La revisione del pioppo minaccia la forza dell’ESA

52

La trota toro svolge un ruolo importante nella rete alimentare sia come predatore che come preda in tutto il nord-ovest, ma la specie fa molto affidamento sulla corretta gestione delle terre pubbliche federali per sostenere il suo habitat. Il pesce è considerato una “specie indicatrice”, una specie che segnala problemi di qualità dell’acqua sia per gli esseri umani che per altri animali selvatici. Ha anche avuto un significato culturale per le tribù dei nativi americani per secoli. La trota toro è in grave pericolo ed è elencata come minacciata dall’Endangered Species Act (ESA).

Immagine

Parco Nazionale Olimpico

Per sopravvivere, questo pesce richiede l’acqua più fredda di qualsiasi specie nel nord-ovest: le sue acque sono state storicamente alimentate dai ghiacciai e dallo scioglimento delle nevi. La vegetazione lungo le sponde dei fiumi aiuta a ombreggiare i corsi d’acqua e mantenere le temperature fresche. Ma quando gli allevatori permettono al loro bestiame di pascolare lungo le sponde dei torrenti, questa copertura vegetale scompare, l’acqua si riscalda e i pesci ne subiscono le conseguenze.

La protezione delle specie minacciate e in via di estinzione come la trota toro spesso si riduce all’uso del buon senso. Ogni specie ha bisogno di determinate condizioni di habitat per sopravvivere e prosperare. Nel corso degli anni, gli esseri umani hanno squilibrato gli ecosistemi a causa di una combinazione di sviluppo del territorio, inquinamento, abbattimento delle foreste, intrappolamento e caccia, cambiamento climatico e altro ancora. Ora abbiamo un ruolo importante da svolgere affrontando le minacce alla fauna selvatica che possiamo ancora controllare.

Una soluzione per la trota toro, come per tutte le specie in pericolo, è considerare le sue esigenze nei nostri processi decisionali. Il pesce abita fiumi e torrenti che scorrono attraverso le foreste nazionali, quindi il servizio forestale degli Stati Uniti svolge un ruolo importante nel facilitare la sopravvivenza della trota. Nel 2019, nuove informazioni hanno rivelato la minaccia che il bestiame al pascolo rappresenta per la trota toro. Il servizio forestale ha collaborato con il servizio statunitense per la pesca e la fauna selvatica per affrontare il problema, come richiesto dall’ESA. Questo processo è chiamato “consultazione”. Il servizio forestale ha incorporato nuove salvaguardie nel piano forestale che hanno portato al buon senso ea protezioni efficaci per i pesci richiedendo una migliore recinzione per limitare il pascolo del bestiame nelle aree di riproduzione della trota toro.

Immagine

Parco Nazionale Olimpico

Sfortunatamente, quest’anno è stato presentato al Senato un disegno di legge preoccupante (S.2561) che eliminerebbe gli obblighi di consultazione essenziali per il servizio forestale e il Bureau of Land Management (BLM) nei 439 milioni di acri di terra che gestiscono. Il disegno di legge è colloquialmente noto come “Cottonwood”. Questo soprannome fa riferimento a un caso giudiziario del 2015 incentrato sulla protezione della lince canadese nelle Montagne Rocciose settentrionali (Cottonwood Environmental Law Center contro US Forest Service) che ha riaffermato il dovere di consultazione del servizio forestale. Il disegno di legge annullerebbe questa decisione a favore della fauna selvatica e influenzerebbe negativamente molte delle centinaia di specie minacciate e in via di estinzione che ora si trovano nelle terre del servizio forestale e del BLM, nonché le specie che saranno elencate nell’elenco dell’ESA in futuro.

La consultazione è il meccanismo dell’ESA per i biologi del Fish and Wildlife Service e del National Marine Fisheries Service per analizzare gli impatti delle attività del servizio forestale e del BLM, come i progetti di disboscamento, e per fornire misure intese a mitigare gli impatti dannosi prima che si verifichino. Il servizio forestale e il BLM sono legalmente responsabili di modificare i progetti proposti, quando necessario, in modo da non mettere a repentaglio la sopravvivenza di queste specie o influire negativamente sul loro habitat critico.

