La Gran Bretagna implementa misure di sicurezza contro l’influenza aviaria per fermare la diffusione della malattia

31

Il governo ha dichiarato che i cacciatori di uccelli in Inghilterra, Scozia e Galles dovrebbero seguire le misure di sicurezza.

La misura è stata introdotta dal Dipartimento dell’ambiente, dell’alimentazione e degli affari rurali nel mezzo della più grande epidemia di influenza aviaria mai registrata nel paese. Viene sulla scia delle misure regionali per gli alloggi interni implementate la scorsa settimana a Norfolk, Suffolk e parti dell’Essex.

Misure di sicurezza

Secondo il governo, la minaccia per la salute del virus rimane molto bassa. Per prevenire la diffusione della malattia tra il pollame e gli uccelli in cattività, i capi veterinari di Inghilterra, Scozia e Galles hanno proclamato una zona di prevenzione dell’influenza aviaria (AIPZ) in tutto il Regno Unito.

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha affermato che il virus rappresentava un rischio molto basso per la salute pubblica e la Food Standards Agency ha affermato che l’influenza aviaria ha continuato a rappresentare un rischio molto basso per la sicurezza alimentare per i consumatori. Ha affermato che il pollame cotto accuratamente e la carne di pollame, come le uova, sono sicuri da consumare.

Il governo si è astenuto dall’ordinare a tutti i detentori di uccelli di portare i loro animali domestici all’interno, una misura che ora è in atto nella regione dell’Inghilterra.

Ha affermato che i catturatori con molto più di 500 uccelli sarebbero tenuti a limitare l’accesso delle persone non essenziali ai loro siti. Per ridurre il rischio di malattie, i lavoratori dovrebbero cambiarsi i vestiti e le scarpe prima di entrare nei recinti per uccelli e le automobili del sito dovrebbero essere tenute pulite e disinfettate regolarmente.

L’influenza aviaria si trasmette naturalmente negli uccelli selvatici. Quando questi migrano, possono disperderlo su polli e altri uccelli in cattività.

I cacciatori di uccelli hanno incontrato la più grande epidemia di influenza aviaria al mondo quest’anno e l’inverno rappresenta un pericolo ancora maggiore per gli stormi poiché gli uccelli migratori tornano nel Regno Unito, in Inghilterra, in Scozia e in Galles, hanno affermato in una dichiarazione congiunta i capi veterinari.

La migliore forma di difesa sono le meticolose misure di biosicurezza e igiene.

Il Wiltshire Wilderness Trust ha scoperto 20 uccelli selvatici morti, la maggior parte dei quali erano oche canadesi, ora nella riserva del lago di Langford. Oggi ne hanno scoperti altri due, questa volta cigni. Un team Defra ha rimosso due delle carcasse, che ora sono sottoposte a test per una possibile influenza aviaria.

Il manager immobiliare del Wiltshire Wildlife Trust, Dave Turner, ha affermato di aver sospeso tutte le catture di pesci e l’esposizione diretta al litorale presso il santuario, nonché scopi educativi come l’immersione negli stagni. La fiducia ha esortato le persone a rimanere sui sentieri ed evitare di camminare tra le feci degli uccelli.

Leggi anche: L’elefante rinchiuso per 50 anni nella fossa di cemento dello zoo muore meno di sei mesi dopo il salvataggio

L’influenza aviaria si diffonde nell’est dell’Inghilterra

A seguito di una decisione presa dal Dr. Middlemiss sabato, le metriche di stabulazione richieste vengono applicate a tutti gli uccelli e tenuti in cattività, indipendentemente dal loro tipo o dimensione.

A seguito di una serie di focolai, le aree colpite sono state designate costantemente come zona di prevenzione dell’influenza aviaria nell’ultimo mese.

L’attuale strategia Defra, secondo Alaistaire Brice, proprietario di Havensfield Eggs a Eye, Suffolk, non funziona.

Abbiamo poca o nessuna autorità sugli uccelli migratori che arrivano nella tua proprietà: la malattia ora è molto più avanti del gioco, ha spiegato.

Articolo correlato: Gli effetti dello stress legati all’inquinamento acustico persistono nel corpo più a lungo

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.