La foresta nazionale di El Yunque e il pappagallo portoricano: una storia di pericolo e perseveranza

2

Due settimane dopo che l’uragano di categoria 5 Irma ha colpito Porto Rico, l’uragano Maria ha travolto il 20 settembre 2017 e ha devastato l’isola, la mia casa. Inondazioni, frane e venti intensi hanno distrutto case, abbattuto alberi, distrutto infrastrutture critiche e ucciso oltre 4.600 persone. Sono stato uno dei fortunati. C’erano giorni in cui io e la mia famiglia trasportavamo litri d’acqua dal fiume e lavavamo i nostri vestiti con delle assi. Senza elettricità, guardare il cielo notturno nella completa oscurità e parlare per ore diventavano attività serali. Ma in mezzo alla tragedia e al caos, il popolo portoricano ha sollevato le nostre comunità, ha spazzato via i detriti e ha consegnato rifornimenti alle aree più colpite.

Ho pensato a come gli uragani hanno avuto un impatto sulle specie in via di estinzione dell’isola come il pappagallo portoricano, uno degli uccelli più a rischio di estinzione al mondo con solo circa 180 in natura prima che gli uragani colpissero. Il pappagallo dipende dalla foresta nazionale di El Yunque nella parte orientale di Porto Rico, l’unica foresta pluviale tropicale del sistema forestale nazionale degli Stati Uniti.

Jan Paul Zegarra, USFWS

Sebbene relativamente piccola a circa 29.000 acri, El Yunque è una delle foreste più biologicamente diverse, fornendo un rifugio per una varietà di flora e fauna, tra cui 13 specie elencate come minacciate o in pericolo di estinzione ai sensi dell’Endangered Species Act. Gli ecosistemi e le specie di Porto Rico storicamente sono stati in grado di adattarsi agli uragani che forniscono benefici all’ecosistema come il ciclo dei nutrienti. Ma con l’aumento del cambiamento climatico, gli uragani sono ora più intensi e colpiscono l’isola più frequentemente. Piogge più elevate e venti più forti abbattono più alberi e inondano il delicato terreno della foresta pluviale, alterando gli habitat delle specie. Quando gli alberi cadono, i pappagalli perdono le loro aree di nidificazione, la loro principale fonte di cibo (frutta) e la copertura della foresta, diventando più vulnerabili ai predatori.

Molto prima che Cristoforo Colombo innescasse la colonizzazione di Porto Rico, gli uragani facevano parte della vita degli indigeni Taíno. In cerca di protezione dallo spirito malvagio di “Juracán” (uragano), i Taínos si precipitarono sulle vette dei monti Luquillo conosciuti da loro come “Yuke”. Mentre le tempeste passavano, i Taínos pregavano il buon spirito “Yokahu” nelle montagne che oggi fanno parte della foresta nazionale di El Yunque. Ora funge da rifugio per la fauna selvatica dell’isola come una volta per il popolo Taíno.

Quando Colombo arrivò alle spiagge di quella che allora era conosciuta come “Borikén” nel 1493, circa un milione di pappagalli portoricani volarono attraverso le montagne boscose dell’isola. Da allora, gli uccelli sono stati cacciati dagli agricoltori, catturati dall’industria degli animali domestici e costretti a migrare su terreni più alti. La perdita di oltre il 90% delle foreste di Porto Rico, prima per l’agricoltura e poi per lo sviluppo, ha inferto il duro colpo alla specie e l’ha costretta a ritirarsi a El Yunque, l’unico posto in cui i pappagalli sono sopravvissuti per più di 70 anni. Eppure la foresta pluviale nazionale fornisce un habitat meno adatto rispetto alle aree a bassa quota perché le temperature sono più basse, l’umidità è più alta e gli uccelli devono competere con altre specie.

Il pappagallo portoricano ha combattuto a lungo le avversità. Nel 1975, la popolazione scese a 13 individui. Gli uragani sono diventati una delle principali minacce aggravanti per la specie che è appesa a un filo e fa affidamento su un programma di allevamento in cattività per integrare la popolazione selvatica. L’uragano Maria ha spazzato via l’intera popolazione selvatica di circa 55 pappagalli della foresta nazionale di El Yunque.

Jan Paul Zegarra, USFWS

Di fronte a tale perdita, i gestori delle foreste si chiedono come la foresta di El Yunque possa continuare a far progredire il recupero della specie, soprattutto alla luce dell’habitat non ottimale della foresta e della maggiore vulnerabilità agli uragani rispetto alle parti più occidentali di Porto Rico. Gli scienziati ritengono che la foresta nazionale rimanga importante per la sopravvivenza del pappagallo e che tre popolazioni aggiuntive debbano essere ripristinate come ulteriore sicurezza di fronte a minacce come gravi uragani. Per fortuna, il governo ha ristabilito una popolazione nella foresta di Rio Abajo, nella parte occidentale dell’isola, poco prima degli uragani del 2017.

Il Servizio Forestale degli Stati Uniti, che gestisce El Yunque, è obbligato ad aiutare a recuperare le specie in via di estinzione sulle sue terre ai sensi dell’Endangered Species Act e dei regolamenti dell’agenzia. Il Servizio Forestale ha recentemente adottato un piano di gestione rivisto per guidare le attività, compresa la conservazione della fauna selvatica. Sebbene il piano sia stato in gran parte sviluppato prima degli uragani Irma e Maria, include disposizioni che, ad esempio, ordinano al Servizio forestale di proteggere e migliorare l’habitat di nidificazione dei pappagalli, stabilire aree cuscinetto per prevenire il disturbo dei nidi, sostenere il programma di allevamento in cattività e condurre annualmente monitoraggio della popolazione di pappagalli della foresta. Inoltre, il Servizio forestale ha collaborato con il Servizio ittico e della fauna selvatica degli Stati Uniti e il Dipartimento delle risorse naturali e ambientali di Porto Rico dagli anni ’70 per reintrodurre i pappagalli in cattività nella foresta pluviale nella speranza di ripristinare una popolazione vitale.

Mark Davis, USFWS

Sebbene non sia ancora finita, la storia del pappagallo portoricano illustra l’importanza vitale della foresta nazionale di El Yunque per la sopravvivenza della specie. Nonostante l’impatto devastante degli uragani del 2017, le foreste nazionali negli Stati Uniti e nei territori saranno probabilmente sempre più cruciali per la fauna selvatica come rifugio sicuro da incendi estremi, inondazioni e siccità, nonché dagli uragani esacerbati dai cambiamenti climatici.

Anche se il pappagallo deve ancora affrontare delle sfide, ci sono alcune buone notizie. All’inizio dello scorso anno, a El Yunque sono stati liberati 30 uccelli. Con la popolazione del Rio Abajo, ora ci sono circa 200 pappagalli portoricani allo stato brado. Proprio come siamo risorti dalla peggiore stagione degli uragani sull’isola, così ha fatto il pappagallo portoricano, e la mia speranza è che un giorno sarò in grado di vedere questa bellissima specie volare sopra l’isola come una volta.

Gabriel Figueroa Torres era uno stagista del programma federale delle terre quest’estate.

Per leggere questo blog in spagnolo, clicca qui.