni. Hanno determinato che se la pesca con le reti da imbrocco fosse stata interrotta immediatamente, la vaquita aveva buone possibilità di riprendersi dalla caduta della sua popolazione senza subire gli effetti genetici della consanguineità. Tuttavia, se la pratica continua, anche se un po’, le possibilità di recupero sono scarse.

“Una nozione convenzionale nella biologia della conservazione e nella genetica delle popolazioni è che piccole popolazioni potrebbero accumulare mutazioni dannose”, ha affermato Kirk Lohmueller, coautore senior e assistente professore di ecologia dell’UCLA. La nostra scoperta che la popolazione di vaquita ha meno mutazioni gravemente dannose suggerisce che sono in una posizione migliore per sopravvivere alla futura consanguineità, il che è una buona notizia per il loro recupero generale”.

Secondo gli esperti, la vaquita è l’equivalente marino di una specie insulare a causa della sua popolazione e habitat limitati.

Fermare il commercio

Il commercio illegale di totoaba ha ridotto la popolazione da 576 a sette o otto persone nel decennio precedente.

Articolo correlato: I lamantini della Florida stanno morendo di fame nonostante gli sforzi per nutrirsi

Per notizie simili, non dimenticare di seguire Nature World News!

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.