La consultazione è richiesta sia per aree di progetti specifici, come il sito di un progetto di disboscamento, sia per i piani generali di gestione del territorio federale che forniscono indicazioni per l’attuazione di progetti in un intero paesaggio, come una foresta nazionale. I piani fungono da progetti a livello di paesaggio che specificano quali attività sono consentite in quali aree federali (ad esempio, quali aree delle foreste nazionali possono essere disboscate) e forniscono disposizioni per proteggere le specie elencate dai danni derivanti dai progetti. Tuttavia, i piani sono spesso vecchi di decenni e non tengono conto delle mutate circostanze, della nuova scienza relativa alle specie elencate o persino delle nuove specie minacciate e in via di estinzione. Quando i piani non sono aggiornati, le agenzie sono tenute a riavviare il processo di consultazione prima di intraprendere attività importanti. Questa consultazione aiuta a garantire che i piani forniscano le disposizioni necessarie per prevenire danni alle specie in pericolo quando il servizio forestale e il BLM sviluppano e attuano progetti.

Immagine

Servizio forestale intermontano

Se le specie non erano minacciate o in pericolo quando il piano è stato inizialmente concepito, è probabile che il piano non le protegga adeguatamente. Allo stesso modo, questa nuova consultazione tiene conto della designazione di nuovi habitat critici e dei principali cambiamenti (come gli impatti dei cambiamenti climatici) nel paesaggio.

I fautori della revisione di Cottonwood incolpano l’ESA di aver arbitrariamente “chiuso” le foreste nazionali a molti progetti, cosa che, secondo loro, porta il disboscamento industriale a un punto morto. Sostengono inoltre che il requisito della legge di riavviare le consultazioni sui piani è ridondante, poiché i progetti sarebbero già stati esaminati sul campo attraverso consultazioni specifiche del sito. Infine, sostengono che questo processo è un onere costoso e dispendioso in termini di tempo per le agenzie federali che non conferisce alcun vantaggio reale alla fauna selvatica.

In realtà, il disegno di legge eliminerebbe l’unico modo per identificare e affrontare i rischi di alto livello per le specie in tutto il paesaggio (ad esempio, i cambiamenti climatici), nonché quelli che potrebbero portare a scenari di “estinzione con mille tagli”. Il servizio forestale potrebbe approvare un singolo progetto di disboscamento che, a suo avviso, non metterebbe a repentaglio la sopravvivenza della lince canadese. Ma la lince potrebbe raggiungere un punto critico se venissero approvati anche altri 20 progetti nelle vicinanze senza che nessuno consideri il quadro più ampio. È importante considerare gli effetti cumulativi di più progetti sulle specie minacciate e in pericolo.

Immagine

Bill Lea

Il particolare tipo di consultazione a cui si rivolge il disegno di legge è in realtà relativamente raro. Il servizio forestale completa solo una media di cinque o sei consultazioni a livello paesaggistico all’anno, la maggior parte delle quali viene completata nel giro di poche settimane. Ma poiché queste consultazioni forniscono l’unico meccanismo per scongiurare il problema dei mille tagli, di solito sono importanti.

Indebolire le salvaguardie di lunga data, necessarie ed efficaci per la fauna selvatica servirebbe solo a porre rimedio a un problema inesistente in modo irresponsabile. La revisione di Cottonwood vanificherebbe l’esigenza di analizzare nuove condizioni e stabilire protezioni adeguate per le specie. Invece, il disegno di legge accelererebbe l’approvazione di progetti dannosi per l’ambiente nonostante il danno che potrebbero causare alla fauna selvatica a rischio.

In poche parole: il disegno di legge minerebbe l’ESA e porterebbe specie minacciate e in via di estinzione, come la trota toro che dipende dalle nostre foreste nazionali e dalle terre BLM, più vicine all’estinzione.

All’inizio di questo mese, Defenders of Wildlife e più di cento altri gruppi ambientalisti hanno inviato una lettera ai leader del Congresso esortandoli a escludere S.2561 da qualsiasi pacchetto legislativo di fine anno. Siamo riusciti a mantenere la disposizione fuori dal pacchetto di finanziamento di fine anno che dovrebbe essere emanato questa settimana. Ma prevediamo pienamente che questo problema, sfortunatamente, riemergerà il prossimo anno. Contatta oggi i tuoi senatori e rappresentanti per assicurarti che siano pronti a opporsi alla revisione di Cottonwood.