La nuova IA può identificare le specie di zanzare anche dopo essere state splattate

58

L’IA sviluppa la capacità di identificare le specie di insetti schizzati. Per addestrare l’IA, i ricercatori hanno accumulato 1500 foto di insetti schiacciati e illesi. Vogliono creare un’app per smartphone in grado di monitorare le specie che causano agenti patogeni.

(Foto: Perran Ross / Twitter)

Zanzare fastidiose

Quasi tutti hanno avuto la spiacevole sensazione di una puntura di zanzara. Il segno rosso e il prurito delle punture di zanzara derivano da una reazione allergica alla saliva dell’insetto. Tuttavia, il trasferimento di malattie e virus pericolosi, tra cui il virus del Nilo occidentale, il virus della dengue, Zika e la malaria, che possono avere effetti fatali e gravemente debilitanti, può essere un risultato più significativo di alcune punture di zanzara (come encefalite, meningite e microcefalia). Scopri di più sulle malattie trasmesse dalle zanzare.

Oltre alle malattie che colpiscono le persone, le zanzare possono anche diffondere diverse malattie e parassiti a cui cani e cavalli sono particolarmente vulnerabili. Questi includono il virus del Nilo occidentale, la filaria del cane e l’encefalite equina orientale.

Negli Stati Uniti, circa 200 diverse specie di zanzare abitano ambienti distinti, hanno comportamenti distinti e mordono vari tipi di animali. Nonostante queste variazioni, tutte le zanzare hanno diverse caratteristiche, come un ciclo vitale a quattro stadi (uovo, larva, pupa, adulto).

Leggi anche: Le tecniche per affrontare gli incendi possono aiutare il problema delle zanzare

Monitoraggio delle zanzare

(Foto: Pixabay)
Scuole di zanzare

Le tre specie di zanzare più responsabili della trasmissione delle malattie possono essere identificate utilizzando un’intelligenza artificiale addestrata a distinguere tra zanzare vive e morte.

Le zanzare uccidono più esseri umani di qualsiasi altro animale perché possono diffondere malattie come dengue, malaria e Zika. Potrebbe essere più semplice monitorare l’esistenza di diverse specie di zanzare in tutto il mondo se l’IA potesse riconoscerle automaticamente; tuttavia, una tale intelligenza artificiale ha bisogno di molte foto di insetti per essere studiata.

Aedes aegypti, Aedes albopictus e zanzare domestiche del sud sono state fotografate da Song-Quan Ong presso l’Università Malaysia Sabah e Hamdan Ahmad presso l’Università della Scienza, Malaysia, con l’assistenza di tre volontari (Culex quinquefasciatus). Ogni zanzara che ha toccato le mani dei partecipanti è stata fotografata due volte: una subito dopo essere atterrata e una dopo essere stata schizzata.

Altre zanzare sono state eliminate prima che avessero l’opportunità di mordere i volontari, mentre alcune hanno morso i volontari prima di essere uccise. Secondo Ong, “Ci sforziamo di fornire immagini paragonabili alla vita reale”.

Studio approfondito

I ricercatori hanno catturato 1500 foto, metà delle quali di zanzare vive e l’altra metà morte.

Utilizzando questa raccolta di dati, i due hanno addestrato due IA distinte a riconoscere le zanzare sulla pelle umana. Circa l’80% delle volte, l’IA più accurata potrebbe indovinare la specie corretta. Gli individui possono utilizzare un’app per smartphone per identificare le zanzare che incontrano e una tale intelligenza artificiale potrebbe eventualmente alimentare che aiuta i ricercatori a rintracciare questi insetti.

Potenziale progresso

L’identificazione automatizzata delle zanzare è già stata tentata. Un team di studio ha insegnato a un’IA a classificare 15 diversi tipi di zanzare in base al sesso, al genere, alla specie e al ceppo. Un altro team ha insegnato a un’IA a riconoscere 67 specie di zanzare distinte. Ogni persona ha creato un set di dati separato che, in linea di principio, potrebbe essere integrato con quello più recente.

Jannelle Couret dell’Università del Rhode Island ritiene che più foto di zanzare sono disponibili, meglio è.

Articolo correlato: Killers naturali: quali animali hanno il più alto tasso di uccisioni umane?

Per altre notizie sugli animali, non dimenticare di seguire Nature World News!

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.