La Prop 12 della California contestata dalla Corte Suprema degli Stati Uniti

46

Martedì 11 ottobre, la Corte Suprema degli Stati Uniti ascolterà le argomentazioni orali riguardanti la Proposition 12 della California (“Prop 12”). Ciò è in risposta alla causa del National Pork Producers Council contro la legge.

Prop 12, formalmente intitolato “Prevention of Cruelty to Farm Animals Act”, approvato in California nel 2018. La legge ha ricevuto un sostegno schiacciante, con il 63% dei voti. Prop 12 affronta il confinamento estremo di galline, maiali e mucche:

…per prevenire la crudeltà sugli animali eliminando gradualmente i metodi estremi di confinamento degli animali da allevamento, che minacciano anche la salute e la sicurezza dei consumatori della California, e aumentano il rischio di malattie di origine alimentare e gli impatti fiscali negativi associati sullo Stato della California.

– Prop 12

Gli animali, come galline, maiali e vitelli, negli allevamenti intensivi sono confinati in gabbie. Lo spazio che viene loro concesso è piccolo per massimizzare il numero di animali ospitati in una struttura. Queste gabbie non consentono agli animali di muoversi o girarsi per la maggior parte della loro vita.

In queste fattorie, le galline ovaiole sono stipate in gabbie dove non possono spiegare le ali. I piccoli vengono presi dalle loro madri e confinati in casse così piccole che riescono a malapena a muoversi. Le madri maiali sono rinchiuse in casse appena più grandi della larghezza e della lunghezza dei loro corpi, incapaci di girarsi.

La Prop 12 è considerata la legge sulla protezione degli animali d’allevamento più forte degli Stati Uniti. È stato introdotto per eliminare gradualmente il confinamento e migliorare il benessere degli animali e la sicurezza alimentare. E stabilisce requisiti minimi affinché gli allevatori forniscano uno spazio adeguato alle galline, ai maiali utilizzati per l’allevamento e ai vitelli utilizzati per il vitello. I prodotti animali venduti in California, compresi i prodotti importati da altri stati, devono essere conformi a questi requisiti.

La legge aiuta anche a proteggere la salute pubblica dei californiani riducendo le condizioni in cui è stato dimostrato che la sicurezza alimentare e le minacce pandemiche aumentano. Il Center for Food Safety ha approvato la Prop 12 sulla base di studi che mostrano il legame tra il confinamento degli animali e le minacce alla sicurezza alimentare come E. Coli e Salmonella. Gli studi indicano anche che il confinamento genera condizioni per pandemie potenzialmente letali come l’influenza aviaria e suina e il COVID-19.

Il 27 settembre 2021, il National Pork Producers Council (NPPC) e l’American Farm Bureau Federation hanno presentato una petizione per portare il loro caso contro la Prop 12 davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Affermano che la Prop 12 viola la clausola commerciale della Costituzione degli Stati Uniti. Questa clausola limita la capacità degli stati di regolamentare il commercio al di fuori dei propri confini.

Sfidando la Prop 12, l’NPPC chiede alla Corte Suprema di valorizzare i diritti delle multinazionali rispetto ai diritti degli stati e delle comunità di affrontare la crudeltà verso gli animali, proteggere la salute pubblica e migliorare la sicurezza alimentare. Una sentenza a favore dell’NPPC potrebbe limitare radicalmente l’autorità degli stati nel gestire tali preoccupazioni.

La California non è l’unica ad affrontare la reclusione degli animali nella sua legge. Negli Stati Uniti, nove stati vietano o limitano le casse per le madri suini: Arizona, Colorado, Florida, Maine, Massachusetts, Michigan, Ohio, Oregon e Rhode Island. E nove stati oltre alla California hanno vietato l’uso di gabbie per le galline: Arizona, Colorado, Massachusetts, Michigan, Nevada, Ohio, Oregon, Rhode Island, Utah e Washington.

Ascolta il feed audio dall’interno dell’aula di tribunale degli argomenti della Prop 12 e visualizza le trascrizioni: