La megafauna del Nord America probabilmente si è estinta a causa dei cambiamenti climatici

0
8

17 febbraio 2021 07:54 EST

Un nuovo studio pubblicato su Nature Communication suggerisce che la caccia eccessiva da parte dell'aumento delle popolazioni umane dopo il loro ingresso nelle Americhe non è stato il fattore principale che ha portato all'estinzione degli animali più grandi del Nord America.

Piuttosto, lo studio suggerisce che, sulla base del nuovo metodo di modellazione statistica, le popolazioni di animali rge nel Nord America si sono ridotte a causa dei cambiamenti climatici, portando a un calo radicale delle temperature intorno a 13.000 anni fa. Ciò ha iniziato il declino e l'estinzione di questi grandi mammiferi.

(Foto: Pixabay)

Max Planck Extreme Event Research Group

Gli esseri umani possono avere una mano nell'estinzione di grandi animali in modi più complicati e indiretti di quanto credano. Prima di 10.000 anni fa, il Nord America ospitava molte creature di grandi dimensioni, come bradipi, mammut, castori e gliptodonti. Al contrario, la maggior parte degli animali che pesavano più di 44 kg nel Nord America 10.000 anni fa, chiamati anche megafauna, erano scomparsi.

Gli scienziati del Max Planck Extreme Event Research Group di Jena, in Germania, volevano cercare cosa ha portato all'estinzione di questi animali. Il tema è stato dibattuto a fondo per decenni, con la maggior parte degli scienziati che ha sostenuto che la causa fosse la caccia eccessiva da parte degli esseri umani e il cambiamento climatico. Con l'uso di un nuovo metodo di modellazione statistica, i ricercatori hanno trovato una forte prova che il cambiamento climatico è stato il principale fattore che ha portato all'estinzione.

LEGGI ANCHE: 5 animali in via di estinzione che hanno vinto la battaglia contro l'estinzione

Caccia eccessiva contro i cambiamenti climatici

È stato ipotizzato sin dagli anni '60 quando gli esseri umani crescono e si espandono nelle popolazioni attraverso i continenti, l'avvento di cacciatori specializzati nelle Americhe circa 14.000 anni fa ha portato rapidamente all'estinzione molti animali giganti. Gli animali giganti non hanno acquisito i comportamenti anti-predatori appropriati necessari per affrontare un predatore nuovo e altamente sociale, e questo li ha resi facili da cacciare.

Secondo i sostenitori di questa "ipotesi di caccia eccessiva", gli esseri umani presero il pieno dominio degli animali facili da cacciare, distruggendo le popolazioni animali e spingendo incautamente all'estinzione gli animali giganti. Tuttavia, non tutti supportano questa idea. Molti ricercatori hanno sostenuto che le prove a sostegno dell'idea che la caccia alla megafauna fosse abbastanza tenace o illimitata da causare l'estinzione non è sufficiente. Invece, i cambiamenti climatici ed ecologici potrebbero essere stati la causa.

(Foto: Harvey Sapir)

Estinzione della megafauna del Nord America

Tra 15.000 e 12.000 anni fa, all'incirca nel periodo dell'estinzione, ci furono due notevoli cambiamenti climatici. Il primo è accaduto 14.700 anni fa durante un periodo di riscaldamento improvviso, e il secondo è stato uno scatto di freddo avvenuta 12.000 anni fa, in un momento in cui l'emisfero settentrionale è stato ripristinato in condizioni quasi glaciali.

Secondo Mathew Stewart, un co-autore principale dello studio, è stato reso noto che le nuove scoperte mostrano che le popolazioni di megafauna hanno oscillato in risposta ai cambiamenti climatici. "Le popolazioni di megafauna sembrano essere aumentate quando il Nord America ha iniziato a riscaldarsi circa 14.700 anni fa , ma poi vediamo un'alterazione in questa tendenza circa 12.900 anni fa, quando il Nord America iniziò a raffreddarsi drasticamente, e poco dopo inizieremo a vedere l'estinzione della megafauna. "

ARTICOLI CORRELATI: I meriti dell'utilizzo del DNA per far rivivere animali e piante estinti

Per ulteriori notizie, aggiornamenti, su animali di grandi dimensioni e altre storie correlate, non dimenticare di seguire Nature World News!

© 2018 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui